Scuola Calcio: “Ball Mastery”, Conclusione, 1c1 e 2c1 L’esercitazione è stata pubblicata per la prima volta su Ideacalcio nel Maggio 2013 ed oggi viene riproposta… Continua »

Scuola Calcio: “Ball Mastery”, Conclusione, 1c1 e 2c1

L’esercitazione è stata pubblicata per la prima volta su Ideacalcio nel Maggio 2013 ed oggi viene riproposta aggiornata graficamente e con qualche variante. Ricordo che l’aveva sviluppata sul campo con un gruppo di Pulcini all’ultimo anno ed è rivolta infatti alle categorie dell’Attività di Base.

L’esercitazione comincia con 2 giocatori, in possesso di palla, posizionati all’interno di un quadrato 8×8 disseminato da coni. I due dovranno sfidarsi per eseguire il maggior numero di finte, cambi di direzione e qualsiasi altra gestualità tecnica, con la massima frequenza possibile, evitando di abbattere i coni.

Al comando dell’istruttore questi fischia una o due volte, indicando quale dei due allievi (gli allievi sono numerati precedentemente) dovrà dirigersi verso la porticina blu situata fronte alla porta. In figura sarà il giocatore giallo ad uscire per andare alla conclusione nella porta difesa dal portiere. Il suo compagno nel frattempo esce, sempre in conduzione, su una delle due porticine laterali rosse.

A questo punto il gioco continua con una situazione di 1c1, con Blu che sfida Giallo per segnare nella porta difesa dal portiere.

Osservazione

Il giocatore che verrà indicato dall’istruttore dovrà essere veloce ad uscire dal quadrato, concludere e a portarsi a difesa della porta. Dovrà inoltre valutare se “spingersi” molto vicino alla porta per concludere o se provare il tiro da distanza maggiore. Più si avvicinerà alla porta, maggiori saranno le sue probabilità realizzative, ma allo stesso questo permetterà all’avversario di avere maggior tempo e spazio. Quest’ultimo potrebbe infatti ritrovarsi a sfidare il primo a pochi metri dalla porta.

Apprendim.Tecnico-Tattico Cambi di direzione 1v1 2v1 con appoggio(2)

Nota: Non appena il tecnico da il comando per uscire dal quadrato, altri 2 giocatori entrano palla al piede nel quadrato, iniziando a loro volta l’esercitazione

Varianti:

* Il tecnico invece di fischiare chiama il colore della casacca di uno dei 2 ragazzi

* Il tecnico chiama il nome di chi andrà al tiro

* Il tecnico alzerà una casacca del colore corrispondente ad uno dei 2 giocatori. Questa variante aumenterà il carico cognitivo della proposta. Infatti i 2 allievi si ritroveranno a dover “trattare la sfera” dovendo mantenere il più possibile la testa (sviluppo canale visivo)

* Il tecnico chiama un particolare fisico o di un indumento di uno dei 2 ragazzi (capelli biondi, scarpe gialle, il più alto dei 2, ecc…)

L’evoluzione dell’esercitazione

Viene collocato un appoggio all’esterno del quadrato.
Colui che sarà chiamato per andare al tiro in porta potrà farlo solamente dopo aver scambiato palla con l’appoggio. Si potrà giocare il primo passaggio sull’appoggio da dentro il quadrato o una volta uscito da esso, a discrezione di chi conclude.

L’appoggio gioca il passaggio di ritorno di prima intenzione o con un max di 2 tocchi, a discrezione del tecnico.

Il compagno che dovrà uscire dal quadrato per affrontare il difensore sarà coadiuvato dall’appoggio che, giocando ad un max di 2 tocchi, collabora con l’attaccante in una situazione di 2c1.

Apprendim.Tecnico-Tattico Cambi di direzione 1v1 2v1 con appoggio(3)

Le Varianti:

* L’appoggio non può segnare/può segnare
* L’appoggio gioca a 1 tocco
* L’appoggio può segnare ma solo di prima intenzione
* L’attaccante potrà segnare solo di prima intenzione
* L’attaccante potrà segnare solamente dopo aver eseguito almeno 1 passaggio all’appoggio

Credit Immagine: http://www.tottenhamhotspur.com/uploadedImages/Shared_Assets/Images/Soccer_schools/Half-Term/Voucher%20image.jpg?n=9993