Attività di Base: “1c1 su tre porticine” – Sviluppo dei CdD Nell’articolo di oggi presento un esercizio molto semplice e rivolto alle categorie dell’attività di… Continua »

Attività di Base: “1c1 su tre porticine” – Sviluppo dei CdD

Nell’articolo di oggi presento un esercizio molto semplice e rivolto alle categorie dell’attività di base, più nello specifico per quelle Pulcini ed Esordienti.
Anche in questo caso, come in tante altre proposte, non è da escludere un suo utilizzo anche per la categoria Giovanissimi, con l’obiettivo di far emergere-spiccare i principi di tattica individuale in fase di possesso.

Purtroppo infatti, e lo dico per esperienza diretta, avendo lavorato molto in questi anni con la categoria Giovanissimi, ci si ritrova ad aver a che fare con giocatori spesso “timidi” nell’affrontare un duello 1c1. Il motivo è naturalmente da ricercare nelle stagioni precedenti, dove il duello, e tutti i suoi prerequisiti, sono troppo trascurati.

Ma veniamo alla proposta di oggi.
Formiamo due file, attaccanti e difensori. I giocatori possono cambiare di ruolo a tempo o dopo ogni ripetizione. Attenzione che non è la stessa cosa. In un caso (il secondo) il giocatore svilupperà l’alternanza dei ruoli, passando rapidamente da un ruolo all’altro; nell’altro si cercherà di far ripetere e rafforzare una gestualità o un comportamento. Consiglio di utilizzare entrambe le strategie nel corso della stagione o della stessa seduta.

L’Attaccante Nero conduce palla in slalom tra due coni e supera la porticina mentre il difensore si dirige verso di lui (“potremmo quasi dire accorcia“).
L’attaccante dovrà innanzitutto superare la linea di metà campo per poi poter segnare in una delle tre porticine. Quindi, una volta superata la linea bianca, potrà anche effettuare un Cambio di direzione di 180° per dirigersi verso la porticina alle sue spalle.

Se il difensore ruba palla dovrà fare gol nella porticina nei pressi della partenza dell’attaccante.

Il Focus della proposta:

* puntare il difensore rapidamente
* accorciare velocemente verso l’attaccante, cercando di “andarlo a prendere” nella metà campo più lontana
* eseguire il maggior numero di finte e cambi di direzione per disorientare e ingannare il difensore

Credit Immagine: https://canchamthailand.org/wp-content/uploads/2015/11/rESIZE-1.jpg