Esercitazione Difensiva per allenare il "marco" - "copro" e la palla Aperta - Chiusa..

Es. Difensiva: Figura a palla centrale e laterale, Palla Aperta – Chiusa

Il campo di gioco viene predisposto prediligendo l’ ampiezza. Direi che potremmo lavorare sui 25-30m.
I 3 difensori, squadra rossa, difende tre porticine di due metri l’una e formate con dei coni.  L’obiettivo dei 2 attaccanti interni sarà quello di ottenere 1 punto attraversando in conduzione una delle tre porte.

Se i difensori recuperano palla dovranno segnare in due porticine laterali.

Sull’esterno del campo collochiamo 3 sponde, 2 in ampiezza e una a sostegno.

L’esercitazione comincia col tecnico che invia palla in favore di uno dei 2 attaccanti. Possiamo anche lavorare sui controlli aerei, col mister che cerca di mettere in difficoltà gli attaccanti con una palla giocata a parabola. La difesa sale velocemente orientandosi verso il possessore.

Es. Difensiva 3v2 più 3 sponde

Gli attaccanti, in fase di possesso, saranno coadiuvati dalle 3 sponde che giocano rigorosamente a 1 tocco. Per la sponda a sostegno possiamo utilizzare anche il portiere. Questa non può in nessun caso entrare dentro il campo, mentre le 2 sponde in ampiezza potranno farlo ma a particolari condizioni:

* sponda che riceve palla ed entra dentro il campo con il primo controllo andando a meta (conduzione nella porticina);
* sponda che riceve ed entra dentro il campo con il primo controllo per poi cercare l’1-2 con un interno per andare a meta;

Nota: se queste 2 situazioni, nel breve evolversi dell’azione, non si verificano, le sponde ritornano in posizione

Es. Difensiva 3v2 più 3 sponde(2)

Se la difesa recupera palla dovrà segnare in una delle 2 porticine laterali, sfruttando la superiorità numerica all’interno del campo.

Es. Difensiva 3v2 più 3 sponde(4)

Osservazioni per la Difesa

* Curare la comunicazione, in particolare il “marco” – “copro”. Il difensore più vicino al possessore uscirà in pressione mentre i 2 compagni assicurano copertura;

* Curare la corretta postura dei difensori, sia del difensore in pressione, sia dei compagni che garantiscono copertura. La corretta postura dei difensori laterali dovrà permettere loro di mantenere, nel loro campo visivo, il contatto visivo con le sponde laterali;

* Figura a palla centrale, triangolo difensivo;

* Figura a palla laterale, diagonale difensiva;

* Osservare il comportamento dei difensori con palla chiusa, difesa che sale e toglie profondità;

* Curare i tempi d’uscita in pressione, facendo attenzione a non finire “fuori tempo”;

* Lavorare anche sul contrasto indiretto, chiudendo le linee di passaggio;

Osservazioni per l’Attacco

Fermo restando che l’esercitazione nasce per curare la fase di non possesso e che quindi le attenzioni maggiori dovranno essere dedicate al reparto difensivo, alcune considerazioni sulla fase di possesso vanno fatte:

* Non attaccare “piatti”, in linea. Ricercare uno dei seguenti sviluppi: 1-2, passaggio filtrante, taglio, sovrapposizione;

* Attenzione ai tempi di smarcamento. Le sponde giocano a 1 tocco e se non trovano spazio per entrare palla al piede, dovranno rigiocare palla all’interno. Ciò comporta, per gli attaccanti, tempi di smarcamento diversi rispetto ai possibili 2 tocchi;

Credit Immagine: http://cdn.corrieredellosport.it/images2/2015/07/19/124015395-2025b3b2-b6c7-45cc-8cd7-5deb5c6204c1.jpg