“La mia Metodologia di Lavoro con la Categoria Pulcini” di Franzoso Diego

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

La mia Metodologia di Lavoro con la categoria Pulcini

La mia seduta d’allenamento per la categoria Pulcini, è divisa in 4 fasi.

FASE INIZIALE: O messa in moto. In questo primo approccio all’allenamento mi piace proporre giochi popolari, anche senza alcuna finalità col calcio. Perchè?? Perchè il tempo libero dei bambini è sempre meno e molti giochi che una volta si facevano “per strada” con gli amici, ormai si stanno perdendo ed il risultato è sotto gli occhi di tutti gli istruttori. Bambini di 8 anni che non sanno ancora correre. Lanci e prese con la palla che restano un “mistero” per molti bambini. Saltare, rotolare e tutti gli altri schemi motori di base , per diversi bambini non sono ancora appresi e come possiamo pensare allora di far fare una guida della palla ad un bambino che non ha ancora la padronanza della corsa?
Un primo impatto gioioso e ludico nella nostra prima parte di allenamento, farà si l’entusiasmo condizioni anche il resto della seduta.
Un’ altro obiettivo che mi prefiggo di raggiungere sempre nella fase iniziale, è il dominio dell’attrezzo (palla) o quello di migliorare i cambi di direzione. Ecco quindi che nella prima fase alterno giochi popolari-dominio e cambi di direzione.
Di esercizi per il miglioramento della sensibilità piede-palla se ne trovano moltissimi anche su youtube mentre per quanto riguarda i cambi di direzione seguo alcune esercitazioni proposte dal metodo Coerver Coaching.
Perchè i cambi di direzione? Perchè sul campo si creano molti duelli 1v1 e chi sa vincerli crea superiorità numerica e una buona possibilità di una segnatura. Ecco quindi che mi piace lavorare sulla guida della palla e sui cambi di direzione già dalla messa in moto.

SECONDA FASE/ SVILUPPO DELLA MOTRICITA’ : L’ obiettivo è quello di migliorare le capacità coordinative. Siamo in una fase sensibile per l’apprendimento di queste capacità; di fatti, la fascia d’età che va dai 6 ai 12 anni viene detta appunto fase sensibile perchè una sollecitazione delle capacità coordinative in questa fascia d’età porta a degli incrementi significativi rispetto ad allenarle in un altro momento della crescita del ragazzo.
Le capacità coordinative sono FONDAMENTALI perchè su di esse si costruiscono le capacità tecniche e questo è un concetto che va ribadito più e più volte. Quante volte ci sarà capitato di vedere il più bravino con la palla essere anche il più coordinato nelle es. motorie e viceversa soprattutto.
Proporre però un es. esclusivamente motoria non lo ritengo opportuno visto il poco tempo a disposizione. Ecco quindi che ho sviluppato diverse esercitazioni TECNICO – MOTORIE che potete trovare nella sezione inerente (Es. Tecnico-Motorie).Uno degli aspetti in cui credo di più, è lo sviluppo delle capacità percettive in quanto è importante saper compiere la SCELTA migliore a seconda delle altre variabili sul campo (pallone, compagni, avversari e porta). Le capacità percettive dipendono in gran parte dalla sollecitazione sensoriale; sono utili ad interpretare gli stimoli esterni e permettono di adattarsi all’ambiente. Il loro sviluppo avviene proponendo attività che richiedono l’intervento degli analizzatori —-> utilizzando soprattutto il canale visivo in primis e il canale uditivo come alternativa.
Per quanto riguarda l’aspetto tecnico, nelle es. tecnico motorie, lavoro molto sul contrasto. Il contrasto è bene ricordarlo, è uno dei gesti tecnici del gioco del calcio e viene troppe volte trascurato. Premetto però che il mio intento non è tanto quello di allenare il gesto tecnico in sè ma più che altro di allenare ciò che “contiene”…l’aspetto psicologico se vogliamo…l’AGGRESSIVITA’. Il bambino al primo trauma, anche al più lieve, cerca sempre o spesso l’aiuto di qualcuno e il più delle volte è più un “grido d’aiuto” che un reale dolore fisico. Fin dal primo giorno ho intrapreso la strada del “ce la puoi fare anche da solo” e dopo due sole settimane ho visto i primi risultati. A distanza di poco tempo ho visto i bambini rialzarsi in piena autonomia e nel giro di pochi secondi, anche in seguito a contrasti decisi. Emblematica fu una mia domanda ad un bambino che s’era scontrato (contrasto ben deciso di entrambi i bambini) non più di un minuto prima con un compagno:” Ti sei fatto male?” la sua risposta fu “Quando??”
Ne consegue un atteggiamento poi in partita sempre deciso e senza nessuna paura. Ho notato anche che se durante la settimana inserisco il contrasto nelle es. motorie poi nella partita del week-end la squadra sembra quasi più decisa, mentre appare più timorosa se non viene allenato durante la settimana.
Sempre nelle es.tecnico-motorie inserisco spesso il tiro e l’1v1.

NOTE: Siccome so di far storcere il naso a qualche istruttore con queste mie ultime righe, ci tengo a precisare che nei casi in cui è palese che lo scontro di gioco sia andato oltre i limiti, il gioco viene fermato e mi assicuro delle condizioni del ragazzo. Allenare l’aggressività non significa allenare la violenza ma bensì un atteggiamento psicologico che si riperquote positivamente poi in gara. Purtroppo ho commesso l’errore opposto quando iniziai ad allenare 7 anni fa. Squadra pulcini ultimo anno, ad ogni scontro mi fermavo a sincerarmi delle condizioni del ragazzo e fischiavo fallo per ogni minimo contrasto. Quel gruppo di ragazzi lo seguo ancor’oggi, secondo anno Allievi..gruppo con buone doti tecniche ma carente proprio dal punto di vista dell’aggressività e della determinazione.

FASE CENTRALE: APPRENDIMENTO TECNICO : L’obiettivo è il miglioramento dei 5 principali gesti tecnici: guida della palla/dribbling, calciare (passaggio e tiro), colpo di testa, ricezione e contrasto (gli altri due, parata del portiere e rimessa laterale vengono inseriti occasionalmente). Nella prima parte di stagione ho lavorato soprattutto su finta e dribbling e come conseguenza l’1v1. Nella seconda parte di stagione su controllo- passaggio e come conseguenza l’1-2. Per quanto riguarda questi due aspetti, il controllo è stato sviluppato come controllo orientato mentre per quanto riguarda il passaggio l’ho curato prima in forma “semplice”, inserendolo magari in un esercitazione per il tiro in porta e poi sottoforma di 1-2. 1-2 che ci permette di lavorare sia sull’aspetto tecnico ma anche sull’aspetto COLLABORAZIONALE. Ha poi un innegabile efficacia ed instaura nei ragazzi una forma d’aiuto da portare al possessore. Troppe volte, anche tra i più grandi si assiste al possessore di palla che viene quasi “abbandonato al suo destino”, con appoggi troppo lontani tra loro.
Nell’ultimo periodo, durante l’apprendimento tecnico, ho inserito l’uso delle Parole Chiave. Semplici parole che non sono altro che riferimenti spaziali sul terreno di gioco che permettono ai bambini di capirsi più velocemente. Le parole che ho inserito e che potete trovare nella sezione Scuola Calcio, sono scarica (passaggio dietro), cambia (inteso come aprire il gioco) e dentro (passaggio all’interno del campo quando la palla è sull’esterno). Devo dire che già dopo 2-3 sedute si son visti i primi risultati e fa una certa “impressione” (positiva) sentirli usare un linguaggio CONDIVISO durante le partite.

FASE APPLICATIVA E FINALE: Vengono sviluppate tutte le situazioni di gioco semplice, dall’ 1 contro il portiere al 4v4, anche se le più articolate non le ho ancora affrontate. Come detto in precedenza, nella prima parte di stagione ho curato l’1v1 in seguito al lavoro svolto sul dribbling e in questa seconda parte il 2v1 come conseguenza dell’1-2. La fase applicativa non è altro che l’evoluzione della fase di apprendimento, in cui si complica quasi sempre l’esercitazione precedente. Di recente ho provato anche il 3v1 e il 4v2.
La seduta termina sempre con la classica partitina libera. Nella seconda parte di stagione ho inserito l’1-2 anche nella partitella finale, dando all’1-2 un punteggio maggiore che al gol.

LE MIE CONCLUSIONI: Una capacità coordinativa che ritengo FONDAMENTALE è la capacità di apprendimento. Lavoro con bambini non selezionati e i vari “step” non procedono sempre come si vorrebbe. Fortunatamente però ho un gruppo abbastanza omogeneo. Di recente però mi ha sorpreso un bambino arrivato al campo da un mese e che non aveva mai praticato calcio..La sua capacità di apprendimento è tale che nel giro di un mese ha appreso buona parte delle cose fatte durante tutto l’anno dal resto del gruppo. Ecco quindi che ritengo estremamente fortunato chi ha la possibilità di lavorare con bambini selezionati e con una buona capacità di apprendimento generale.
Un ulteriore aspetto è l’ 1v1 in fase difensiva. Dietro giochiamo l’1v1,non tengo la superiorià numerica. Sia perchè ho un buon riferimento centrale ma soprattutto perchè trovo avvilente tenere giù un bambino in più quando si attacca. Se prendiamo gol in contropiede, perdendo l’ultimo 1v1, non è un problema.
L’allenatore poi deve avere ben chiaro ciò che vuole ottenere, gli obiettivi che vanno perseguiti in questa categoria e come perseguirli. Ed è proprio il COME a fare la differenza. Più volte mè capitato di vedere la medesima esercitazione proposta da mister differenti, assumere esiti diametralmente opposti.

