“Scuola Calcio” Barcellona: Controllo-Passaggio in regime di Psicocinetica Premessa L’esercitazione in esame è stata proposta da Isaac Oriol Guerrero, coordinatore della Scuola di formazione del… Continua »

“Scuola Calcio” Barcellona: Controllo-Passaggio in regime di Psicocinetica

Premessa

L’esercitazione in esame è stata proposta da Isaac Oriol Guerrero, coordinatore della Scuola di formazione del Barcellona, in uno dei Clinic (incontri di formazione) tenuti dal Calcio Padova quasi 2 anni fa e che venne anche pubblicata sulla rivista Il Nuovo Calcio di allora

Svolgimento

Le dimensioni del campo di gioco variano a seconda del numero di giocatori che si hanno a disposizione, più saranno i giocatori impegnati maggiori saranno le dimensioni del campo di gioco
Formiamo 3 gruppi di giocatori di 3 colori differenti. Consegniamo ad ogni gruppo 1 pallone

Messa in Azione Psicocinetica Real Madrid

Richiediamo un movimento palla a 3 colori con l’obiettivo di passaggio sul terzo colore, diverso dal mio colore e da quello che mi ha dato palla.

Dopo una prima fase in cui i ragazzi lavorano sulla circolazione palla a 3 colori e sul ricercare la prossima giocata ancor prima di ricevere palla, dando una notevole importanza ai controlli orientati, passeremo all’esercizio in figura.

Aggiungiamo tre ragazzi, uno per colore e del colore di quelli all’interno, che conducono palla al di fuori del quadrato, con l’unica richiesta di rimanere sempre su un lato differente dagli altri 2 compagni

All’interno del quadrato continuerà l’esercizio base ma verrà notevolmente complicato dalla variante che segue:

Allinterno i ragazzi continueranno l’esercizio chiamando ad alta voce il colore della casacca del compagno che sta conducendo palla fuori dal quadrato sul lato della loro schiena. In figura si vede il giocatore Bianco chiamare “Rosso” perchè alle sue spalle sta conducendo il colore rosso.

OSSERVAZIONI

L’esercitazione, oltre a permetterci di lavorare sugli aspetti tecnici del controllo e del passaggio, ci permette di lavorare sulle capacità percettive e in particolare sul canale visivo, andando a lavorare sulla visione periferica. L’obiettivo è quello di arrivare al punto che il giocatore ricevente dica il colore alle sue spalle ancor prima di ricevere palla.

L’esercitazione può essere tuttavia ancor più complicata. Può essere chiesto, a chi effettua il passaggio, di portar pressione passiva sul ricevente che a questo punto dovrà effettuare un controllo orientato per eludere l’intervento (passivo) del compagno e al tempo stesso vedere il colore alle sue spalle. Per finire dovrà ricercare, nel minor tempo possibile, il terzo colore a cui passar palla

I tre giocatori all’esterno vengono cambiati a tempo

E’ chiaro che per svolgerlo perfettamente con ragazzini di 10 anni occorra del tempo…piò o meno tanto a seconda del livello dei bambini che abbiamo a disposizione. E’ chiaro che parlando di Barcellona già mi immagino la palla scorrere ad alta velocità con tutti i bambini a testa alta

Nota: per rimanere ogni giorno aggiornati sui nuovi contributi di Ideacalcio seguimi alla pagina Facebook Ideacalcio

Credit Immagine: http://sport.sky.it/static/contentimages/original/sezioni/sport/calcio_estero/2011/11/25/takefusa_kubo_barcellona.jpg