Gioco di Posizione 2v2 + 3 Jolly Vediamo oggi un’interessante gioco di posizione che può essere utilizzato nella messa in azione o nella fase centrale,… Continua »

Gioco di Posizione 2v2 + 3 Jolly

Vediamo oggi un’interessante gioco di posizione che può essere utilizzato nella messa in azione o nella fase centrale, a seconda della categoria a cui viene proposto.
L’obiettivo è il mantenimento del possesso palla, migliorando i fondamentali tecnici del controllo e del passaggio e lavorando sullo smarcamento.

Il mantenimento del possesso è finalizzato a muovere velocemente palla da una zona esterna all’altra, creando superiorità numerica sul corto o sul lungo.

Campo di gioco: 20×10 diviso in due metà
Nota: le dimensioni comunque sono variabili e dipendono dalla categoria con cui si lavora e dalle capacità del proprio gruppo

Gioco di Posizione 2v2 3 Jolly

Scegliamo innanzitutto i nostri 3 Jolly.
Questi dovranno assumere i ruoli di sostegno, interno e vertice. Per il primo possiamo utilizzare un difensore centrale o un portiere, per il secondo un centrocampista e per il terzo un attaccante.

A seconda della categoria con cui si lavora possiamo ruotare o meno i giocatori nei vari ruoli.
Nella scuola calcio per esempio è assolutamente consigliabile far provare a tutti i vari ruoli. La specializzazione avverà infatti nell’attività agonistica.

In un campo 20×10 diviso in due metà uguali, si gioca 2v2 con 2 Jolly posizionati sui lati corti ( sostegno e vertice ) e con un Jolly che è libero di muoversi tra le due metà campo. Formiamo poi 2 coppie e disponiamo un giocatore per coppia per ogni metà campo. Questi giocatori saranno zonati e non potranno quindi cambiare di campo.

I Jolly giocano ad 1 tocco e sempre con la squadra in superiorità numerica.
Ogni 2′ possiamo cambiare i ruoli.

All’interno possiamo giocare a tocchi liberi, 3 o 2.
I Jolly possono giocare anche a 2 tocchi.
Il Jolly interno può avere tocchi differenti rispetto agli altri 2 Jolly.

Osservazioni

Se i Jolly giocano a 1 tocco, grande rilevanza sarà data allo smarcamento e al tempo di questo. Infatti il Jolly dovrà percepire e analizzare il movimento dei compagni prima di ricevere la sfera e i componenti all’interno dovranno anticipare il tempo per l’eventuale contromovimento.

Il Jolly all’interno dovrà poi valutare se creare la superiorità numerica sul corto, andando in zona palla, o sul lungo, spostandosi nell’altra metà campo.
L’obiettivo resta comunque quello di mantenere il possesso della sfera muovendo palla da una zona esterna all’altra.

Possiamo anche permettere l’interscambio di posizione tra le due coppie nel mezzo.
Un esempio: il Jolly a sostegno sta per ricevere palla e l’attaccante all’interno è marcato stretto dal proprio oppositore. Vista l’impossibilità di ricevere palla, si alza nel seconda quandrato, facendo abbassare il compagno che a questo punto potrà entrare nello spazio andando ad occupare la posizione migliore per ricevere palla.
Analoga soluzione può essere eseguita trasmettendo palla al vertice

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi contenuti di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook Ideacalcio che trovi a questo Link

Credit Immagine: http://static.goal.com/147800/147847_heroa.jpg