CIO’ CHE HO SCRITTO NON E’ NE’ UNA GUIDA NE’ ORO COLATO..SE A QUALCUNO PERO’ PUO’ SERVIRE PER PRENDERE QUALCHE SPUNTO DI RIFLESSIONE, MI FA SOLO CHE PIACERE. SE POI QUALCUNO VOLESSE COMMENTARE PER APRIRE UNO SCAMBIO DI IDEE,BEN VENGA 😉

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi contenuti di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook Ideacalcio che puoi trovare a questo link

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

87 commenti

  1. al solito, complimenti per l’articolo.
    La mia domanda è: cosa/come cambi di questa metodologia con una categoria differente (ad esempio gli allievi, visto che alleni anche questa categoria, se non sbaglio)?

  2. Diego Franzoso

    Negli Allievi è COMPLETAMENTE diversa 🙂
    Vorrei fare con calma un articolo anche per loro ma intanto ti rispondo con poche righe.
    Ho il credo del possesso palla, mi piace l’idea di dominare la partita e non perchè lo fa Guardiola (lo pensavo già prima) 🙂
    Mi piace molto la filosofia spagnola, più che quella Italiana. Infatti curo molto poco la fase difensiva (consapevole tra l’altro che i campionati li vince solitamente la squadra che prende meno gol).
    Inizio 9 volte su 10 con un gioco di posizione. Poi al primo allenamento faccio un es. atletica con l’utilizzo del pallone. Possessi palla a pressione.
    Fase centrale caratterizzata da un corposo gioco di posizione. Uno di quelli che ho pubblicato. In questo periodo lavoriamo molto per mantenere il possesso sulla 3/4 offensiva per poi ricercare la palla filtrata.
    Si conclude con la partita ,in cui inserisco quasi sempre l’1-2 .
    Per maggiori dettagli aspettare il prossimo articolo 😉

  3. ok, credo di aver capito, grossomodo la pensiamo allo stessa maniera, e questo mi fa piacere.
    Aggiungo una domanda: come gestisci il numero dei giocatori in base alle esercitazioni che programmi di proporre?
    Mi spiego: se ti organizzi per un gioco di posizione che prevede l’utilizzo di 10 giocatori, gli altri come li gestisci?
    p.s.: auguri per oggi! 🙂

  4. Mi ritrovo molto con la tua idea di calcio per bambini perchè anche io sono un fautore dell’aspetto ludico del curare la coordinazione del controllo della palla con tutte la parti del piede e dei cambi di direzione nonchè dell’aggressività calcistica in più io ho inserito anche il concetto di possesso palla ed ho fatto svolgere ai bambini periodicamente alcuni esercizi tipo torello con delle variazioni (esempio jolly) però non avevo mai preso in considerazione le parole chiave pronunciate dai bambini stessi e la trovo molto interessante come interessante è il tuo sito e le tue esercitazioni, complimenti.

  5. Diego Franzoso

    Grazie mille Franco 😉

    Luciano: hai toccato un aspetto interessante 🙂 Siccome i giochi di posizione sono il mio forte, se ho un giocatore in più e lo posso inserire facendo una piccola variante,lo inserisco senza problemi. Se invece sono 2 in più, si alternano e i due fuori fan tecnica a coppie col secondo allenatore. Se ne ho 4 in più preparo un piccolo campetto e fanno un 2v2 😉

  6. è un po’ il mio “problema” più grande.
    Essendo il più delle volte da solo, dividere i giocatori spesso comporta lo “scazzo” di uno dei due gruppi. Del resto non sempre è possibile adattare esercitazioni, oltre al fatto che non c’è un numero “certo” di presenze…

  7. Condivido tua metodologia.Secondo te quanti bambini si possono allenare in una seduta di allenamento con adeguatezza di apprendimento.Se hai tempo visita il nostro sito e aspetto tuo commento.Buon lavoro.Antonio Manna istruttore calcio ASD SOCCERPANZA ISOLA ISCHIA

  8. Diego Franzoso

    Benvenuto Antonio.
    Guarda, SFORTUNATAMENTE, ho solo 8 bambini ma FORTUNATAMENTE sono quasi sempre tutti presenti. Nelle note dell’annata dell’anno scorso, su 60 allenamenti solo in 3 sedute l’attenzione non è stata sufficiente; quindi direi un ottimo traguardo vista l’età dei bambini (9 anni l’anno scorso).
    Sicuramente lavorando in così pochi (e ho pure un ragazzo che mi da una mano) non si riesce mai a fare un 6v6 o a fare altri lavori che richiedono 10-12 bambini, ma in 8 l’attenzione è sempre o quasi sempre ottimale.
    Credo che un numero perfetto sia 10-12 appunto, ma dipende molto dai singoli. Ne bastano 2-3 particolarmente “vispi” per rendere il tutto molto “complicato”

  9. ciao,anche io condivido la parte Aggressività, anzi sto cercando proprio in questo periodo di lavorarci molto.
    Stó cercando di inserire gli1v2 in modo sempre piú frequente, perchè purtroppo mi rendo conto che i ragazzi faticano molto a sviluppare questo tipo di giocata…..scarico e poi……immobili guardando invece di accompagnare l’azione con inserimenti o appunto 1v2……qualche consiglio per farglielo entrare in testa?
    Ciao e grazie

  10. Diego Franzoso

    Io per allenare l’aggressività utilizzo molto il contrasto, che tra l’altro è un gesto tecnico che in pochi curano. Faccio molti giochi ed esercitazioni in cui c’è una palla da contendersi nel mezzo e ultimamente utilizzo i giochi di contatto, vedi le ultime esercitazioni che ho inserito nella categoria Scuola Calcio e ES. Tecnico Motorie. Ai bambini piacciono tantissimo, non pensavo nemmeno io così tanto.
    Per allenare il fatto che stiano fermi dopo il passaggio, ti rimando alla primissima esercitazione che ho postato su es.tecnico motorie: accelerare dopo il passaggio.
    http://www.ideacalcio.net/tecnico-motorie/scuola-calcio-es-tecnico-motoria-accelerare-dopo-il-passaggio.html

    Sottoforma si staffetta sono OBBLIGATI a ricordarsi di accelerare dopo aver dato palla

  11. Ciao Diego , complimentissimi per l’articolo…condivido molto del tuo “calcio-pensiero”
    Volevo chiederti quali esercizi proponi per allenare il colpo di testa presumendo che il “solito” esercizio a coppie si quantomeno superato e bruttino da vedere.

  12. Diego Franzoso

    Il colpo di testa lo alleno solo per il tiro in porta, non per le altre variabili (appoggio, respinta).
    Lo inserisco magari in qualche esercitazione tecnico-motoria, dove i bambini eseguono la parte atletica con la palla in mano, all’uscita me la passano (alleno anche lo schema motorio del lancio così) e io gliela restituisco per il colpo di testa per far gol nella porta difesa dal portiere. Volendo basterebbe mettere una porticina al posto della porta, così facendo si allenerebbe un appoggio più sicuro invece della “classica frustata” per segnare.
    Dirò un’ovvietà, occhio che qualcuno all’inizio ha timore del contatto testa-palla ed è quindi consigliato utilizzare palloni più leggeri come primo approccio

  13. Ciao Diego, complimenti per l’articolo e per il sito in generale. Ho una domanda da porti: alleno una squadra di bimbi nati nel 2005 e 2006. Parecchi bimbi del 2006 sono alle prime armi e devo farli allenare sul possesso di palla, sul calcio da fermo … perfino sulle regole del calcio. Ho invece un 2005 che l’anno scorso ha fatto girar la teata anche ai 2004. E’ veramente bravo tecnicamente, ambidestro, sembra nato col pallone al piede. Il problema è che si annoia terribilmente ad allenarsi con gli altri e, durante le partite di allenamento, non riuscendo a triangolare con gli altri, fa tutto da solo. C’è la possibilità che lui vada a giocare con i 2003/2004 dove, pur non facendo la diferenza, fa comunque bella figura.
    Il mio dilemma è: 1) me lo tengo perchè mi fa vincere le partite anche da solo e lo faccio allenare con i grandi;
    2) me lo tengo perchè mi fa vincere le partite anche da solo e lo faccio allenare con i piccoli, anche se si annoia.
    3) Lo mando a giocare con i grandi perchè con i piccoli si annoia e perchè i piccoli che in allenamento sono in squadra con lui non toccano mai la palla.
    Io sono propenso alla soluzione numero 3: anche se perderò qualche partita in più, almeno ho un gruppo omogeneo che magari mi verrà bene fuori tra qualche mese.
    Tu cosa mi consigli al riguardo?
    Ciao e grazie.
    Matteo.

