Esercizio Integrato: Lavoro Anaerobico Lattacido e di Resistenza alla Forza

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Esercizio Integrato: Lavoro Anaerobico Lattacido e di Resistenza alla Forza

Nell’articolo di oggi vediamo un esercizio integrato che tuttavia sposta il suo focus sulla dimensione fisica-condizionale del giocatore.

Proposta rivolta in particolare al mondo degli adulti e, con le dovute accortezze, anche alle categorie Juniores, Allievi e Giovanissimi.

Due giocatori, Rosso e Giallo, sono posizionati alle due estremità dell’esercizio, entrambi con un pallone in mano. Blu invece esegue l’esercizio.
Quest’ultimo comincia eseguendo uno slalom tra 3 coni dirigendosi verso Rosso, ricevere il passaggio (con le mani) di questi e restituire d’interno sinistro al volo.

A questo punto Blu si gira e in sprint si porta a saltare lateralmente, con ginocchia al petto, il nastro teso tra due paletti (l’altezza è di circa 30cm).

Blu prosegue aggirando il cono rosso in corsa lenta, torna sul nastro, nuovo saltello laterale per poi dirigersi, con le stesse modalità precedenti, verso Giallo. Slalom tra i coni e gesto tecnico, questa volta col destro. Restituita palla, Blu si porta verso il nastro per il salto laterale e così via.

Eseguire 6 ripetizioni (3+3). Toccherà poi ad un altro giocatore.

Tempo di lavoro e di recupero: 1:2

Possiamo naturalmente modificare il gesto tecnico:

  • collo piede
  • interno controbalzo
  • collo piede controbalzo
  • controllo di coscia, la restituisco al volo
  • controllo di petto, la restituisco al volo

Considerazioni

A seconda delle categoria, possiamo utilizzare più serie di lavoro, mentre coi più giovani (Giovanissimi) possiamo ridurre il carico di lavoro per ogni ripetizione, 4 (2+2) anziché 6.

Il lavoro di resistenza alla forza è garantito dal balzo e dal cambio di direzione. Mentre la forza veloce la ritroviamo nello slalom. Per renderlo ancor più specifico, al posto dello slalom possiamo inserire 2 cambi di direzione o un “vado e torno” (una “mini-navetta”).

Credit Immagine: https://www.foxsports.com.au/football/rumour-mill-psg-eye-neymar-vardy-tipoff-ibra-latest-falcaos-future/news-story/

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

7 commenti

  1. Diego credo sia un buon lavoro di forza, ma non credo di lattacido, sicuramente stimolo leggermente il meccanismo (perchè l’allenamento non è a compartimento stagno) ma non al punto di allenarlo….per esperienza, anche se ci ho provato, non ho mai riscontrato efficacia nelle esercitazioni con palla per allenare il lattacido.

      • Ciao Diego, io la penso come te. Sicuramente si stimola il meccanismo lattacido, ma bisogna sollecitare i giocatori ad eseguire l’esercizio ad alta intensità. Per mettere un pò di brio all’esercizio farei lavorare internamente 2 giocatori che si muovono in modo speculare sui due opposti

  2. X me una componente lattacida si allena ! Con la palla è più difficile raggiungere quel tipo di obiettivo specifico, dipendentemente anche dal livello degli atleti che svolgono l’esercitazione ma in questo caso la componente tecnica è ridotta e se il lavoro è ad alta intensità il meccanismo lattacida viene stimolato !!

  3. Buon esercizio se fatto ad alta intensità si raggiunge la soglia lattacida, ma chi lo dice che il lattato con la palla non si raggiunge?? Oggi si lavora sempre con il pallone!! Bravo Diego!

    • concordo. coi giovanissimi sperimentali non ho ancora fatto un lavoro a secco, tranne per rapidità, prevenzione e mobilità

Leave A Reply