Possesso palla sul lato forte e attacco sul lato debole Premessa L’esercitazione prende spunto da un’esercitazione vista da Mister Di Francesco ai tempi del Lecce.… Continua »

Possesso palla sul lato forte e attacco sul lato debole

Premessa

L’esercitazione prende spunto da un’esercitazione vista da Mister Di Francesco ai tempi del Lecce. Io l’ho modificata e ho aggiunto qualche variante

Svolgimento

Campo di gioco: poco meno di metà campo
A ridosso dell’area di rigore si preparano 2 campi di gioco, uno di forma rettangolare sulla sinistra, le cui dimensioni variano principalmente a seconda del livello tecnico del gruppo e uno di dimensioni minori, direi un 8×8
In quello di sinistra posizioniamo anche 2 porticine come da figura. In un primo momento lavoriamo sul possesso palla nella zona sinistra del campo con inserimento a dx e in un secondo momento possiamo svolgere l’esercitazione a parti invertite

Possesso sul Lato Forte Attacco sul lato debole(2)

Nel rettangolo di sinistra svolgiamo quindi un possesso palla 4v3 in favore dei gialli. Io ho ipotizzato di lavorare sul 4-2-3-1 e quindi possiamo far lavorare l’ala, il centrocampista, la punta e il trequartista contro 3 oppositori/difensori
L’obiettivo per i gialli è dunque il mantenimento del possesso palla, sfruttando la superiorità numerica, per raggiungere un bonus di passaggi (5-6-8-.., dipende dal livello tecnico-tattico del gruppo con cui si lavora).

Al raggiungimento dell’obiettivo, i gialli dovranno verticalizzare per l’inserimento del compagno che parte dal quadrato di destra, lato debole.
Qui abbiamo le prime varianti:

Possesso sul Lato Forte Attacco sul lato debole

-i difensori restano attivi o passivi al raggiungimento del bonus di passaggi da parte dei gialli?? Possiamo provare a lasciarli in un primo momento passivi e poi successivamente attivi
-sull’inserimento del compagno questi dovrà concludere con al massimo 2 tocchi a disposizione o andrà all’1v1 col portiere, sono 2 possibilità differenti

NOTA: Se i difensori recuperano palla all’interno del rettangolo di sinistra dovranno segnare in una delle 2 porticine. Tenere diversi palloni di scorta fuori dal campo di gioco.

STEP II

Aggiungiamo ora 2 o 3 sagome. Sulla verticalizzazione dovremmo trovare un passaggio filtrante per l’inserimento, possibilmente con un taglio, del compagno sul lato debole

Possesso sul Lato Forte Attacco sul lato debole(3)

L’esercitazione comincia ad avere una notevole importanza per quel che concerne i tempi di inserimento e i tempi di giocata. Difatti chi s’inserisce dovrà farlo rispettando i tempi di gioco, per non finire in fuorigioco

STEP III

Con questo step possiamo continuare o meno a lavorare con le sagome. Posizioniamo ora un difensore all’interno del quadrato di destra. Il difensore lavorerà solo sull’intercetto e non sul contrasto, obbligando il giocatore che s’inserisce a lavorare anche sullo smarcamento e non solo sull’inserimento, visto che il passaggio potrà essere intercettato dal difensore

Possesso sul Lato Forte Attacco sul lato debole(4)

STEP IV

Al posto delle sagome posizioniamo 2-3 difensori che lavorano quasi in linea all’interno di un corridoio 25×5 e togliamo il difensore da dentro il quadrato di destra. Chi verticalizza dovrà farlo cercando l’imbucata tra i difensori e chi s’inserisce dovrà leggere lo spazio da attaccare. I difensori potranno lavorare solo sull’intercetto e non sul contrasto. Se uno dei 2 difensori nel corridoio intercetta palla andrà in transizione positiva conducendo palla verso il rettangolo per andare a giocare il 4v4, obiettivo il gol nelle 2 porticine. Persa palla rientra immediatamente in posizione e si continua dal 4v3 per i gialli

Possesso sul Lato Forte Attacco sul lato debole(5)

Nota: per rimanere ogni giorno aggiornati sui nuovi contributi di Ideacalcio seguimi alla pagina Facebook Ideacalcio che trovi a questo link

Credit Immagine: http://cdn.corrieredellosport.it/images/88/C_3_Media_1649788_immagine_obig.jpg