  14. Diego Franzoso

    Ciao Matteo,
    premetto che è sola la mia opinione e potrebbe non contare nulla 🙂
    Personalmente lo farei allenare coi più grandini (se c’è troppa differenza con quelli della sua età non impara quasi niente) e me lo terrei per le partite. Farei qualche prova, per vedere come reagisce il gruppo a vedere un compagno che viene solo ad AIUTARLI nelle partite e che in allenamento non vedono più. E vedrei come reagisce lui a rapportarsi coi compagni dopo esser stato coi più grandi. Stando coi più grandi ha 2 possibilità:
    1- si sentirà ancor più forte e coi coetanei eccederà ancor di più con l’egocentrismo, passando poco o nulla la palla
    2- fa un piccolo bagno di “umiltà”, se così possiamo chiamarla..giocando coi più grandi non farà più la differenza come la faceva coi più piccoli e sarà costretto a cercare di giocar palla coi compagni e quando tornerà coi coetanei magari cercherà di giocare maggiormente coi compagni

    Può essere una soluzione, quella giusta la vedrai provando sul campo 😉

  15. Francesca De Santis on

    Buon giorno diego trovo molto interessante cio’ che scrivi ma purtroppo molto generico nella realta’ quotidiana di noi allenatori della scuola calcio. Ho due problemi da porti il primo e’ che anch’io come Matteo Russo ho un 2005 nato con palla al piede e inserendolo con i pulcini mi colleziona azioni da capogiro e goal in abbondanza ma ovviamente soffre nel non poter giocare nelle partite di campionato. E problema piu’ grave, che fa storcere il naso alla gente, e’ che questo bambino e’ mio figlio. come devo comportarmi? Scontato che i piu’ piccoli lamentano che se gioca con loro non toccano palla….. Secondo problema :ho un gruppo di pulcini (circa 14) tutti alle prime armi ,ho curato fin ora il controllo quindi la conduzione il tiro di collo o di piatto etc ma non riesco a inserire il passaggio al compagno ,il “far girar palla” quindi giocano molto individualmente. cosa devo fare?

  16. Diego Franzoso

    Salve Francesca, ti posso solo dare un mio consiglio, senza la presunzione che sia la strada migliore.
    Partendo dal presupposto che quest’anno la Federazione ne ha combinate delle “belle”, poichè si stan lamentando quasi TUTTI delle assurde regole che han fatto, veniamo al dunque.
    Se con quelli della sua età “DOMINA”, hai mai pensato di provare a farlo giocare dietro almeno 1 tempo? partendo da dietro dovrebbe avere qualche difficoltà in più a farsi tutto il campo e gli farei notare che ad un certo punto il pallone conviene passarlo. Bada bene però che un 2005 ha 7 anni e quindi è TOTALMENTE normale che un bambino faccia ancora fatica a rapportarsi in campo coi compagni.
    Per la seconda domanda, vale un po’ quanto detto sopra. La soluzione migliore, più che il passaggio inteso come gesto tecnico, io la troverei in tutti quei giochi dove l’aspetto collaborazionale è importante per portare a termine un obiettivo. Ho la fortuna di lavorare anche nella scuola primaria e t’assicuro che in quinta elementare, 2002 quindi, fan quasi tutti fatica a collaborare anche in forma minima. Quindi il “problema” (se vogliamo chiamarlo tale, in realtà non lo è vista l’età) non è il gesto tecnico (sicuramente è anche quello) ma il rapporto con la palla. Io e la palla prima di ME-IL COMPAGNO e la PALLA

  17. Caro Diego ti faccio i complimenti per l’articolo,molto bello. Ti chiedo se mi puoi dare qualche esercitazione per il possesso palla relativo ai pulcini primo anno’ tenendo conto che ne ho 15 in totale di cui 4 sono 2005 anche tenendo conto che non sono tutti allo stesso livello chiaramente. Poi ti voglio chiedere quanto tempo durano le tue sedute di allenamento dato che le mie durano 2 ore e 15 minuti e vengono strutturate in maniera simile alle tue. Grazie e ciao

    • Diego Franzoso

      Per quanto riguarda il possesso palla coi pulcini, io non lo utilizzo. Primo anno poi è veramente troppo presto, per un motivo soltanto…controllo-passaggio non sono assimilati e di conseguenza si farebbe troppa fatica. Io da quest’anno (coi 2002) ho iniziato con qualche semplice gioco di posizione, tipo 2v2+2 jolly, così evitiamo anche il problema del classico possesso palla in cui tutti si accaniscono sulla palla. Lo vedo fare ai giovanissimi, figuriamoci a dei pulcini.
      Per la durata degli allenamenti, sono sull’ora e 40 ma sono un po’ legato alle condizioni metereologiche e al dove mi alleno. quando mi alleno in palestra a volte ho solo 1 ora e mezza e quindi più di quello non posso fare. Dalla scorsa settimana siamo dovuti tornare al campo ma per ora, visto il freddo, non vado oltre l’ora e mezza. Poi dipende anche da altre variabili, come il numero di presenti per esempio. Se ne ho 5, non vado oltre l’ora e mezza. Ma principalmente dipende dalle condizioni meteo

  18. Innanzi tutto ti ringrazio per avermi risposto subito, sei molto gentile. Poi, in verità’ ti confido che anche a me sembrava troppo presto per eseguire esercitazioni in possesso palla per dei pulcini primo anno, quindi grazie per avermi risolto questo dubbio. A mio avviso 1ora e 30 minuti sono pochi per proporre le varie esercitazioni dato che si tratta di bambini piccoli e quindi si perde molto tempo per bere, per spiegare e far vedere l’esercitazione e per riprendere quelli meno attenti. Un problema e’ anche il fatto che i bimbi di oggi fanno poca attività motoria e non giocano mai in strada a calcio come si faceva una volta quindi ti consiglio, tempo e spazio permettendo, di impegnarli di piu’ , anche perché loro hanno molte energie che recuperano molto più’ velocemente dei grandi. Se riesci fammi sapere come sei andato. Grazie. Ciao

  19. Diego Franzoso

    No ma guarda che quando riusciamo le facciamo sempre le 2 ore, solo che da dicembre riusciamo ad avere gli spazi solo per un’ora e mezza. So bene che 2 ore le reggono 😉 se poi si divertono ancora di più !

  20. emanuele guida on

    Buongiorno Diego. Sono un istruttore di una scuola scuola nel napoletano. Essendomi affacciato da poco a questa realtà, avendo sempre giocato prima d’ora, vorrei avere qualche consiglio da te, visto che mi sono state affidate due squadre: categoria 2002 (12 ragazzi) e categoria 2003 (20 ragazzi divisi in 2 gruppi) il mio allenamento dura 1 ora e 30 minuti, e vorrei sapere da te qualche esercitazione per entrambe le categorie. grazie anticipatamente. saluti

  21. Diego Franzoso

    Tutte le esercitazioni che trovi qui sul blog, alla voce “Scuola Calcio”, vanno bene. Così come le “Es. Tecnico-motorie”
    Seguo anch’io i 2002 e tutte le esercitazioni che ci trovi sono state sviluppate con loro quest’anno e l’anno scorso, quindi pulcini al secondo e al terzo anno, come nel tuo caso

  22. Caro Diego non mi trovo molto d’accordo sul lavoro di possesso palla con i pulcini. Io lo faccio e con risultati abbastanza soddisfacenti è chiaro che ad inizio anno valuto attraverso una mia personale valutazione il livello tecnico del gruppo che ho a disposizione. Devo dire che quest’anno ho un gruppo 2004 molto ricettivo ed al quale propongo spesso alcune tue esercitazioni e la risposta è sempre molto positiva ed i risultati si vedono sul campo così come il gruppo 2003 che ho la fortuna di guidare da quasi 4 anni. Io sono molto fortunato perchè lavoro con gruppi numerosi (2004 sono 19 e 2003 sono 20).

    Ciao e complimenti
    Franco

    • Diego Franzoso

      Devo dire che anch’io quest’anno, 2002 e quindi ultimo anno, ho cominciato ad inserire, una volta a settimana, dei giochi di posizione o piccoli possessi palla. Purtroppo visto il numero ridotto di bambini che ho, 7, riesco a fare al massimo un 2v2 + 2 Jolly o 2v2v2 (raramente ci sono tutti e 7). Devo dire che si vedono ottimi miglioramenti e buoni risultati. Probabilmente, se avessi più allievi, “sparerei” un po’ più alto con le proposte.

  23. Per prima cosa complimenti per il sito assolutamente fantastico.Complimenti anche a Diego e ad eventuali collaboratori.
    Lo trovo estremamente importante per un allenatore alle prime armi come me.
    Complimenti anche a tutti quelli che commentano i vari articoli molto attenti alle varie problematiche e non solo dei bambini.
    Sarebbe molto interessante conoscere la metodologia annuale per categorie superiori es. giovanissimi.
    Ciao a tutti.

