Perfezionamento Tecnico-Tattico: Controllo Orientato e Smarcamento di Rottura

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Perfezionamento Tecnico-Tattico: Controllo Orientato e Smarcamento di Rottura

Nell’articolo di oggi presento un’esercitazione che abbiamo utilizzato con un gruppo di Giovanissimi Professionisti e che potrebbe essere rivolta alle categorie dell’attività agonistica e, perché no, anche a quella Esordienti.

L’esercizio è una variante dell’articolo visto ieri. Le due proposte sono state utilizzate a distanza di una settimana, lavorando sugli stessi obiettivi. L’articolo di ieri lo potete rivedere a questo Link

Il focus della proposta è rivolto principalmente a due obiettivi:

  1. il controllo orientato
  2. il tempo dell’inserimento

Tra i sotto-obiettivi abbiamo certamente il passaggio. Si noti anche come la proposta potrebbe essere modificata-finalizzata col tiro in porta, inserendo una porta difesa dal portiere.

Giocatori coinvolti: minimo 6 (meglio 7), con 2 palloni. Lavorando con 21 giocatori abbiamo diviso la squadra in tre gruppi, annullando di fatto i tempi morti.

Il giocatore (1) effettua un controllo a chiudere e serve (2). Controllo orientato e passaggio a (3) che si porta tra le linee. Controllo orientato e passaggio a (4) che s’inserisce.

Controlli di (2): *controllo ad assorbire; *controllo a “L”;

Controlli di (3): *interno piede ad aprire; *interno piede a chiudere; *esterno o dietro la gamba d’appoggio (a scelta).

Osservazioni

  1. Il giocatore (4) deve attaccare forte lo spazio (il suo inserimento deve essere imprevedibile).
  2. L’inserimento di (4) deve avvenire coi tempi corretti (c’è il fuorigioco)
  3. Il problema principale è capire quando inserirmi. “Il compagno ha effettuato un controllo corretto? La palla sta giungendo a (3) in modo lineare o è un passaggio “sporco“?
  4. Il passaggio di (3) deve tener conto della velocità di corsa di (4) e andrà giocato profondo, lontano dalle sagome
  5. Il giocatore che si inserisce non deve infatti rallentare la corsa per ricevere il passaggio in profondità
  6. Il tempo dell’inserimento di (3) tra le linee. Trattandosi di un inserimento tra le linee, questo potrà e dovrà avvenire anticipatamente, in modo da generare incertezza nella “squadra che difende”

Credit Immagine: http://www.ilpost.it/wp-content/uploads/2017/08/hellas-verona-napoi-streaming.jpg

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply