Sviluppo del Contropiede in 2v2 – Lavoro sulla Transizione –

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Situazione di gioco per lo sviluppo del contropiede, della transizione e per la ricerca dell’ 1-2

Campo 25×18. Posizionare in ordine sparso 4 sagome.
2 giocatori blu (B1) cominciano l’esercitazione entrando nel campo palla al piede attaccando 2 giocatori rossi (R1) che dovranno difendere la propria porta. Quando l’azione termina, gol o palla che esce, (se il portiere para può quindi giocare coi propri compagni) i due rossi che hanno appena difeso escono dal campo e i due blu che hanno appena attaccato dovranno difendersi dall’attacco della prossima coppia rossa (R2) che entra nel campo palla al piede.
Quando l’azione terminerà, i due rossi che hanno attaccato dovranno difendere contro altri 2 blu che entrano e così via.

Situaz. di gioco Sviluppo del contropiede in 2v2 e transizione

PUNTEGGI:
– gol di chi è inizialmente in attacco 1pt.
– gol di chi era inizialmente in difesa e che ribalta l’azione 2pt
– 1-2 prendendo in mezzo una sagoma 1pt
– 1-2 prendendo in mezzo un avversario 3pt

Obiettivi Tattici: transizione, sviluppo del contropiede, ricerca dell’1-2
Obiettivi Fisici: resistenza specifica (es. che se svolta con 12 giocatori + portieri, risulta molto impegnativa dal punto di vista organico)
Obiettivi “Psicologici” : ricerca della collaborazione

OSSERVAZIONI: esercitazione che viene dal calcio a 5 e che ho adattato e modificato in base alle mie esigenze. Esercitazione che ho utilizzato moltissimo durante tutto l’anno, soprattutto ad inizio anno quando la squadra faceva fatica a collaborare in fase di possesso. Inserendo l’1-2 ho risolto gran parte dei problemi e col tempo ho raggiunto i miei obiettivi. L’esercitazione risulta molto dinamica e molto stimolante per i ragazzi

VARIANTI: possiamo svilupparla anche con un 3v3

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

5 commenti

  1. se gli attaccanti perdono palla, i difensori cosa fanno? si trasformano immediatamente in attaccanti o l’azione finisce?
    e, nel primo caso, i due che inizialmente erano attaccanti che fanno, devono difendere o vengono sostituiti da due nuovi giocatori?

  2. Diego Franzoso

    se i difensori recuperano, ripartono immediatamente verso la porta avversaria, coi 2 attaccanti che difendono.
    L’azione finisce solo in caso di gol o se la palla esce. Quindi finchè la palla resta in campo l’azione può continuare anche con 5-6 cambi di possesso (per esempio)

  3. ma le sagome sparse nel campo devono essere superate perforza o non e’ obbligo? e se prima di segnare per esempio ne viene superata con un 1-2 una, si somma al punteggiodel gol o del superamento avversario?

    • Diego Franzoso

      le sagome le ho posizionate solo per ostruire l’esecuzione delle finte e quindi per rimpicciolire lo spazio di gioco nel mezzo. Quindi no, non devono essere superate per forza con un dribbling. Un’altra variante che mè venuta in mente è quella di sviluppare il 2v2. Al momento del fischio diventano attaccanti il possessore e il compagno che gli ha passato palla, contro gli altri 2 elementi. si va al 2v2 per andare a meta sul lato fronte a loro

Leave A Reply