“Apprendere dal Gioco”: Indirizzare il Gioco Avversario: la Corsa Arcuata

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“Apprendere dal Gioco”: Indirizzare il Gioco Avversario: la Corsa Arcuata

Tutti sappiamo che il difendente può “indirizzare” il gioco del possessore di palla verso fuori o verso il centro del campo, attraverso una postura del corpo laterale, con una gamba avanzata e una gamba arretrata, in modo da chiudere una determinata direzione all’attaccante.

Anche la traiettoria di corsa del difendente può svolgere la medesima funzione, anzi, risulta ancora più efficace dal momento che si tratta di un mezzo dinamico, in grado di coprire uno spazio maggiore rispetto ad una posizione statica: ecco quindi che una corsa curvilinea, e non rettilinea, permette al difensore di indirizzare l’attaccante verso una determinata zona di campo, oscurando determinate linee di passaggio.

Nel video si nota come Sterling, curvando la sua corsa, oscuri il terzino di parte e spinga quindi il difensore centrale in possesso a giocare verso il centro del campo: l’ala del Manchester City non esce in pressione verticalmente sul difensore del Tottenham, ma descrive un arco da dentro verso fuori per poi tornare dentro, così da chiudere la linea di passaggio per il terzino e aggredire il possessore dall’esterno (spingendolo a giocare dentro).

E’ chiaro dal video come tale accorgimento risulti molto utile nel difendere situazioni di 1 contro 2 orizzontali: oltre a quello già mostrato di ala contro difensore centrale e terzino di parte, anche la situazione della punta contro i due difensori centrali è un altro esempio nel quale questo comportamento può essere efficacemente impiegato.

Proposta di Esercitazione

Gioco di progressione, a tocchi liberi, con l’obiettivo di giocare palla da uno spazio esterno all’altro. Negli spazi esterni si gioca 1c1 più un jolly (Giallo), mentre nello spazio centrale si gioca 5c5: la squadra che attacca deve portare i due esterni lungo le linee laterali del campo (possono essere aggrediti). Il possessore di palla può guidare nello spazio successivo se lo ritiene necessario.

Tutti i giocatori sono zonati, ad eccezione di uno dei difendenti dello spazio centrale che può uscire in pressione nello spazio esterno per creare una situazione di 2c2: è chiaro che non vi è l’obbligo che sia l’esterno ad uscire in pressione, ma nel caso ciò avvenga, la sua traiettoria di corsa dovrà essere curvilinea in modo da chiudere la linea di passaggio verso fuori (come mostrato nell’immagine).

Credit Immagine: http://www.hitc.com/en-gb/2016/10/15/howard-webb-says-seamus-coleman-should-have-been-shown-red-for-r/

Share.

About Author

Emanuele Tedoldi

Emanuele Tedoldi, nato a Lecco nel 1995. Ha allenato le categorie Esordienti, Giovanissimi Regionali e Allievi Regionali in vari settori giovanili lombardi, quali SS Luciano Manara, US Folgore Caratese, USD Casateserogoredo. Attualmente è l’allenatore dell’Under 16 Regionali della Pro Sesto di Sesto San Giovanni (MI).

Leave A Reply