Miglioriamo il Corretto Posizionamento in fase di Ricezione e il Controllo Orientato Nell’articolo di oggi presento quella che è stata la messa in azione nella… Continua »

Miglioriamo il Corretto Posizionamento in fase di Ricezione e il Controllo Orientato

Nell’articolo di oggi presento quella che è stata la messa in azione nella seduta di martedì 1 Novembre con la mia squadra di Allievi.
L’esercizio è rivolto alle categorie dell’attività agonistica ed è un validissimo mezzo d’allenamento per allenare in particolare i centrocampisti.
Io ho preferito coinvolgere tutti i giocatori perchè gli obiettivi della proposta sono estremamente importanti a prescindere dal ruolo.

Come vedremo, l’esercizio ha anche una sua evoluzione, che può essere svolta in successione alla prima o nel corso delle sedute successive.

L’esercizio si può svolgere con 5 o 4 giocatori. 4 giocatori sono posizionati sui vertici di un quadrato (di dimensioni variabili, ma circa 15×15), con 3 di questi in possesso di palla. Un quinto giocatore è posizionato al centro.

attivazione-tecnica-posizionamento-del-corpo-controllo-orientato

Chi è nel mezzo si orienta verso uno dei compagni con la palla, riceve il passaggio e orienta il controllo verso il compagno senza palla per poi trasmettergli la sfera.
Cambiamo il giocatore al centro a tempo (dopo 1′ o 1’30”).
Il Focus della proposta è incentrato sul corretto orientamento del corpo per il giocatore al centro, tale da permettergli di riuscire a vedere sia chi gli gioca palla, sia il compagno a cui dovrà indirizzare il passaggio.

L’esercizio ha un basso carico cognitivo, tuttavia chi è al centro dovrà sempre conoscere la posizione del giocatore senza palla.
L’ultima indicazione, sempre per il giocatore nel mezzo, è quella di riuscire a giocare con entrambi i piedi.

Variante: chi gioca dentro prende il posto del compagno e quest’ultimo esce dove ha ricevuto palla (da eseguire con 2 palloni anzichè 3).

Evoluzione:

attivazione-tecnica-posizionamento-del-corpo-controllo-orientato2

All’interno del quadrato costruiamo un quadrato 4×4 e posizioniamo un difensore nel quadrato più grande.
L’attaccante nel mezzo si orienta per ricevere palla e sul passaggio il difensore decide se portare o meno pressione all’attaccante.

Chi gioca palla dovrà vedere l’intenzione del difensore e comunicarlo al compagno:
* 1) il difensore porta pressione –> “Uomo”: chi riceve gioca a 1 tocco su chi gli ha effettuato il passaggio o sul compagno senza palla;
* 2) il difensore resta fuori dal quadrato –> “Solo”: controllo orientato e gioco al 3° attaccante. Cambiamo attaccante centrale e difensore a tempo.

Avendo a disposizione un numero di giocatori non divisibile per 5, ho svolto la proposta anche con 4 elementi. Come? Due giocatori sui vertici e un attaccante e un difensore nel mezzo. Un solo pallone. I due giocatori fuori, ogni 20 secondi circa, cambiano la la loro posizione, senza interrompere il gioco (altrimenti chi gioca dentro ha due punti di riferimento fissi e gioca sempre nella stessa direzione).

Anche in questo caso cambiamo difensore e attaccante nel mezzo a tempo.

 

Credit Immagine: http://media.gettyimages.com/photos/paris-saintgermains-italian-midfielder-marco-verratti-takes-part-in-a-picture-id502681402