Coordinativo e 1c1. Differenziazione, Ampiezza e Frequenza della Corsa Nell’articolo di oggi presento una proposta che ho portato sul campo con la mia squadra di… Continua »

Coordinativo e 1c1. Differenziazione, Ampiezza e Frequenza della Corsa

Nell’articolo di oggi presento una proposta che ho portato sul campo con la mia squadra di 2008 (Piccoli Amici ultimo anno) e che è rivolta in particolare alle categorie dell’attività di base, quindi anche per Pulcini ed Esordienti.
Tuttavia ritengo, visti gli obiettivi dell’esercitazione, che possa essere un validissimo mezzo d’allenamento, con qualche variante, anche per Giovanissimi e perchè no, Allievi.

L’idea parte dalla volontà di creare un esercizio integrato, che vada a miscelare obiettivi coordinativi (il focus della proposta è proprio su questi) e di natura tecnico-tattica.

attivita-di-base-coordinativo-e-1c1-differenziazione-e-ampiezza-frequenza-della-corsa

Al via dell’istruttore, l’attaccante parte in conduzione, il difensore senza palla. I due giocatori dovranno compiere il rispettivo percorso motorio, superare i nastri posizionati a circa 20cm da terra. Consiglio di utilizzare un nastro elastico, in questo modo si eviterà di incappare nella spiacevole rottura di quello bianco e rosso che comunemente viene utilizzato dai più.

Viene quindi costruita una specie di griglia, con 7 paletti, come si vede nella figura qui sopra.

L’attaccante dovrà superare 5 nastri (in guida della palla), il difensore 9 (senza palla), seguendo due percorsi già prestabiliti e che si vedono in figura dalle frecce rosse.

All’uscita l’attaccante dovrà condurre palla a meta in una delle 2 porticine rimaste, in quanto l’istruttore indicherà il colore della porticina in cui non potrà ottenere il punto.

Attaccanti e difensori cambiano di ruolo a tempo. In questo modo potremmo dare dei feedback ad entrambi i ruoli e questi, già all’azione successiva, potranno provare a mettere in pratica quanto suggerito, qualora vengano riscontrati errori di natura tecnica o nel lavoro coordinativo.

Quest’ultimo si concentra sulla differenziazione, legata al numero di tocchi di palla che l’attaccante dovrà eseguire per superare i nastri e mantenere la palla sotto controllo; all’ampiezza e alla frequenza della corsa del difensore nel superare in salto i vari nastri.

Credit Immagine: http://www.inter.it/html/speciali/scuolecalcio/06.jpg