  24. Ciao a tutti ! io alleno 2° anno pulcini ed é un esperienza bellissima come é bellissimo ed interessantissimo leggere i pareri di altri.
    Mi trovo d’ accordo sul discorso dell’ aggressivita’ nell’ affrontare la partita (nel senso dell’ intensita’ e dell’ attenzione) ed in piu’ io lavoro molto sulla velocita’ della giocata , cioé pochi tocchi rapidita’ nel rimettere in gioco la palla e pochi passaggi per andare in porta. Attenzione alle posizioni in campo e alle posture sia in fase di possesso che di non possesso. Il possesso palla é difficilissimo dato che nei piccoli vi é ancora un ego altissimo che li spinge ad andare in avanti cercando il goal piuttosto che cercare il giropalla , ma cmq si puo’ cercare di esercitarli proponendoglielo come opportunita’ per uscire da una situazione di difficolta ; tra l’ altro cosi facendo insegni l’ appaggio lo scarico il giro e contemporanemente l’ importanza della squadra corta. Chiaramente sono piccoli passi verso il calcio dei piu’ grandicelli. Ciao

  25. Roberto Facchin on

    Ciao, condivido l’articolo, l’aggressività nel gioco è fondamentale, io comuqnue sono al primo anno di allenatore categoria esordienti,le mie difficoltà?
    1. bambini con poca mobilità e velocità in primis, almeno 4-5 su 13, questo comporta molta differenza negli esercizi a gruppi, tipo quadrati ecc ecc, questo infastidisce i più bravi che devono rallentare il ritmo per aspettare compagni meno bravi.
    2. litigi continui, soprattutto i marocchini (i + bravi) sono scatenati e durante l’allenamento sono sempre in cerca di rissa, da qui nasce il terzo problema
    3. ho pochi bambini per cui punire o mandare sotto la doccia qualcuno significa non avere numeri per fare gli esercizi o giochi successivi, su certe cose non transigo e piuttosto mando via il bambino e faccio giocare un allenatore (siamo in 2)
    4. sono molto svogliati, vogliono solo giocare la partitina e gli esercizi non ci mettono l’impegno dovuto, pur avendolo capito (sono molto intelligenti lo percepisco), ma vi dico che mi invento esercizi appositi perchè si divertano si sfidino.

    cmq sono sicuramente migliorati molto, ora farò il corso uefa b e prossimo anno giovanissimi, se avete dei consigli ne sarei felice, ciao

    • Diego Franzoso

      Ciao Roberto, sul punto 1 ti rispondo che capisco bene il problema ma sappi che è un problema condiviso da molti. Persino nel professionismo hanno i bambini MOOOOLTO bravi e quelli bravi, figuriamoci noi che lavoriamo coi bravini e con quelli in “difficoltà”. Su questo ci sono 2 scuole di pensiero: mettere i meno bravi coi meno bravi e i bravi coi bravi, in modo che si allenino coi pari livello. Il punto negativo a questa soluzione è che i meno bravi, allenandosi coi meno bravi, non miglioreranno mai o faranno ancor più fatica rispetto al fatto di allenarsi coi bravi
      Sul punto 2, anche un altro collega mi riferisce di continui litigi nel suo gruppo, a me personalmente non è mai capitata questa situazione, ho sempre avuto la fortuna o sarò stato bravo io, a bloccare sul nascere qualsiasi dissapore. Sul punto 3, sul fatto di avere pochi bambini, come ti capisco….ho 7 2002 e si gioca in 7, ho fatto allenamenti anche in 4, quindi capisco bene le difficoltà che si possono avere.
      Sul punto 4, come già hai accennato tu, la competizione aiuta moltissimo ad invogliare i bambini. Io la inserisco sempre quando possibile, anche nei tiri in porta. Sul fatto della svogliatezza ti posso dire che è un problema che in molti addetti ai lavori stanno riscontrando. La situazione è a mio avviso figlia della situazione sociale che oggi viviamo, i ragazzi hanno TUTTO e il calcio per molti non è più una passione da coltivare. L’unico consiglio che ti posso dare è di stimolarli sempre con proposte nuove, divertenti ma che puntino chiaramente anche al miglioramento individuale e del collettivo

      • Roberto Facchin on

        Grazie Diego,

        voglio fare una correzione su quanto detto sopra , quando ho scritto dei ragazzi marocchini è stata solo una casualità (non vorrei essere frainteso da questioni razziali). Ho un gruppo multietnico, dai marocchini, agli italiani, dai croati ai rumeni e tranne qualche episodio di litigio tra bambini, noto con piacere che le loro discussioni non sono mai legate alle loro origini, ma più che altro da bambinate spesso futili e anche divertenti. Chiarito questo ti ringrazio per la risposta, un pò di sostegno morale ci vuole 🙂 Mi metto al lavoro per l’allenamento di domani ciao a tutti

  26. Ciao Diego, mi chiedevo …. ma easy-animation è pratico? me lo consigli? sto cercando di avere info ma non ho capito quanto costa, puoi aiutarmi?

    • Diego Franzoso

      easy animation è molto pratico ed intuitivo. Manca però di alcune banalità come le frecce tratteggiate e i paletti,ma in qualche modo si rimedia alla mancanza.
      Non è però a buon mercato, l’ultima volta che l’ho visto costava 160 euro

  27. sono stato incaricato di seguire i pulcini 2003 ma per me è la prima vera esperienza sono un po’ preoccupato perché non ho esperienza visto che è solo 2 anni che sono nel calcio giovanile tu mi potresti dare delle indicazioni sulla programmazione annuale di questa categoria grazie.

  28. Diego Franzoso

    La mia metodologia di lavoro è quella che leggi qui nell’articolo, anche se chiaramente ogni anno che passa, con l’esperienza, magari limo alcune cose.
    Per i mezzi d’allenamento puoi utilizzare tutte le esercitazioni che trovi nelle categorie SCUOLA CALCIO e ES. TECNICO-MOTORIE, in quanto sono tutte quelle che ho usato quest’anno e l’anno scorso coi 2002.
    Per altre domande sono a disposizione

  29. Mirko BIANCHI on

    Ciao Diego,
    premetto che una volta iscrittomi al tuo blog su facebook seguo sempre con attenzione le tue proposte,ti chiedo, questa programmazione e’ valida anche per i pulcini secondo anno?quest anno dopo 2 anni con i pulcini terzo anno ,torno “indietro” e siccome come spesso succede nei settori giovanili dilettantistici non c’e’ una grande logica di progressione ,pur facendo tante ricerche e documentandomi su alcuni testi,volevo sapere se questa tua che e’ assai chiara puo’ essere da spunto .
    Grazie e complimenti

    • Diego Franzoso

      Ciao Mirko,
      ti ringrazio intanto per i complimenti.
      Quando ho scritto questo articolo 1 anno fa, allenavo proprio i pulcini al secondo anno quindi potrei risponderti tranquillamente di si.
      Devo dire però che quest’anno avevo lo stesso gruppo ma chiaramente al terzo anno e ho modificato qualcosina. Nella messa in moto ho quasi sempre lavorato su un fondamentale tecnico o su un gioco semplificato come può essere un torneo 1v1 o 2v2 ecc ecc. Questo perchè avevo pochi bambini in rosa e un gioco popolare era impossibile da fare con 7 bambini. I giochi semplificati piacciono moltissimo ai bambini e te prova a pensare quante volte tocca la palla un bambino in un torneino di 1v1 o 2v2 in 15’….MOLTISSIME. E’ un po’ quella situazione che si verificava anni fa quando i ragazzi avevano più tempo e spazi per giocare in libertà con gli amici.
      Per il resto, ho cominciato ad inserire qualche sempplice gioco di posizione nella fase centrale ma ripeto che avevo i pulcini all’ultimo anno quindi bisogna capire se già al secondo il tuo gruppo può iniziare a far qualcosa. Nella fase applicativa ho invece lavorato tantissimo con l’uso degli appoggi (jolly) nelle situazioni di gioco semplici (1v1 + 1, 2v1 + 1, 2v2 +1, 3v1 +1). Li trovo efficacissimi e variavo costantemente le regole del gioco (l’appoggio gioca a 2 tocchi non può fare gol; può fare gol; può fare gol solo di prima; gioca solo di prima; obbligo di passaggio all’appoggio prima del gol; ecc..). Per il resto ho tenuto la stessa linea. Ho solo modificato qualcosina a causa del ridotto num. di ragazzi, per il fatto di essere al terzo anno (e quindi un anno in più)

  30. Mirko BIANCHI on

    Grazie Diego anche per la celerita’ nella risposta,ti chiedevo lumi perche’ anchio quest anno avevo i pulcini terzo anno ma non volevo riprodurre esattamente il programma che ho utilizzato ma aggiornarmi e variare,nella fase iniziale ho puntato tanto sulla tecnica con palleggi singoli e anche a coppia per migliorare i vari tipi di controllo che magari con esercizi “singoli” sarebbero risultati noiosi,molto la coordinazione con la scaletta,accenni di possesso palla che nelle gare hanno dato ottimi risultati e qualche accenno di sviluppo dell azione dalla messa in gioco del portiere con uno dei due dif.per caratteristiche avevo impostato la squadra con un 2-3-1,ponendo attenzione gia con la costruzione del gioco sfruttando il CC sicuramente il prossimo anno riproporro’ qualche gioco iniziale a seconda del gruppo(che ovviamente non conosco ancora) ma come linee mi piace lavorare come sopra ,niente rinvii lunghi,niente palle a casaccio e fantasia libera negli ultimi metri.Grazie dei suggerimenti preziosi.

    • Diego Franzoso

      Condivido e sottolineo soprattutto le ultime 2 righe, parole sante!! bisognerebbe che tutti gli istruttori facessero così..e invece NO, trovo ancora squadre che mentre noi siamo in attacco lasciano un bambino sul mio portiere e appena recuperano palla parte l’ordine dalla panchina…SPAAAAAAARAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!

  31. Purtroppo e’cosi trovi istruttori che giocano costantemente sul rilancio del portiere ma dico i bimbi schierati dietro quando toccano mai la palla? E quante possibilita’c sono che chi gioca davanti in questa categoria riesca a controllare un pallone sparato? Mah…..la soddisfazione piu grande e’stata proprio che alcuni istruttori (rari) facessero i complimenti xche’i bimbi cercavano sempre di giocare la palla.

  32. Giorgio Tomè on

    complimenti Diego x l’articolo, caro Mirko condivido pienamente, ne ho visti tanti anch’io…senza parlare di quello che poi dicono dietro ai bimbi quando sbagliano

  33. Ciao Diego,
    questo Tuo articolo lo avevo letto qualche mese e lo trovato interessante in molti punti. In questi giorni sono entrato a far parte della Società di calcio del mio paese dove mi è stato chiesto di diventare oltre che istruttore anche responsabile della Scuola Calcio. Data che per me quest’ultimo ruolo è nuovo vorrei alcuni consigli su come approcciarmi a questo incarico. Secondo Te sarebbe utile proporre dei test per verificare le capacità dei ragazzi e da lì programmare l’attività? In sede di riunioni tecniche con gli altri istruttori consegnere del materiale come gli articoli che stai proponendo sulle capacità coordinative possono risultare utili? Visionare le poposte di allenamento dei vari gruppi prima che queste vengano eseguite ed eventualmente discuterle con l’istruttore che le propone può migliore l’efficienza della Scuola. In ultimo proprio ieri mi è stata fatta la proposta di allenare i giovanissimi anno 2000 e di rinunciare al ruolo d’istruttore nella Scuola Calcio. Ad essere onesto la poprosta è stimolante ma dopo anni di lavoro con bambini più piccoli ho qualche dubbio su come prepare atleticamente la squadra su come organizzare la fase precampinato. Ti sarei grato se postessi fornimi dei consigli utili sia per il ruolo di responsabile tecnico della Scuola che di allenatore dei giovanissimi. Grazie un saluto Roberto

    • Diego Franzoso

      Ciao Roberto, ti ringrazio intanto per il complimento.
      Quest’anno seguirò proprio la categoria giovanissimi, sperimentali, annata 2000. Il lavoro che svolgerò sarà quasi esclusivamente col pallone. Non vedo il senso di proporre lunghe corse a secco. Quest’anno ho seguito i giovanissimi sperimentali del calcio padova e se escludiamo lavori di rapidità e velocità, la resistenza veniva curata a secco una sola volta al mese e per non più di 4-5′ e t’assicuro che la squadra alla domenica viaggiava che era un piacere.
      In giro invece si vedono un sacco di preparazioni atletiche quasi esclusivamente a secco, il chè non mi trova per nulla favorevole. Anzi, sono proprio contrario.
      Lavorerò con le es. atletiche con la palla (quelle che trovi qui nel sito), cercando di dare sempre intensità soprattutto nei primi 2 allenamenti settimanali.
      E’ una categoria con qualche problematica, legata alla disomogeneità fisica che in tutte le squadre giovanissimi ritrovi..ma è anche una categoria bellissima per la voglia che hanno i ragazzi di FARE CALCIO e se sei bravo a farti seguire c’è da divertirsi.
      Per il ruolo di coordinatore della scuola calcio: un giorno mi piacerebbe farlo, credo che ci sia da togliersi delle soddisfazioni e che ci sia l’opportunità di cresere come gruppo di allenatori. Io partirei da degli obiettivi da dare ad ogni allenatore e questi obiettivi che siano CONDIVISIBILI da tutte le squadre. Parlo di arrivare al “risultato” (il risultato non è solo la vittoria dei 3 punti) solo attraverso al gioco e quindi avere tutte squadre che giocano sempre il pallone, parlo di rispetto per gli avversari, per il mister e per le strutture. Penso poi che sia bello vedere il lavoro di altri mister con la possibilità di confrontarsi con loro. Io non darei delle dispense, penso sia giusto che ogni mister scelga i mezzi con cui arrivare a degli obiettivi CONDIVISI, questo sì. Se i 2003 partono sempre da dietro a giocare palla e l’allenatore incita a tentare l’1v1, quello dei 2004 non può giocare a palla lunga e pedalare e urlare per tutta la partita “passala…passala”.
      Io la penso così

  34. Grazie per avermi risposto in modo così veloce. Quando parlo di dispense mi riferisco ad argomenti di tipo tecnico come ad esempio le ultime da Te proposte perché non mi vergogno a dirlo mi è capitato di andare a riguardare appunti o libri di quando o frequentato il corso e quindi ho pensato potessero essere utili per poi passare alla programmazione della stagione credo come Te che ogni istruttore debba essere libero di scegliere la propria seduta di allenamento. Ho dato per scontato che dal punto di vista comportamentale ci debbano essere delle regole. Sui test non mi hai risposto. Per quanto riguarda i giovanissimi solo d’accordo con Te sulla bellezza e sulla difficoltà di questa categoria, nella preparazione prevedi nei primi giorni una corsa di fondo per fare fiato inizi con esercitazioni come quelle da Te ultimamente pubblicate. Roberto

    • Diego Franzoso

      Su Ideacalcio trovi oltre 400 esercitazioni al momento, quindi se vuoi consegnare una dispensa ai tuoi colleghi/mister a me fa solo che piacere. Capisco che è per dare un imput, delle idee. Magari scegli quelle che più ti piacciono o che credi che siano FONDAMENTALI nel bagaglio di ogni tecnico. Anche questa è condivisione.
      Per quanto riguarda i test: con la scuola (lavoro con dei progetti nella scuola elementare) ho svolto dei test di velocità nelle varie classi e credo possano essere utili, magari a distanza di 1 anno o più, per capire se ci sono stati miglioramenti o incrementi. Mi è capitato di assistere a dei peggioramenti o miglioramenti significativi a distanza di 2 anni ma non ho mai avuto dei tempi sottomano per quantificare questi miglioramenti.. quindi ritengo sia utile un test di questo genere.. a patto che siano ripetuti.
      Altri fattori che da quest’anno terrò sotto controllo sono peso e altezza, misurabli ad inizio, metà e fine anno.
      Per quel che riguarda i giovanissimi, NO, nessuna corsa a secco. Forse farò qualche lavoro di variazione di velocità, ma non oltre i 5′ e non nel primo periodo. Per le prime settimane ho bisogno di conoscere il gruppo qualitativamente e quindi farò molta tecnica. Per lavorare dal punto di vista organico lavorerò con dei possessi palla ad alta intensità, che mi permetteranno di valutare anche le loro competenze tecnico-tattiche

  35. Grazie Diego, seguirò il Tuo consiglio poca corsa a secco valuterò con gli altri istruttori se fare dei test. Tenere sotto controllo altezza e peso è una cosa che faccio da da qualche anno e la difficoltà che ho quasi sempre avuto è stata quella di far capire ai genitori che avevano un figlio in sovrappeso. Un saluto Roberto

  36. Mi congratulo per tutto, l’unica cosa che non condivido è il fatto che parli di selezione di bambini.. nn ha senso questa cosa

    • Hai mai avuto la fortuna di lavorare con ragazzi selezionati? ho solo detto che è una grande fortuna. i ragazzi/ragazzini apprendono a velocità superiore e quindi l’allenatore a mio avviso può viaggiare a velocità doppia o tripla nelle sue richieste.

      Quest’anno sono entrato in una società semiprofessionistica. In un mese ho fatto cose, coi 2000, che l’anno scorso con una juniores provinciale ho fatto in 1 anno. Lavoro anche coi 2006 e ho tratto altre conclusioni. Ma per questo ti invito a leggere l’articolo in merito 😉

    • Non ho avuto la “fortuna” di lavorare con ragazzi selezionati,sicuramente sarebbe un grosso vantaggio.. Ma i bambini/ragazzini vanno educati e resi protagonisti del lavoro svolto,discorso differente se si parla di esordienti o juniores!

      • per il fatto che debbano essere educati certo, possono farlo in qualsiasi contesto che sia sereno. Sul fatto che debbano essere partecipi del lavoro svolto, condivido e non capisco perchè non dovrebbero esserlo in questo modo. Non è che vengono “ghetizzati”, vengono messi a mio avviso nelle migliori condizioni per imparare. Avranno la possibilità di confrontarsi con compagni di pari livello e non contro bambini che non fermeranno mai in un duello di 1v1.
        Bisogna anche essere onesti e capire che se un bambino fatica a correre a 7-8 anni (di sti tempi ce ne sono molti), come fa a contrastare bambinI (uso il plurale perchè quando lavori con società semi-professionistiche ne hai molti) che ti puntano e ti saltano con una “forbice” ?? d’altrocanto, se non riescono a correre bene, come possiamo pensare di chiedergli un dribbling?
        io capisco che a qualcuno questa idea può non piacere, ma a mio modo di vedere, è solo con l’omogeneità che si riesce a lavorare a dovere. Non è che gli si dice “no, tu non vai bene vai a casa”. Si tratta solo di formare gruppi di lavoro omogenei

  37. Emanuele Berni on

    ciao Diego, complimenti per l’articolo. Ho una domanda piuttosto banale da porti ma riguarda un aspetto che, rispetto ad altri, fatico a far capire ai miei bambini: come faccio ad insegnarli a temporeggiare?? a non uscire a bomba sul portatore di palla? Inoltre noi del Bedonia calcio svogliamo solo due sedute di allenamento a settimana, so che sono poche però i genitori erano contrari a farne di più. Per cui ti chiedo per quelle 3-4 ore che li vedo durante la settimana, che esercizi è più conveniente svolgere?? A quali devo dare la priorità rispetto ad altri??

    PS: alleno una squadra di pulcini giochiamo a 7 l’annata è 2003

    • Ciao Emanuele, siamo in molti a lavorare con 2 allenamenti, pochi han la fortuna delle 3 sedute.

      Io per il temporeggiare avevo utilizzato una parola chiave, “TEMPO”. Il ragazzino sapeva che quando chiamavo TEMPO, voleva dire che non doveva uscirci, bensì accorciare e fare “scudo”, aspettando il ritorno dei compagni. Puoi quindi inserire una parola chiave all’interno di un’esercitazione situazionale. Penso per esempio ad un 2v1 + 1 difensore in ripiegamento (arrivando quindi al 2v2).

      Per gli obiettivi, essendo all’ultimo anno (la squadra che ho poi seguito l’anno scorso), io lavoravo ancora molto sul singolo, quindi tecnica di base, sopratutto calciare, ricevere, guida della palla. Curando la tecnica applicata, quindi tiro, dribbling e smarcamento. Per quanto riguarda il collettivo, apprese le posizioni in campo (seguivo il gruppo da 2 anni e mezzo), da metà anno ho cominciato ad inserire qualche semplice gioco di posizione e dei mini-possessi palla, sempre finalizzati all’attacco della porta o comunque ad una verticalizzazione.

      In generale, si cura quasi esclusivamente la fase di possesso, con qualche accenno a quella di non possesso. Il lavoro sulla tecnica individuale è ancora molto importante, così come il lavoro coordinativo (sempre presente in ogni seduta). Da metà anno, se vedi che il gruppo è già a buon punto, puoi cominciare a lavorare sul mantenimento del possesso

  38. Andrea Paragnani on

    Ciao Diego. Numericamente, quanti esercizi proponi in una sefuta di allenamento? E quanto tempo impieghi più o meno per ogni esercizio? Grazie. Ciao

    • Ciao Andrea,
      propongo una fase iniziale, una coordinativa-tecnica dove spesso ho inserito il situazionale 1v1, una fase centrale in cui curo un obiettivo tecnico, una fase situazionale dove va inserito l’obiettivo tecnico della seduta e la partitella finale.
      La durata: dipende dal coinvolgimento dei ragazzi. Di norma parliamo di 10′ per le esercitazioni puramente analitiche (che ormai utilizzo pochissimo; la tecnica, anche se analitica, mi piace proporla in maniera abbastanza dinamica), ai 15′ delle situazionali. Le prime 2 possono durare anch’esse 10-15′, ma ripeto, la durata te la da il coinvolgimento dei ragazzi. L’anno scorso ricordo ancora che proposi un’esercitazione per allenare rimessa laterale e tiro in porta a squadre. Doveva durare 12’…durò 25′ e solo perchè ad un certo punto dissi “ragazzi, dobbiamo anche fare dell’altro”

  39. Buongiorno Andrea. Approfitto della sua competenza per farle una domanda. Fino a che punto è giusto che un bambino di 8 anni venga sistematicamente fatto giocare in partita solo un tempo perchè ritenuto (giustamente) con caratteristiche tecniche inferiori rispetto al gruppo? Sto parlando di mio figlio che gioca attualmente in una squadra (categoria pulcini 2005) dove l’allenatore punta soprattutto alla vittoria quasi ad ogni costo. Mi rendo conto benissimo delle capacità del bambino, ma mi accorgo che viene comunque “sopportato” mentre altri vengono coccolati e incoraggiati. Cosa dovrei fare? Grazie.

    • Se parliamo di regole federali, c’è l’obbligo di giocare almeno 1 tempo fin alla categoria esordienti. se invece parliamo di etica, le indicazioni sono quelle che nei primi 2 tempi giocano tutti, nel terzo dovrebbe esistere un po’ più di “meritocrazia” e allora magari il più bravino giocherà 10 e il meno bravo 5. Io coi piccoli amici spingo molto per giocare sempre 4 tempi, in modo da far giocare sempre tutti almeno 2 tempi. la ricerca della vittoria, con bambini del 2005, è pura follia. a tutti piace vincere, ma non deve essere senz’altro questo l’obiettivo. tra l’altro non cè neppure classifica e quindi non ha proprio senso. non viene messa la classifica di proposito, per far sì che tutti i bambini possano giocare senza pressioni e invece qualche mister non l’ha ancora capito. al bambino questa situazione pesa? hai provato a parlarci per sentire se effettivamente prova un certo malcontento?

      p.s. mi chiamo diego, non andrea 😉

      • Grazie per la cortese risposta e scusa per lo scambio di nomi, ma l’età comincia a farsi sentire. Sicuramente la cosa gli pesa parecchio, soprattutto il fatto di sentirsi in qualche modo emarginato, di non sentirsi uguale agli altri. E’ soprattutto il comportamento distaccato e indifferente del mister nei confronti del bambino a infastidirmi. La squadra, comunque, è molto “individualista”, nessun abbraccio in caso di gol, ognuno pensa a fare meglio degli altri. Tra l’altro, nei pochi minuti che gli viene concesso di giocare, i palloni gli arrivano solo “per rimbalzo” e mai su passaggio (gioca come punta). Le classifiche, anche se ufficiose, nel mio caso esistono eccome, messe in bella mostra sul sito.
        Ciao e grazie ancora.

        • Classifiche di 2005 messe in bella mostra sul sito della società??????????????? ma scherziamo spero..cambia società e portalo da un’altra parte. quando leggo ste cose mi fa ricordare di quanto indietro siamo in italia, come cultura sportiva

          • Buongiorno Diego.
            Sto valutando effettivamente la possibilità di cambiare società. Mi sorge un piccolo dubbio: devo aspettare la fine dell’annata calcistica o posso anticipare il tutto quando voglio? Ricordo che comunque mio figlio è regolarmente tesserato.
            Grazie in anticipo per la cortese risposta.
            Saluti.

  40. buongiorno, mi unisco ai complimenti di tutti
    da pochi giorni mi è stato chiesto di allenare una squadra di pulcini, cosa che non facevo da molto e molto tempo (ho allenato anni fa bambini del ’74 e addirittura del ’67…), quindi puoi immaginare il mio stupore nel vedere tutti i cambiamenti ci sono stati in un campo di calcio.
    approfitto comunque per fare una domanda. a tuo parere con bambini di quale età dobbiamo cominciare ad insegnare i ruoli in campo, o meglio stabilire (o lasciar scegliere) in che ruolo giocare, ma poi mantenere quello per tutta una partitella?

    • La ringrazio per i complimenti e complimenti per la sua nuova avventura intanto.
      Io direi che fin nei pulcini è giusto “accontentare” un po’ tutti. Mi spiego meglio. E’ chiaro che ogni bambino avrà un’iniziale predisposizione che lo porta a svolgere al meglio ruoli più offensivi o difensivi. Questo l’allenatore lo sa, il bambino molte volte no. Ecco allora che magari sarà giusto fargli giocare buona parte della partita dove noi (mister) crediamo sia giusto e una piccola parte dove piacerebbe a lui. Per tutta la categoria Pulcini questo a mio avviso non è un problema. Dagli esordienti in poi, se è chiaro che il ragazzo è molto portato per un ruolo di difesa e ci chiede di giocare in attacco, io gli farei capire l’importanza che ha per la squadra il suo ruolo e magari in alcune partite, le meno combattute, cercherei ancora di accontentarlo.
      Le racconto anche un piccolo anedoto. Qualche anno fa (ormai 5-6 mi sa) ero alla Spal come secondo allenatore, seguivo gli esordienti. Avevano un difensore centrale, capitano, davvero forte, con una personalità straripante. Durante l’anno chiedeva al mister di provare a fare il portiere ma il mister non era molto favorevole. Verso Maggio gli diede la possibilità di allenarsi coi portieri..la storia racconta che l’anno dopo fu il portiere titolare di quella squadra, l’anno dopo fu acquistato dalla fiorentina e da qualche anno è il portiere del Manchester United. sto parlando di pierluigi gollini

  41. Daniele Magnani on

    Ciao Diego, ottimo articolo ed abbastanza chiaro. Ne approfitto per farti una domanda divisa in due parti: Come valuti a fine anno nella categoria Pulcini se gli obbiettivi sono stati raggiunti, con prove sul campo o con la tua esperienza? e poi se a te ad inizio anno fosse affidata una categoria esordienti 1°anno come valuteresti, non conoscendoli, il loro livello?

