Gioco di Posizione 6v6 + 2 Jolly Oggi rivediamo una mia vecchia proposta alla quale ho aggiunto qualche osservazione e variante frutto dell’esperienza sul campo.… Continua »

Gioco di Posizione 6v6 + 2 Jolly

Oggi rivediamo una mia vecchia proposta alla quale ho aggiunto qualche osservazione e variante frutto dell’esperienza sul campo.
Si tratta di un “classico” gioco di posizione in cui impieghiamo 14 giocatori e impostato per il sistema di gioco 4-3-3 .

Le dimensioni del campo di gioco possono essere variabili e dipendono dal livello tecnico del gruppo con cui si lavora. Proposte come queste si possono arrivare a far svolgere su campi di dimensioni 16×12, ma ciò richiede capacità tecnico-tattiche poco comuni.
L’orientamento del campo di gioco può essere prevalentemente verticale, come da figura, o per lavorare maggiormente sull’ampiezza.

Si gioca 6v6 con 2 Jolly interni, i nostri 2 centrocampisti centrali.
Gli altri 6 giocatori per squadra sono:
– un difensore centrale: sostegno
– 2 terzini: esterni
– 2 esterni alti: esterni
– un attaccante: vertice

Gioco di posizione 6v6 2 Jolly

La squadra impegnata in fase di possesso palla gioca “fuori”, sfruttando l’ampiezza mentre la “squadra rapina” gioca “dentro” facendo densità nel mezzo.
Sul recupero del pallone da parte dei rossi questi giocano palla su un Jolly e si aprono mentre la squadra che ha perso palla entra a “cacciarlo”.

E se recuperano palla sull’errore di un Jolly?
La squadra rossa dovrà condurre all’esterno del campo il pallone.

E’ molto importante porre l’attenzione sulla fase di transizione negativa. L’esperienza sul campo mi ha infatti confermato che è più un aspetto mentale-psicologico piuttosto che tattico-strategico.
Chi perde il pallone deve essere prontissimo a passare dalla fase di possesso a quella di non possesso, aggredendo immediatamente i nuovi possessori che a loro volta cercheranno il consolidamento del possesso.

I tocchi possono essere lasciati liberi o vincolati: liberi,2,1..uguali o differenti per i Jolly. Ciò dipende anche dal livello tecnico del gruppo. A seconda del numero di tocchi possiamo avere-allenare sotto-obiettivi differenti.

Osservazioni

Le dimensioni del campo di gioco possono essere volutamente grandi se vogliamo che la proposta assuma anche una valenza condizionale.

L’esercitazione può poi essere proposta come messa in azione nei mesi più caldi, vietando il contrasto per la squadra in difesa e permettendo il solo intercetto. A tempo, o dopo un numero di intercetti, possiamo cambiare i compiti delle due squadre.
A questo punto, dopo una fase di attivazione, la proposta può assumere una valenza maggiormente situazionale, proponendola nella sua versione originale.

E’ consigliabile che il mister stia a bordo campo, con un buon numero di palloni, pronto ad inserirne non appena questi escono dal campo di gioco.

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi articoli di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook di Ideacalcio che trovi a questo Link

photo credit: img_2165 via photopin (license)