Migliorare la Guida della Palla con due esercizi Nell’articolo di oggi presento due proposte, molto semplici nella loro struttura e preparazione, che ho utilizzato col… Continua »

Migliorare la Guida della Palla con due esercizi

Nell’articolo di oggi presento due proposte, molto semplici nella loro struttura e preparazione, che ho utilizzato col mio gruppo di Giovanissimi Professionisti per migliorare il fondamentale della guida della palla.

La guida della palla è talvolta trascurata all’interno di ogni programmazione. L’errore che possiamo commettere è quello di pensare che, arrivati al termine del percorso dell’attività di base, questa sia abbondantemente consolidata. Questo gesto tecnico però, racchiude una serie di sfaccettature, o meglio, variabili, che a volta ci dimentichiamo di allenare.

La guida della palla può infatti essere considerata come:

  1. guida della palla lineare
  2. guida della palla con stop e ripartenza
  3. guida della palla con cambi di direzione
  4. guida della palla con finte
  5. guida della palla variando la frequenza del numero di tocchi
  6. guida della palla a velocità differenti
  7. guida della palla accelerando
  8. guida della palla proteggendola (da un avversario)

Come si può notare, le variabili sono davvero numerose e a mio modo di pensare, è un gesto tecnico che andrebbe sollecitato anche con le categorie più grandi.

Come ho detto, nell’articolo di oggi presento due esercizi che ho utilizzato in questo avvio di stagione.

Esercizio 1

Numero di giocatori ideali: 6 (per semplicità illustrativa ho disegnato solo i primi delle due fila). Un pallone per ciascuno possibilmente.

Partenza in contemporanea dalle due estremità dell’esercizio. Guida della palla in slalom e con “8” sui primi tre cinesini. Nota: si disegna un 8 in conduzione tra il 3° e il 2° cinesino, riprendendo poi lo slalom.

Guida della palla verso lo slalom centrale (più largo rispetto ai primi 3 cinesini di ciascuno), senza scontrarsi col compagno. Si conclude con uno slalom sui tre cinesini di partenza del compagno. L’obiettivo è quello di concludere l’esercizio, in modo corretto, prima del compagno.

Focus:

*accelerare forte all’uscita dei due slalom (il primo e il secondo)

*nello slalom centrale, mantenere il più possibile la testa alta per evitare di scontrarsi col compagno

*adattare la frequenza di tocchi in base al compagno

Modalità: solo destro, sinistro, interno, esterno

 

Esercizio 2

L’esercizio, per numero di giocatori, palloni e modalità, è molto simile all’esercizio precedente.

L’esercizio comincia dalle due estremità opposte. Partenza in contemporanea in conduzione. Slalom tra 3 coni e all’uscita accelero forte per 5-6 metri, slalom sui 3 cinesini posizionati a lato della partenza del compagno. L’obiettivo è quello di concludere l’esercizio, in modo corretto, prima del compagno.

Variante: slalom con “8” sui primi tre cinesini + solo slalom su quelli del compagno

Modalità: solo interno, esterno, destro, sinistro

Focus:

*la difficoltà dell’esercizio risiede nell’accelerare all’uscita dei primi 3 coni per poi riprendere abilmente la guida sugli ultimi tre

*variare abilmente la velocità di conduzione e la frequenza di tocchi

 

Credit Immagine: http://www1.pictures.zimbio.com/gi/Real+Madrid+v+AC+Milan+UEFA+Champions+League+rFXX-4-b32dx.jpg