High Intensity: Lavoro a Pressione 5c1 – Gioco a Squadre Nell’articolo di oggi cercherò di illustrare quello che per me è un validissimo strumento da… Continua »

High Intensity: Lavoro a Pressione 5c1 – Gioco a Squadre

Nell’articolo di oggi cercherò di illustrare quello che per me è un validissimo strumento da sostituire al “lavoro a secco”.
Proposta a mio avviso molto interessante a partire dalla categoria Giovanissimi e che si presta a numerose varianti, aggiustamenti, adattandola a quelle che sono le proprie esigenze.

L’esercitazione l’ho pensata per 14 giocatori, con due squadre da 7 elementi, ma può essere adattata anche a numeri maggiori.
Se avessimo a disposizione 21 giocatori ad esempio, potremmo lavorare con tre squadre che a rotazione si sfidano tra loro.

La proposta va infatti proposta sotto forma di competizione a squadre per innalzare la carica agonistica.

Lavoro a Pressione Massima

Delimitiamo due spazi di gioco adiacenti (in modo da poterli controllare facilmente entrambi).
Sarebbe importante, ma non fondamentale, avere un collaboratore, in modo da poter concentrarsi ognuno sui due campi.

Le dimensioni dello spazio variano moltissimo a seconda del livello tecnico-tattico del proprio gruppo ma prediligiamo spazi preferibilmente più grandi rispetto alle piccole dimensioni.

Ipotizzando di lavorare con 7 giocatori per squadra, schieriamone 5 all’interno del proprio campo mentre gli altri 2 si preparano all’ingresso dell’altro.
I 5 giocatori si schierano con una traccia del proprio sistema di gioco.
Personalmente non amo i possessi palla in cui i giocatori debbano e possano spostarsi ovunque. Preferisco che vi sia ordine nel mantenimento della sfera.

Al via dell’istruttore inizieranno due situazioni di possesso in cui gli attaccanti saranno contrastati da un solo elemento avversario (uno dei due in attesa) che entra a “cacciare”, al massimo delle sue energie, la sfera.

Gli attaccanti ottengono 1 punto ogni 5 passaggi.
Il difensore, per 30 secondi, dovrà portare pressione massima sulla palla, calciandola fuori ogni qualvolta riesca ad intercettarla.

Chiaro che potrebbe sembrare “quasi poco specifico” che il difensore, una volta recuperata la palla, la calci fuori, ma qui il focus dell’esercizio è un altro.
L’obiettivo è far pressare il difensore al massimo delle sue energie.

Scaduti i 30 secondi, senza interruzioni, il difensore all’interno esce e lascia spazio al suo compagno in attesa.
I due difensori lavorano per 2 minuti, quindi, al termine del lavoro del secondo difensore, entrerà nuovamente il primo e successivamente il secondo.

A questo punto cambiamo la coppia di difensori.
Vince la squadra che realizza il maggior numero di punti (ogni 5 passaggi 1 punto; il difensore è incentivato nel portare sempre pressione massima, concedendo meno punti possibili alla squadra in possesso).

Varianti e Osservazioni

* gli attaccanti giocano a tocchi limitati
* aumentare fino a 45 secondo il tempo di lavoro del difensore
* appena la palla esce, il mister ne introduce immediatamente un’altra (aspetto fondamentale)
* in caso di disparità numerica collocare un (J) che si muove sui due campi, cambiando dopo ogni passaggio
* il mister può assegnare 1 punto extra agli attaccanti nel caso il difensore non abbia portato pressione massima per tutta la durata dei 30 secondi

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi articoli di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook di Ideacalcio

Credit Immagine: http://i.dailymail.co.uk/i/pix/2013/06/26/article-0-1A85694B000005DC-7_634x350.jpg