Giochi per l’attività di base: i pompieri Adatto per: bambini di prima e seconda elementare, 6-8 anni. Dalla terza elementare rischia di diventare poco stimolante… Continua »

Giochi per l’attività di base: i pompieri

Adatto per: bambini di prima e seconda elementare, 6-8 anni. Dalla terza elementare rischia di diventare poco stimolante per i ragazzi

Si formano 2 o più squadre, a seconda del numero di bambini a disposizione. Massimo 6-7 bambini per squadra.

I bambini si posizioneranno ciascuno dentro ad un cerchio, disposti come da figura. Distanza tra un cerchio e l’altro 1.5m circa. A 5m circa dal primo cerchio si posizionano tutti gli oggetti a nostra disposizione. Va bene praticamente tutto, coni, cinesini, casacche, palloni ecc..

Giochi I Pompieri

Al via dell’istruttore il primo bambino di ogni squadra corre a prendere un oggetto qualsiasi e ritorna nel proprio cerchio. A questo punto ha inizio la catena..i bambini dovranno passarsi l’oggetto (senza lanciarlo, qualcuno senz’altro ci penserà) di mano in mano fino che questo non arriva all’ultimo bambino. L’ultimo bambino corre fin al proprio “magazzino” (cerchio colorato) dove depositerà l’oggetto recuperato.

Non appena l’ultimo bambino lascia il proprio cerchio tutti gli altri bambini dovranno scalare di una posizione e l’ultimo bambino, dopo aver depositato l’oggetto, corre a recuperarne un altro per poi fare il passamano.

Vince la squadra che recupera più oggetti.

Osservazioni e Considerazioni

Si può raccontare ai bambini che la casa sta andando a fuoco e dobbiamo mettere in salvo gli oggetti preziosi. Per farlo dovremmo fare come i pompieri…passandoci le cose e “giocando di squadra”.

Il gioco può sembrare molto banale ma vi invito a proporlo ad una classe prima per vedere che succcede. Premesso che le
differenze tra una prima e una seconda si notano moltissimo durante il gioco, sarà facilissimo notare una scarsa attenzione.

Proposto nelle scuole mi capita sempre di vedere che qualche bambino “s’addormenta” durante il passamano e invece di essere già pronto con le mani rivolte al compagno che gli passa l’oggetto, magari sta guardando persino da un’altra parte. O ancora, capiterà di osservare che molti bambini non sono pronti a cambiare di posto quando l’ultimo compagno lascia il proprio cerchio. I bambini più “svegli” in questo gioco si noteranno subito, in quanto saranno i primi a richiamare l’attenzione del compagno vicino che magari starà guardando da un’altra parte.

Ecco che, nella composizione delle squadre, consiglio di non mettere vicini 2 compagni molto disattenti.

Il gioco risulta uno strumento utile per migliorare l’attenzione e per inserire una prima forma di collaborazione

Nota: per rimanere ogni giorno aggiornati sui nuovi contributi di Ideacalcio, seguimi alla pagina Facebook Ideacalcio

Credit Immagine: http://www.pu24.it/wp/wp-content/uploads/2011/11/Vigili-del-Fuoco-7.jpg