Possesso Posizionale contro Lavoro a Pressione

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Possesso Posizionale contro Lavoro a Pressione

L’esercitazione in questione l’ho utilizzata con la categoria Giovanissimi ma è adatta a tutto il settore giovanile per allenare simultaneamente sia gli obiettivi fisici, che quelli tecnico-tattici. In questo caso specifico, la sovra-dimensione è stata di natura fisica mentre la sotto-dimensione è quella di natura tecnico-tattica.

Il numero di giocatori utilizzati è stato 17, tutti quelli a disposizione. Con piccoli accorgimenti è possibile adattarla anche con altri numeri.
Le dimensioni del campo di gioco sono soggettive, basandoci principalmente sulle capacità tecnico-tattiche della nostra rosa.

Nel creare il campo di gioco, prediligere l’ampiezza alla profondità.

Formiamo due squadre da 8 giocatori ciascuna (Gialli e Rossi) e assegniamo loro compiti differenti. La squadra Rossa inizia in possesso e si schiera interamente all’interno del campo di gioco, mentre la squadra Gialla inizia in difesa e con 4 elementi all’interno e 4 sponde sui lati del campo. Un giocatore Blu ricopre il ruolo di Jolly e di Interno di centrocampo.

La squadra Rossa si schiera inoltre in posizione, con una traccia del proprio sistema di gioco. In figura si vedono 3 difensori, 2 centrocampisti (con l’aiuto del Jolly) e i 4 elementi del reparto d’attacco.

Es. Posizionale e Lavoro a pressione 8v4 4All’interno del campo di gioco disponiamo 7 sagome (per le sagome bastano 2 paletti messi a X) come da figura. Ne disponiamo 1 per parte in fascia, in modo da ostruire il passaggio in verticale da esterno basso ad esterno alto e le altre 5 le posizioniamo nella zona centrale a formare 2 ipotetiche linee (centrocampo e difesa avversari).

Le sagome, anche se non sono necessarie per lo svolgimento della proposta, le utilizzo spesso per ostruire alcune linee di passaggio e incentivare la ricerca di linee di passaggio sicure.

Gli Obiettivi dell’esercitazione sono:

  1. Il mantenimento del possesso da parte della squadra Rossa che, sfruttando la superiorità numerica, dovrà ricercare alcune combinazioni di gioco durante il mantenimento della sfera. Le combinazioni che ho ricercato sono:
  • Esterno d’attacco che si muove dentro al campo creando spazio ed esterno basso che parte in sovrapposizione (la sagoma sull’esterno serve appunto a questo; il passaggio in verticale è ostruito e quindi l’esterno alto sarà costretto a muoversi verso il centro del campo quando la palla è in possesso dell’esterno basso).

A questo punto l’esterno alto può entrare per ricevere o semplicemente per creare spazio. La sovrapposizione potrà essere sviluppata a 2 o a 3 giocatori.

Es. Posizionale e Lavoro a pressione 8v4 4(2)

  • La seconda combinazione che ricerchiamo è il movimento incontro della punta tra le 2 linee (rappresentate dalle sagome) per ricevere palla. Il trequartista o gli esterni sfruttano il movimento incontro del compagno e attaccano a turno lo spazio alle sue spalle (il lungo)

Es. Posizionale e Lavoro a pressione 8v4 4(3)

  1. La squadra in difesa (gialli) dovrà invece coordinarsi per un pressing organizzato, con una pressione costante sul possessore finalizzata al recuperare palla. Una volta recuperata la sfera dovrà mantenerne il possesso con l’aiuto delle proprie sponde che giocano rigorosamente a 1 tocco. Il passaggio da sponda a sponda non è consentito.

Si noti nella figura che segue come un difensore sia completamente “distaccato” dal gruppo che va a “cacciare” il pallone. Chi difende dovrà muoversi in maniera compatta, con il più vicino che va ad attaccare il portatore e con i compagni che accorciano gli appoggi più prossimi al possessore.

“Già difendiamo in inferiorità numerica, se poi un elemento non segue il gruppo, diventa ancor più difficile il recupero della sfera”

Va sottolineata inoltre l’importanza della fase di possesso dei Gialli. Più a lungo manterranno il pallone e meno a lungo dovranno correre.

“Fasi di possesso lunghe riducono il tempo passato a difendere” 

Ogni volta che la palla esce il mister ne introduce immediatamente e prontamente un’altra. Predisporre anzitempo le uscite-entrate delle sponde e i ruoli della prossima squadra che giocherà in attacco. In questo modo ridurremo a zero i tempi morti. E’ opportuno disporre di almeno un collaboratore per il recupero dei palloni.

Es. Posizionale e Lavoro a pressione 8v4 4(4)
Tempi di lavoro

Cambio tra interni e sponde Gialle ogni minuto, in modo da avere sempre una pressione massimale all’interno. Tempo di lavoro totale 6′. A questo punto invertiamo i compiti delle due squadre. Ho lavorato con 2 serie (12′ ciascuna), quindi 24′ di lavoro totale.

photo credit: https://tacticalpedia.com/fc-bayern-munich-training-session-1472016-from-carlo-ancelotti/

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply