Progressione Fase Offensiva: dal 1c1 al 2c1 – Seduta Sei Nell’articolo di oggi presento quella che è stata una progressione che ho portato sul campo… Continua »

Progressione Fase Offensiva: dal 1c1 al 2c1 – Seduta Sei

Nell’articolo di oggi presento quella che è stata una progressione che ho portato sul campo con la mia squadra di Allievi e che, a partire dalla categoria Esordienti, può essere un validissimo mezzo d’allenamento per le categorie dell’attività agonistica.

Ad un certo punto mi sono detto, “e se ci fosse bisogno, come per le progressioni sulla fase difensiva, di scomporre e semplificare la fase offensiva con lo scopo di mettere gli attaccanti nelle condizioni migliori per poter esprimersi”?

Chi mi segue da un po’ di tempo sa che dedico una parte del tempo che ho a disposizione a scomporre le situazioni che poi i difensori si ritroveranno ad affrontare in gara, allenando i Principi di Tattica Individuale e Collettiva attraverso situazioni semplificate.
E i risultati, in termini di prestazioni, vuoi anche per merito dei difensori che ho a disposizione, si sono visti nitidamente.

Notando da qualche partita una difficoltà nel finalizzare l’azione, mi sono chiesto se non fosse produttivo ideare delle progressioni che mirassero ad allenare la fase offensiva, con lo scopo di allenare la Tattica Individuale in fase di Possesso e alcuni sviluppi offensivi.

Progressione Fase Offensiva Parte Sei

Osservazione

In tutte e quattro le proposte ho zonato la porta, posizionando un nastro ad altezza bacino. Il gol può essere valido solo nella sezione decisa anticipatamente dall’allenatore. In questo modo si stimolano gli attaccanti ad una maggior precisione e concentrazione nel momento della conclusione. Possiamo inserire anche una “penitenza” qualora gli attaccanti non riescano a segnare.

Esercizio Uno: 1c1, smarcamento su entrata “casuale”
L’attaccante in possesso di palla entra in campo conduzione e potrà essere immediatamente contrastato dal difensore posizionato al centro. Il mister chiama il numero corrispondente ad uno dei 4 assistenti esterni. Il numero chiamato entra in campo per ricevere il passaggio del compagno e concludere con un massimo di 2 tocchi. Solo l’assistente potrà concludere l’azione.

La difficoltà principale è legata alla regola che prevede che solo il secondo attaccante possa concludere l’azione. Questi dovrà essere abile a “vedere” in fretta gli spazi vuoti in cui poter ricevere palla, mentre il compagno dovrà essere pronto a giocargli palla coi tempi corretti. L’attaccante che entra in conduzione dovrà poi chiedersi: con quale velocità conduco palla? Meglio veloce o lenta per capire da dove proviene il compagno? Si ricorda l’ulteriore regola che prevede la conclusione con un massimo di 2 tocchi. Ciò implicherà un primo (eventuale) controllo di qualità per escludere l’intervento del difensore.

Focus:
* contromovimenti e smarcamento
* controllo orientato
* conclusione piazzata e rapida

Esercizio Due: 1c1, smarcamento su due palloni
L’attaccante interno, marcato dal difensore, dovrà ricevere uno dei due palloni degli assistenti (posizionati come da figura) per concludere con un massimo di 2 tocchi.

Focus:
* contromovimenti e smarcamento
* timing del passaggio

La difficoltà per gli attaccanti è stata quella di fintare l’attacco a un pallone per poi ricevere l’altro. Su 10 azioni, in 8 si è ricercato il passaggio dall’assistente posizionato a lato della porta.  Il problema è stato quello di cominciare l’azione partendo da una situazione di 1c1 senza palla, col difensore a stretto contatto con l’attaccante.

Esercizio Tre: 3c2 con partenza da rimessa laterale e occupazione dello spazio
L’attaccante esterno esegue una rimessa laterale per uno dei 2 attaccanti prima di entrare in campo. Campo diviso in 4 settori uguali. Mai 2 attaccanti nello stesso settore ma interscambi liberi. I 2 difensori sono liberi di muoversi su tutto il campo.

Focus:
* smarcamento
* movimenti contrari
* occupazione dello spazio

La difficoltà maggiore è proprio la partenza da rimessa laterale. Il primo punto è che si tratta di una partenza con palla ferma e su questa bisogna capire chi esegue il primo movimento (il giocatore più vicino). Il compagno non fa altro che adattarsi.

Esercizio Quattro: 2c1 con partenza dal 1c1 spalle alla porta
L’allenatore chiama il numero di uno dei due assistenti in possesso di palla. Quello chiamato giocherà palla all’attaccante opposto (in diagonale) che si muove sul corto seguito dal difensore. L’altro attaccante si muove a sostengo o in profondità. Massimo 2 passaggi per concludere l’azione. I due attaccanti dovranno fronteggiare un solo difensore, quello che segue l’attaccante che si è mosso inizialmente sul corto sul primo passaggio. Non c’è il fuorigioco.

Focus:
* movimenti combinati
* 1c1 spalle alla porta

La difficoltà principale è legata al movimento del secondo attaccante. Questi dovrà valutare se sarà più opportuno muoversi a sostegno o se attaccare lo spazio in verticale.

Credit Immagine: http://www.101greatgoals.com/wp-content/uploads/2016/08/zlatan-ibrahimovic-anthony-martial-celebrate.jpg