Esercitazioni TecnicoFunzionali: Tempo d’Inserimento e Smarcamento di Rottura (due proposte)

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Esercitazioni TecnicoFunzionali: Tempo d’Inserimento e Smarcamento di Rottura

Nell’articolo di oggi presento due esercizi che ho utilizzato con un gruppo di Giovanissimi Professionisti e che possono essere rivolte alle categorie dell’attività agonistica, Giovanissimi, Allievi e Juniores compresa.

Si tratta di esercitazioni tecnico-funzionali, in cui l’aspetto tecnico è sì rilevante ma viene associato ad un obiettivo tattico inerente al proprio modello di gioco.

Le esercitazioni sono da proporre dopo una buona fase di riscaldamento e presto capiremo il perché.

Gli obiettivi sono dunque:

  1. controllo orientato, sul posto e in movimento
  2. passaggio sulla figura e nello spazio, tenendo presente la velocità di corsa del compagno
  3. sotto-obiettivo tecnico: conduzione
  4. smarcamento di rottura, alle spalle del difendente o di una linea avversaria
  5. sotto-obiettivo tattico: creare spazio per l’inserimento del compagno

Note

  1. Le due proposte sono state utilizzate non nella stessa seduta
  2. Si utilizzano 6-7 giocatori per stazione
  3. Il tempo d’inserimento dovrà avvenire con tempistiche e modalità corrette. Per questa ragione gli esercizi sono da proporre dopo un buon riscaldamento. L’inserimento dovrà avvenire ad alta velocità

Esercizio Numero Uno

Passaggio di (1) a (2), controllo orientato e passaggio a (3). Controllo orientato e guida veloce in direzione della sagoma.

Note:

  1. (3) deve guadagnare campo in avanti col primo controllo
  2. (3) mentre conduce, tiene la testa alta

Passaggio sulla corsa di (4) che può inserirsi alle spalle della seconda sagoma o tra le sagome.

Note:

  1. curare il tempo d’inserimento di (4). La seconda sagoma rappresenta la linea di fuorigioco
  2. a seconda di dove si inserisce (4), angolo più o meno stretto, il passaggio di (3) dovrà prevedere un angolo di passaggio differente

Varianti:

  • (2) si porta a sostegno di (3) durante la conduzione e gli chiama “chiuso” in prossimità di essa; controllo orientato e scarico per (2) che verticalizza per (4) che s’inserisce. Cambiano i tempi di inserimento;
  • (3), durante la conduzione dovrà valutare l’inserimento o meno di (4), sviluppando una delle due soluzioni precedenti

 

Esercizio Numero Due

Passaggio di (1) sulla corsa di (2) che controlla in corsa per iniziare lo slalom. Questi conduce in slalom tra tre coni e all’uscita verticalizza per l’inserimento di (4) che sfrutta il movimento di (3) a creargli spazio.

Note:

  • il controllo in corsa di (2) non è da sottovalutare;
  • (3), nel creare spazio, non da le spalle alla palla;
  • Curare il tempo d’inserimento di (4)

Varianti:

  • (3) viene sul corto per giocare a muro con (2) e quest’ultimo verticalizza per (4). Cambiano i tempi d’inserimento per quest’ultimo.
  • Nota: curare il tempo in cui (3) viene incontro a (2). Non deve ricevere palla da fermo.
  • (3) decide se muoversi sul corto o se creare spazio. (4) dovrà valutare la situazione e adattare i suoi tempi di inserimento

Credit Immagine: http://img.fifa.com/mm/photo/tournament/competition/02/74/65/30/2746530_big-lnd.jpg

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply