Possesso in forma “micro”: “Muovere Palla da una Zona all’altra, Superiorità Posizionale” Nell’articolo di oggi propongo un’esercitazione che ho utilizzato nel corso della passata stagione… Continua »

Possesso in forma “micro”: “Muovere Palla da una Zona all’altra, Superiorità Posizionale”

Nell’articolo di oggi propongo un’esercitazione che ho utilizzato nel corso della passata stagione con la categoria Allievi e che è rivolta a tutta la fascia d’età dell’attività agonistica, prime squadre comprese.

L’obiettivo è quello di allenare, in forma “micro”, un Principio di Gioco che poi verrà ripreso in situazione “macro”, con l’intento di avere un transfert maggiore da parte del giocatore. In sostanza, si cerca di scomporre la situazione, per numero di giocatori e dimensioni dello spazio di gioco, prima di trasferire i medesimi concetti a livello collettivo.

In questa esercitazione mi interessava:
* la ricerca della superiorità posizionale, ossia il cercare di portare un elemento alle spalle della pressione avversaria (in questo modo, se troviamo la linea di passaggio abbiamo neutralizzato il tentativo di pressing avversario)
* il mantenimento del possesso muovendo palla da una zona all’altra
* l’utilizzo del “sostegno” per consolidare il nuovo possesso

Le dimensioni del campo di gioco variano in base a diversi fattori (qualità del gruppo, fascia d’età, giorno della settimana) ma si predilige la profondità all’ampiezza. Al centro del campo si costruisce un quadrato di circa 6×6.

In questa seduta avevo a disposizione 14 giocatori, quindi ho pensato l’esercizio in questo modo:

Possesso Palla Utilizzo zona centrale 3c3+J

Due campi di gioco. Situazione di 3c3+J a sostegno. All’interno giochiamo 2c2, più una sponda per colore su uno dei due vertici in profondità.
Due tocchi all’interno e per il (J), 1 tocco per le sponde.

Interscambio con la propria sponda ogni qualvolta gli si trasmette palla. Rimanere utili durante l’interscambio.
L’obiettivo è il mantenimento del possesso muovendo palla da una zona all’altra del campo, guadagnando un punto se si riesce a ricevere il passaggio del (J), o della propria sponda, all’interno del quadrato centrale e a trasmettere palla alla propria sponda, o viceversa.

Non forzare la giocata nel quadrato qualora non vi sia spazio. Aggiro la zona centrale se l’avversario non mi concede spazio).

Focus:

* orientamento del corpo per muovere palla da una zona all’altra (non dare le spalle alla propria sponda o al Jolly)
* controllo orientato (di qualità per orientare il gioco nella direzione opposta)
* smarcamento di rottura (alle spalle della pressione)
* muovere palla da una zona all’altra del campo

Credit Immagine: https://i.ytimg.com/vi/z6YDl1dFI5g/maxresdefault.jpg