Riscaldamento con la Psicocinetica - Trasmissione e Ricezione. Carico Cognitivo Elevatissimo !!

Attivazione con la Psicocinetica – Trasmissione

Premessa

La Psicocinetica e le sue esercitazioni vanno ad allenare la capacità dell’atleta di effettuare e modificare nel più breve tempo possibile un comportamento – movimento in base agli stimoli esterni (visivi, sonori e tattili) che si presentano

Il carico cognitivo dell’esercitazione potrà essere aumentato o diminuito a seconda del numero di varianti che utilizziamo.
Con tutte le sue varianti assume un carico notevole, non adatto a tutti. E’ chiaro che l’esercitazione potrà e dovrà essere adattata a seconda dell’età del gruppo con cui si lavora e a seconda del livello dei ragazzi (più che tecnico, di “velocità di pensiero”..)

L’esercitazione è parte di un “classico”, ossia un’esercitazione abbastanza conosciuta in cui però mettiamo insieme diverse varianti che innalzano moltissimo il carico cognitivo

Svolgimento

Prima cosa sarà quella di scegliere il numero di giocatori impiegati. Potremmo infatti eseguirla a 6 giocatori o a 9. Maggiore sarà il numero di giocatori impiegati e minore sarà il carico cognitivo. Questo perchè con più giocatori avremo maggiori possibilità di passaggio. Con meno giocatori i ragazzi saranno maggiormente coinvolti (toccheranno e riceveranno più volte la sfera) e di conseguenza il carico cognitivo aumenterà

Scelto il numero di giocatori (in figura 6), definiamo 3 colori, verdi, gialli e blu (in figura).
Fatto questo, prepariamo un cerchio con tanti spazi quanti sono i giocatori più 2-3 spazi in più. In figura quindi abbiamo 6 giocatori e 9 spazi (3 vuoti). Ogni giocatori infatti va ad occupare inizialmente uno spazio

Vediamo ore le 3 proposte che ho utilizzato io e successivamente tutte le altre Varianti:

Attivazione Psicocinetica Trasmissione

Utilizziamo 2 palloni. Uno si muoverà coi piedi e l’altro si muoverà con le mani.
Dopo ogni passaggio, che sia effettuato con le mani o coi piedi, si va ad occupare uno spazio vuoto, generandone a nostra volta uno libero

-Trasmissione coi piedi sul cambio colore e a 2 tocchi obbligatori. Quello con le mani si muove sul colore che voglio

-Trasmissione coi piedi su sequenza di colore prestabilita e a 2 tocchi obbligatori(verde-giallo-blu). Quello con le mani sempre sul colore che voglio

-Trasmissione coi piedi su cambio colore e a 1 tocco obbligatorio. Quello con le mani sempre sul colore che voglio

Le Varianti sono innumerevoli. Vediamone alcune:

-Togliamo il pallone con le mani e giochiamo solo coi piedi (carico cognitivo diminuisce)
-Togliamo il cambio di posizione (c.c. diminuisce)
-Togliamo il cambio di posizione quando passiamo con le mani. Coi piedi si cambia (c.c. a mio avviso non cambia, anzi, forse aumenta..)

-Trasmissione a 2 tocchi sul cambio colore coi piedi, così come quella con le mani (c.c. aumenta)
-Trasmissione a 1 tocco coi piedi sul cambio colore, così come quella con le mani (c.c. aumenta)
-Possiamo lavorare con 2 colori anzichè 3 (c.c. diminuisce)

-Possiamo aumentare il numero di giocatori e lavorare con 4 colori (c.c. aumenta)
-Possiamo aumentare il numero di palloni che si muovono con le mani o coi piedi (c.c. aumenta)
-Possiamo lavorare in un primo momento solo con le mani e cambio di posizione (c.c. diminuisce)

Osservazioni

Come vedete, le varianti per aumentare o diminuire il carico cognitivo sono molte.
Per eseguire questo genere d’esercizi serve gente sveglia. Ho allenato sia in prima squadra (seconda categoria) che giovanili di ragazzi selezionati.
L’età c’entra poco… Ho proposto quest’esercitazione in settimana con una squadra di Giovanissimi sperimentali ed è venuta molto meglio che quando la proposi in prima squadra o con una Juniores provinciale

In questo genere d’esercitazione è fondamentale:

-stabilire un contatto visivo tra il possessore e il ricevente
-lavorare sui controlli orientati
-la comunicazione aiuta a ridurre il numero di errori
-recepire il maggior numero di informazioni prima che c’arrivi il pallone, in modo tale da conoscere già la posizione dei compagni e di conseguenza velocizzarsi nei tempi di gioco

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi contenuti di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook Ideacalcio che trovi a questo link

photo credit: _DJ_ via photopin cc