Portieri – Attività di Base: Allenamento numero 3 Nell’articolo di oggi vedremo il terzo articolo dedicato al “Mondo dei Portieri dell’attività di base”. Come ho… Continua »

Portieri – Attività di Base: Allenamento numero 3

Nell’articolo di oggi vedremo il terzo articolo dedicato al “Mondo dei Portieri dell’attività di base”.
Come ho scritto negli articoli precedenti, la rubrica è curata dall’amico Andrea Brunello, attuale allenatore dei portieri della Spal.

In questa seduta gli elementi centrali saranno la presa centrale (con attenzione alla posizione delle mani e alla postura di attesa come di consueto), tecnica
podalica e contatto con il terreno (iniziato già nella seduta precedente).

Presupponendo un numero di portieri pari a 3 o 4, vi sono due stazioni di lavoro (o 3 se il mister decide di farla eseguire interamente ai ragazzi), dove un portiere esegue la parte tecnica dell’esercizio, il secondo (o il mister) fa eseguire il gesto e il terzo riceve il tiro.

Svolgimento

Portieri numero 3

1. Il portiere A esegue una serie di appoggi alla scaletta (sempre decisa in base al livello del bambino) + un rotolamento sotto il nastro per andarsi a posizionare in posizione di attesa dentro i due cerchi a terra, di fronte al portiere B (o al mister);

2. Il bambino B fa eseguire ad A una presa centrale (che sia calciata con palla in mano o lanciata con due amni al compagno è una scelta libera);

3. Una volta eseguita la presa, A mette la palla a terra e conclude verso la porta difesa dal portiere C, che si esprime in maniera libera e senza vincoli nella gestione della situazione, cioè compie la parata come l’istinto gli comanda.

Osservazioni

Lo scambio dei ruoli è in modo circolare, cioè chi ha parato nella porta va a far eseguire la presa al compagno, chi ha fatto il “mister” si prepara alla scaletta, mentre chi ha concluso va a difendere a porta.

La parte conclusiva della seduta, cioè la difesa della porta sul tiro del compagno può essere utile per osservare il comportamento dei bambini nei confronti della “situazione reale”; offre, a mio avviso, spunti di riflessione per capire quando è il momento di affrontare il discorso “parata in tuffo” nella seduta.

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi articoli di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook di Ideacalcio

Credit Immagine: http://www.allfootball.it/uploads/fotoarticoliblog/labc-della-parata-in-tuffo/resizefull/8442calcio_bambino_portiere_parata.jpg