    • A fine anno conta di più l’occhio esperto del tecnico secondo me. Un test è vero che ti da un indicazione più precisa (come può essere un test per il palleggio fatto ad inizio e a fine anno o come un test sulla guida della palla ecc), però credo che non sia difficile valutare la crescita anche senza proporre questo tipo di test, che a volte risultano poco pratici e che devono essere standardizzati ricordo. Per quanto riguarda gli esordienti, semplice, proporrei una serie di esercitazioni tecniche e situazionali per valutare il loro livello tecnico sui 5 principali gesti tecnici e sulle situazioni di gioco semplici, dall’1v1 al 3v3 soprattutto.

  42. Stefania Torre on

    Buonasera Mister, mi chiamo Manuel e sono di Ancona, dopo aver letto molti suoi articoli, trovandoli molto interessanti sotto vari profili, volevo una sua cconsiderazione. Senza dilungarmi troppo arrivo al punto. Ho un figlio di 10 anni che gioca nella categoria pulcini 2003, l’ allenatore schiera sempre gli stessi ragazzini nel primo tempo di ogni partita, altri ragazzini nel secondo tempo e poi effettua cambi volanti nel terzo come da regolamento FIGC, secondo me i ragazzini dovrebbero essere mischiati di partita in partita, lei cosa ne dice? Un saluto Manuel

    • Salve,
      sono d’accordo. Alleno anche il calcio a 5 e soprattutto grazie a questo mi sono accorto che è fondamentale “mischiare un po’ le carte” per abituare i giocatori a giocare un po’ con tutti e prendere confidenza con tutti i compagni. Ogni compagno ha le sue caratteristiche

  43. Salve Mister, sono il papà di un bambino che gioca nella categoria pulcini anno 2004, da circa 4 anni che fà scuola calcio.
    Volevo chiedergli visto che io non capisco tanto di calcio e regolamenti, come vengono gestiti i ruoli dei bambini e sè già adesso gli si può attribuire un ruolo fisso oppure dare la possibilità a tutti e fare la turnazione dei ruoli,le chiedo questo perchè mio figlio da circa due anni copre un ruolo di difensore centrale, parlando con il mister che lo allena mi dice che è bravo anche come centrocampista cioè davanti alla difesa o anche come esterno perchè ha una buona tecnica e visione di gioco ma fin quando non troviamo un sostituto non potrà cambiare ruolo. Il bambino si incomincia a scocciare,ultimamente e capitato che non è voluto andare a giocare qualche partita di campionato mi dice che non si diverte, perchè avrebbe voglia di giocare ogni tanto più avanti ma non gli viene data la possibilità, gli chiedo un consiglio come comportarmi con il mister o con la siocietà e sè mio figlio viene penalizzato restando sempre in quella posizione di difensore centrale.
    La saluto e la ringrazio anticipatamente.

    • DiegoFranzoso on

      Sale Antonio,
      la specificità dei ruoli comincia verso la categoria Giovanissimi, non prima. Prima è importante che i bambini possano esprimersi in più zone del campo. certo, per attitudini ci sarà chi sarà più portato a ruoli difensivi piuttosto che offensivi ma bisogna cercare di assecondare il bambino.
      premetto che capisco anche la scelta del mister, o meglio, la posso intuire.
      Probabilmente suo figlio è quello che gli da più garanzie come difensore centrale e quindi affida a lui questo ruolo.
      fossi in lei parlerei al mister del mancontento del bambino, perchè se arriva al punto di non voler andare alle partite significa che la situazione è piuttosto complicata e va aggiustata il prima possibile.
      magari il mister potrebbe pensare di farlo giocare in difesa per 2 tempi e magari il terzo tempo farlo giocare dove preferisce il bambino; oppure, se gioca 2 tempi, fare 1 tempo in difesa e 1 tempo dove il bambino si DIVERTE. Insomma, trovare un compromesso tra il bene della squadra e la felicità del bambino.. fermo restando che la seconda dovrebbe essere sempre al PRIMO POSTO. Se in difesa non si diverte, è inutile proseguire su questa strada

      • Grazie Mister per la sua celere risposta,
        seguirò il suo consiglio, parlerò innanzitutto con il Mister
        e vedremo se si riescie a trovare un giusto compromesso.
        Grazie ancora Mister le farò sapere in seguito l’esito come è andato. La saluto
        Antonio

        —-Messaggio originale—-
        Da: notifications@disqus.net
        Data: 27-mag-2014 13.33
        A:
        Ogg: Re: New comment posted on “ La mia Metodologia di Lavoro con la Categoria Pulcini” di Franzoso Diego

        /* ————————————-
        CSS TO BE LEFT IN THE HEADER
        FOR CLIENTS THAT SUPPORT IT
        ————————————- */

        a:hover,
        a:hover span {
        color: #1188d2!important;
        }

        .button-cta:hover {
        color: #ffffff!important;
        background-color: #1188d2!important;
        }

        .button-cta:hover span {
        color: #ffffff!important;
        }

        /* ————————————-
        CLIENT-SPECIFIC HACKS
        ————————————- */

        /* OUTLOOK
        – Override Outlook’s embedded padding issue
        – Fix Outlook’s full-width background issue
        */

        #outlook a {
        padding: 0;
        }
        body {
        width: 100% !important;
        }
        .ReadMsgBody {
        width: 100%;
        }
        .ExternalClass {
        width: 100%;
        display:block !important;
        }

        /* ————————————-
        PHONE-SIZED DEVICES
        ————————————- */

        @media only screen and (max-device-width: 480px) {
        html {
        -webkit-text-size-adjust: 100%;
        }
        .content {
        width: 100%;
        }
        table {
        border-collapse: collapse;
        }
        h2.headline {
        font-weight: 700;
        font-size: 20px!important;
        margin-bottom: 5px;
        }
        .button-cta {
        display: block!important;
        padding: 0!important;
        }
        div.header {
        padding-top: 20px;
        }
        div.footer {
        padding-bottom: 20px;
        }
        }
        }

        p.mod-tools a:hover {
        color: white!important;
        background: #8c989f!important;
        }

        /* ————————————-
        PHONE-SIZED DEVICES
        ————————————- */

        @media only screen and (max-device-width: 480px) {

        td.avatar,
        td.spacer {
        width: 38px!important;
        }

        td.avatar img,
        td.spacer img {
        width: 28px!important;
        }

        }

        –>

        Settings

        A new comment was posted on Idea Calcio

        DiegoFranzoso
        Sale Antonio,
        la specificità dei ruoli comincia verso la categoria Giovanissimi, non prima. Prima è importante che i bambini possano esprimersi in più zone del campo. certo, per attitudini ci sarà chi sarà più portato a ruoli difensivi piuttosto che offensivi ma bisogna cercare di assecondare il bambino. premetto che capisco anche la scelta del mister, o meglio, la posso intuire. Probabilmente suo figlio è quello che gli da più garanzie come difensore centrale e quindi affida a lui questo ruolo. fossi in lei parlerei al mister del mancontento del bambino, perchè se arriva al punto di non voler andare alle partite significa che la situazione è piuttosto complicata e va aggiustata il prima possibile. magari il mister potrebbe pensare di farlo g iocare in difesa per 2 tempi e magari il terzo tempo farlo giocare dove preferisce il bambino; oppure, se gioca 2 tempi, fare 1 tempo in difesa e 1 tempo dove il bambino si DIVERTE. Insomma, trovare un compromesso tra il bene della squadra e la felicità del bambino.. fermo restando che la seconda dovrebbe essere sempre al PRIMO POSTO. Se in difesa non si diverte, è inutile proseguire su questa strada 7:33 a.m., Tuesday May 27

        Reply to DiegoFranzoso

        DiegoFranzoso’s comment is in reply to antonio:

        Salve Mister, sono il papà di un bambino che gioca nella categoria pulcini anno 2004, da circa 4 anni che fà scuola calcio. Volevo chiedergli …
        Read more

        You’re receiving this message because you’re signed up to receive notifications about replies to disqus_XSmnoAmKSW. You can unsubscribe from emails about replies to disqus_XSmnoAmKSW by replying to this email with “unsubscribe” or reduce the rate with which these emails are sent by adjusting your notification settings.

  44. Premesso che bisognerebbe vedere che tipo di attività svolgono durante la seduta e che la teoria praticamente non esiste in questa fascia d’età, non è normale che a 9 anni i bambini non sappiano stare in campo e che vadano ancora tutti sul pallone.
    Certo, se ne vedono di squadre così ma a mio avviso è un aspetto che andava già curato almeno nell’annata precedente

  45. ciao diego,alleno i pulcini primo anno 2006…ho dato un occhiata ai vari link per gli esercizi che proponi….ma non ho trovato nulla che ha a che fare con le rimesse laterali…me ne puoi suggerire uno?
    grazie
    ps.secondo te è meglio farli giocare col “rombo” o col “quadrato”?

