Gioco di posizione 3v3+3 Jolly. Modulo 4-3-2-1 Oggi ripropongo una mia vecchia proposta. Si tratta di un Gioco di Posizione impostato per il sistema di… Continua »

Gioco di posizione 3v3+3 Jolly. Modulo 4-3-2-1

Oggi ripropongo una mia vecchia proposta. Si tratta di un Gioco di Posizione impostato per il sistema di gioco 4-3-2-1, soluzione che ho più volte adottato in questi anni per garantire la superiorità numerica a centrocampo, con il fine di dominare il gioco e di fornire meno punti di riferimento possibili agli avversari.
Il famoso “albero di Natale” tanto caro a Carlo Ancelotti.

Le dimensioni del campo di gioco dipendono principalmente dal livello tecnico del gruppo a disposizione. Consiglio comunque di prediligere l’ampiezza alla profondità, in quanto il passaggio da (4) ai 2 trequartisti deve essere ricercato con frequenza.

Scegliamo innanzitutto i nostri 3 Jolly, che saranno:
il mediano (4) e i 2 trequartisti (10) e (11).

Formiamo poi due squadre da tre elementi, composte ognuna da due mezz’ali (7) e (8) e dalla punta (9)

Gioco di posizione Modulo 4-3-2-1 3v33

Una squadra inizia in fase di possesso e gioca sfruttando la massima ampiezza del campo di gioco, così da attrarre su di sè la pressione degli avversari che invece faranno densità nel mezzo. Se gli avversari giocano “dentro” cercheremo il passaggio in ampiezza, se gli avversari portano pressione sull’esterno allora cercheremo il passaggio in profondità.

Il concetto appena descritto è fondamentale per imparare a muovere palla con disinvoltura e per destabilizzare il sistema difensivo avversario, ma richiede una discreta lettura delle diverse situazioni di gioco, quindi tempo e lavoro.

L’obiettivo primario è il mantenimento del possesso sfruttando la superiorità numerica offerta dai Jolly.

I tocchi a disposizione possono essere: liberi, 3, 2, 1..uguali o differenti per i Jolly

Possiamo permettere che i difensori lavorino solo sull’intercetto (con la proposta che può essere utilizzata anche come forma di attivazione nei mesi più caldi) o anche sul contrasto.

Cambiamo i difensori a tempo (ogni 2′), o dopo un numero prestabilito di intercetti (5-6-..) oppure ad ogni cambio di possesso ed è questa senz’altro la soluzione più interessante, perchè ci permette di lavorare sulle due fasi di transizione.
Quando i difensori recuperano palla la giocano su un Jolly e si aprono mentre al contrario la squadra che ha perso palla entra immediatamente a caccia del pallone.

Osservazioni

Uno dei concetti più interessanti su cui lavorare è l’interscambio di posizione tra trequartista e mezz’ala quando il primo si trovasse controllato direttamente da un avversario, soluzione che in partita si può verificare spesso. Ecco allora che la nostra mezz’ala si alza tra le linee e il trequartista viene a ricevere palla in posizione più arretrata.

<

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi articoli di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook di Ideacalcio che trovi a questo Link

photo credit: via photopin (license)