Gioco di posizione: 6v3, Modulo 4-2-3-1 Vediamo oggi un gioco di posizione molto adatto per chi utilizza il sistema di gioco 4-2-3-1. Il gioco di… Continua »

Gioco di posizione: 6v3, Modulo 4-2-3-1

Vediamo oggi un gioco di posizione molto adatto per chi utilizza il sistema di gioco 4-2-3-1.
Il gioco di posizione metterà in risalto le interazioni e la collaborazione tra gli elementi del nostro pacchetto offensivo, composto da centrocampisti e attaccanti.

Campo di gioco: 30 x 25 (prediligere l’ampiezza)
Nota: le dimensioni possono comunque variare a seconda del livello e della categoria con sui si lavora

Scegliamo innanzitutto i nostri 3 Jolly che, nel nostro 4-2-3-1, saranno la punta e i due esterni d’attacco.

Formiamo poi 3 squadre, composte ciascuna dai 2 centrocampisti centrali e dal trequartista.
All’interno si gioca 3v3, rossi contro blu.

La squadra in possesso gioca ad un max di 2 tocchi e può sfruttare la superiorità numerica offerta dai Jolly che giocano anch’essi a 2 tocchi oppure ad 1 tocco, a discrezione dell’allenatore valutando il livello tecnico-tattico del gruppo.

Gioco di posizione 6v3 Modulo 4-2-3-1

Si crea quindi una situazione di 6v3, coi due centrocampisti centrali a sostegno, il trequartista tra le linee, i due esterni d’attacco in ampiezza e la nostra punta in profondità.
I sei elementi saranno ostacolati dai 3 centrocampisti avversari.

Varianti

Possiamo cambiare la “squadra rapina” a tempo, ogni 3-4′, oppure dopo un numero prestabilito di intercetti (5-6-7-..), permettendo o meno il contrasto a seconda che si stia lavorando nella messa in azione o nella fase centrale.

La variante più interessante, che ci permette di lavorare anche sulla transizione negativa, è quella che vede il cambio della “squadra rapina” ad ogni cambio di possesso. Chi ha intercettata palla gioca su un Jolly e si apre, mentre chi era in possesso entra immediatamente nel mezzo per impedire il consolidamento del possesso.

Un’altra variante molto interessante potrebbe prevedere che i 3 centrocampisti rossi, una volta recuperata palla, dovranno condurla fuori dal campo di gioco sul lato dei nostri 3 elementi d’attacco. In questo modo stimoleremo la transizione positiva dei centrocampisti attraverso la guida della palla finalizzata alla conquista dello spazio e la transizione negativa dei nostri 3 elementi offensivi, chiamati ad accorciare sui neo-possessori

Osservazioni

L’esercitazione ci servirà per allenare alcune interazioni e sincronismi tra i vari elementi, come ad esempio:

-i due centrocampisti in fase di possesso non dovranno farsi trovare sulla stessa linea, bensì uno dei due dovrà entrare dentro il campo. In questo modo eviteremo il passaggio orizzontale

-il trequartista dovrà essere abile a farsi trovare alle spalle dei 3 centrocampisti avversari o, nel caso non trovasse spazio, abbassarsi sulla linea dei propri centrocampisti, con uno di questi che si alzerà tra le linee

-la nostra punta dovrà essere abile a farsi trovare sempre in zona luce e mai in verticale col nostro trequartista

-con palla giocata alla punta, uno dei due esterni d’attacco entra a ricevere lo scarico mentre l’altro rimane in ampiezza

Molto efficace risulterà poi la circolazione dentro-fuori, sfruttando la superiorià numerica in ampiezza per poi ricercare la profondità.

Nota: per rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi contributi di Ideacalcio, seguimi alla pagina Facebook Ideacalcio che trovi a questo Link

Credit Immagine: http://mrg.bz/DTPK1e