Es. Atletica col pallone: Possessi differenti su 2 campi e cambi di campo Campo necessario: metà campo Giocatori necessari: tutti inclusi Palloni: tutti quelli a… Continua »

Es. Atletica col pallone: Possessi differenti su 2 campi e cambi di campo

Campo necessario: metà campo
Giocatori necessari: tutti inclusi
Palloni: tutti quelli a disposizione

Si preparano 2 campi di gioco, come da figura, distanti 20-25m l’uno dall’altro.
Formiamo quindi 4 squadre e dividiamole sui 2 campi di gioco.

Es. Atletica col pallone Possessi differenti su 2 campi

Nel campo di destra si affronteranno 2 squadre per il mantenimento del possesso palla avente l’obiettivo di trasmettere palla attraverso una delle 5 porticine, sparpagliate nel campo, col compagno che la riceve dall’altra parte per realizzare 1 punto

Nel campo di sinistra si affrontano invece altre 2 squadre con l’obiettivo di mantenere il possesso per colpire, col pallone, uno dei 4 coni posizionati in ordine sparso nel campo. NOTA: i coni vengono posizionati dentro a dei paletti in modo che quando il cono viene colpito non cade e si può continuare a giocare senza doverlo “rimettere in piedi”

In entrambi i campi giocano 1 o 2 Jolly, sempre con chi è in possesso di palla. Questo per facilitare il mantenimento del possesso.
Al fischio del mister, ogni 2′, le squadre sono chiamate ad invertirsi i campi di gioco, e gli obiettivi,mediante un allungo. Arrivati nel nuovo campo le 2 squadre potranno immediatamente iniziare a sifdarsi

Anche i Jolly cambiano di campo

NOTE E OSSERVAZIONI
-Nel caso decidessimo di svolgere l’esercitazione con una prima squadra: i giocatori più anziani potrebbero ricoprire il ruolo di Jolly e potrebbero magari non cambiare di campo ma rimanere sempre nel loro

-E’ fondamentale avere un assistente che controlli uno dei 2 campi. Ecco allora che con 2 allenatori si riusciranno a controllare entrambi i campi di gioco e quando la palla esce troppo lontana ne verrà immediatamente messa in gioco un’altra dall’allenatore

-Non ho parlato di tempi di lavoro nella presentazione all’esercitazione. Questo perchè sarebbe riduttivo e poco specifico, visto che dipende dalla categoria con cui si svolge l’esercitazione e dal tipo di campionato che svolge la squadra in questione. E’ chiaro che una squadra di Allievi Nazionali avrà tempistiche diverse rispetto ad una squadra di Allievi Provinciali. Indicativamente possiamo lavorare dai 6′ di lavoro fin anche ai 12′, eseguendo 2-3 serie..ma queste son solo indicazioni di massima

-Possiamo limitare il numero di tocchi in entrambi i campi. Oppure possiamo limitare i tocchi (2) solo su un campo e lasciare tocchi liberi nell’altro settore. I Jolly possono avere tocchi uguali o differenti agli altri giocatori. In questo modo possiamo lavorare anche sul ritmo e sulla differenziazione

-Come già detto, possiamo mettere anche 2 Jolly per settore. Il numero di Jolly dipende dalla capacità della squadra di mantenere il possesso sfruttando la superiorità numerica offerta dai Jolly. Nei 2 campi non ci deve essere confusione, con la squadra in possesso che cambia continuamente. Il mantenimento del possesso dev’essere avvantaggiato quindi possiamo posizionare anche 2 Jolly per settore

– Le dimensioni dei 2 campi di gioco dipendono principalmente dal livello tecnico-tattico del gruppo con cui si lavora. Più il livello è alto, minori potranno essere le dimensioni e viceversa

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi contributi di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook Ideacalcio

Credit Immagine: http://static.leonardo.it/wp-content/uploads/sites/17/2013/12/Carlitos-Tevez.jpg