  46. Raffaele Giannoccoli on

    Buongiorno Diego,

    Innanzitutto complimenti per il lavoro che svolgi.
    Volevo chiederti alcune cose.
    Ho 21 anni ed é il primo anno che mi trovo a gestire un gruppo di bambini pulcini 2004.
    Mi sono trovato a creare molte cose mie e quando ho letto di questo tuo post , mi sono trovato in totale accordo di come gestisco anche io un allenamento.

    Il mio gruppo é quello dei “meno pronti”.
    Bambini di 10 anni scoordinati al massimo, che mancano della piu totale delle basi calcistiche, non riescono a stare neanche bene in campo, tutti i contro la palla.
    Tutto frutto di pessime gestioni che ci sono state negli anni precedenti da qualcuno.
    Secondo te come potrei risolvere queste situazioni a bambini di 10 anni?

    • Ciao Raffaele.
      La ricetta è solo una, PAZIENZA, molta pazienza.
      Hai detto bene, sono stati fatti errori nelle gestioni passate e quindi è impensabile rimediare a tutto in breve tempo. Servirà tempo per intervenire dal punto di vista coordinativo (non dimenticando che dopo i 12 anni diventa più complicato l’apprendimento delle capacità coordinative e degli schemi motori di base e quindi urge un intervento immediato se sono così carenti).
      E ricordando che le abilità tecniche si costruiscono sulle capacità coordinative, quindi tutti i problemi di natura tecnica sono spesso da associare ad una mancanza di coordinazione. Paradossalmente, un bambino che ha fatto karate per diversi anni e che arriva a calcio attorno ai 10, potrebbe acquisire le abilità tecniche molto più velocemente di quei bambini, scoordinati, che giocano a calcio da diversi anni.

      • Raffaele Giannoccoli on

        Quindi tu mi consigli di allenare molto la parte coordinativa?
        Ad esempio, come hai scritto bel tuo post, svolgendo esercitazioni tecnico-coordinative?
        Ed allo stesso modo, in uno stesso allenamento, posso inserire anche esercizi specifici per allenare solo la parte della tecnica di base?

  47. ciao a tutti! i ragazzi si possono far correre i pulcini senza palla? esiste un regolamento? se si potete dirmi dove si trova? Grazie per collaboriorazione

    • Ciao,
      un regolamento per cosa? Per la corsa a secco nei Pulcini?
      Esiste la guida del settore tecnico della FIGC ma esiste anche il buon senso !!

      Perchè dei Pulcini dovrebbero correre a secco? Con quale scopo? Migliorare la resistenza?

      Io ho affrontato e sto affrontando due campionati di giovanissimi sperimentali e regionali e ho lavorato esclusivamente con la palla.
      Quindi ritengo che chi fa lavorare i bambini a secco, faccia delle autentiche cavolate !!! Benefici nessuno, danni, MOLTI !!

  48. Mauro Tagliaferri on

    Ciao Diego sono Mauro. Innanzitutto complimenti x il tuo lavoro, e ti ringrazio anticipatamente per la tua cortese attenzione. Alleno, in collaborazione con un altro istruttore, una squadra di pulcini 2006, e vorrei chiederti un consiglio su come gestire il nostro gruppo, nel senso che avendo una “rosa”di 16 bimbi, per permettergli di giocare di più, abbiamo deciso di formare due squadre, una inserita in un girone e l’altra in un altro della fase autunnale, pur mantenendo comunque un gruppo unito negli allenamenti .Premetto che il nostro non è un gruppo molto omogeneo, ma circa la metà dei bimbi, probabilmente anche perché avendo iniziato l’attività uno o due anni prima, e’ più avanti e l’altra metà è meno pronta. All’inizio della stagione, la società ci ha “consigliato” di non formare due squadre ben delineate, ma di mischiare di partita in partita i bimbi dei due gruppi. Per dirti la verità, io non sono molto d’accordo con questa scelta perché secondo me ,x la crescita (e non per i risultati delle gare, perché di quelli ne io ne tanto meno la società diamo importanza) sia dei bimbi più pronti che di quelli meno, dovrebbero giocare per gruppi omogenei. Vorrei chiederti però un tuo parere per la suddivisione delle due “mini squadre” per la fase primaverile perché sicuramente hai molta più esperienza di me ed io ho tantissimo da imparare. Spero di essere stato chiaro nell’esposizione della mia domanda, e ti ringrazio ancora moltissimo. Ciao Mauro

  49. Mauro Tagliaferri on

    Ciao Diego sono Mauro. Innanzitutto complimenti x il tuo lavoro, e ti ringrazio anticipatamente per la tua cortese attenzione. Alleno, in collaborazione con un altro istruttore, una squadra di pulcini 2006, e vorrei chiederti un consiglio su come gestire il nostro gruppo, nel senso che avendo una “rosa”di 16 bimbi, per permettergli di giocare di più, abbiamo deciso di formare due squadre, una inserita in un girone e l’altra in un altro della fase autunnale, pur mantenendo comunque un gruppo unito negli allenamenti .Premetto che il nostro non è un gruppo molto omogeneo, ma circa la metà dei bimbi, probabilmente anche perché avendo iniziato l’attività uno o due anni prima, e’ più avanti e l’altra metà è meno pronta. All’inizio della stagione, la società ci ha “consigliato” di non formare due squadre ben delineate, ma di mischiare di partita in partita i bimbi dei due gruppi. Per dirti la verità, io non sono molto d’accordo con questa scelta perché secondo me ,x la crescita (e non per i risultati delle gare, perché di quelli ne io ne tanto meno la società diamo importanza) sia dei bimbi più pronti che di quelli meno, dovrebbero giocare per gruppi omogenei. Vorrei chiederti però un tuo parere per la suddivisione delle due “mini squadre” per la fase primaverile perché sicuramente hai molta più esperienza di me ed io ho tantissimo da imparare. Spero di essere stato chiaro nell’esposizione della mia domanda, e ti ringrazio ancora moltissimo. Ciao Mauro

    • Ciao Mauro,
      sei stato chiarissimo e ti ringrazio per il complimenti.
      Qui da noi abbiamo vissuto una situazione analoga ma con numeri maggiori.
      30 bambini tra 2006-2007. Abbiamo formato due gruppi omogenei ed è stato un successo.

      Io dall’anno scorso sto seguendo i 2006-07 più pronti e i miglioramenti sono stati enormi. Al tempo stesso i bambini del secondo gruppo stanno crescendo con pazienza e seguendo il loro naturale sviluppo.

      Guarda quì, avevo scritto anche un articolo

      http://www.ideacalcio.net/primi-calci/la-mia-metodologia-di-lavoro-con-la-categoria-piccoli-amici-seconda-parte.html

      • Mauro Tagliaferri on

        Grazie mille Diego, mi sei stato di grande aiuto con la tua risposta ed il tuo articolo, e ne farò sicuramente tesoro. Se non è un problema in futuro ti contettero ‘ di nuovo per qualche prezioso consiglio. Grazie mille, ciao Mauro

  50. Ciao visto che sto seguendo molto il tuo modo di allenare volevo avere delle nuove idee su come lavorare sui pulcini 2 anno sulla rapidita’ ti spiego ho un difensore bravo tecnicamente ottimo fisico ma lento nel girarsi e nei recuperi grazie

  51. eugenio provenzano on

    carissimo, seppur non ci conosciamo di persona, ti porgo i miei complimenti per l’articolo che ritengo essere esaustivo per la categoria pulcini.
    Il passaggio dal metodo Coerver alla coordinazione attraverso la tecnica nonché l’insegnamento e la conoscenza delle situazioni di gioco dall’1>1 al 4>4 con superiorità ed inferiorità numerica, rappresentano di certo la metodologia d’insegnamento migliore per far sì che il giovane calciatore possa passare alla categoria successiva con un ottimo bagaglio di conoscenze calcistiche.
    Devo inoltre comunicarti che ho sperimentato in toto il linguaggio che tu suggerisci per i bambini, ho inserito altri termini che al momento mi consentono anche durante le gare di gestire il gruppo con facilità, con l’obiettivo che quanto prima siano i giovani calciatori ad utilizzare un linguaggio comune sul terreno di gioco.
    eugenio provenzano

  52. Fabio Zanoncelli on

    Ciao!
    Io sto provando, e ottenendo risultati, con una metodologia leggermente diversa che prevede le fasi che tu chiami “apprendimento tecnico” e “applicativa” invertite.
    Cioè prima un esercizio situazionale, che può essere una situazione di gioco piuttosto che una partita a tema o altro, e poi un esercizio tecnico per migliorare i gesti che permettono di svolgere la situazione precedente in modo migliore. Alla fine partitella libera, per cercare di mettere in pratica in una situazione il più reale possibile quello che si è fatto.
    Negli spogliatoi cerco di fissare i concetti facendo domande ai ragazzi perché arrivino da soli a capire gli obiettivi dell’ allenamento svolto.
    Secondo me il gesto tecnico fine a se stesso rimane meno, se invece il ragazzo sa già dove potrebbe essergli utile lo ricorderà meglio.
    Cosa ne pensi?

Leave A Reply