Portieri – Attività di Base: Allenamento numero 7 Nell’articolo di oggi vedremo il settimo articolo dedicato al “Mondo dei Portieri dell’attività di base”. Come ho… Continua »

Portieri – Attività di Base: Allenamento numero 7

Nell’articolo di oggi vedremo il settimo articolo dedicato al “Mondo dei Portieri dell’attività di base”.
Come ho scritto negli articoli precedenti, la rubrica è curata dall’amico Andrea Brunello, attuale allenatore dei portieri della Spal.

In questa esercitazione andremo a riprendere il tuffo rasoterra, la rialzata da terra con il piede corretto e la tecnica podalica (che non deve mai mancare).
Presupponendo un numero di portieri pari a 3 o 4, le stazioni di esercizio sono due: nella prima il portiere esegue il tuffo rasoterra, nella seconda andrà a concludere in porta verso il compagno che si è posizionato in porta.

Oggi andremo a lavorare con due porte e con due portieri che eseguono l’esercizio contemporaneamente.

Svolgimento

Portieri numero 7

1. I portieri (A) entrano nei cerchi ricercando la posizione di attesa corretta; all’interno di un cerchio vi è il pallone da utilizzare per eseguire il tuffo.
Se partiamo da dx ad esempio la successione è questa: i portieri faranno uscire la palla dal cerchio accompagnandola con la mano dx, appena la palla esce dal cerchio i bambini cercheranno di prenderla in tuffo rasoterra facendo passo-spinta con il piede omologo. Appena presa la palla, andranno ad eseguire un rilancio con le mani rasoterra in direzione
del quadrato posto di fronte alla porta adiacente alla loro;

2. Appena eseguito il rilancio, i due portieri andranno ad eseguire il percorso coordinativo che consiste in rotolamento lavoro di skip monopodalico nella scaletta condivisa fra i due; appena i portieri cominciano il percorso i portieri (B) si posizionano in porta in attesa del tiro;

3. I portieri (A) terminato il percorso aggireranno il cono e andranno a concludere in porta chi con il piede forte chi con il piede debole.

Chi riceve la conclusione in porta andrà a cominciare la serie successiva, chi ha tirato aspetterà il suo turno per la seconda parte dell’esercitazione.

Le varianti sono molteplici per quanto riguarda la parte coordinativa, mentre per il tuffo rasoterra si continuerà ad eseguirlo in questo modo finchè il controllo del pallone e soprattutto del proprio corpo non hanno raggiunto un livello adeguato.

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi articoli di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook di Ideacalcio

Credit Immagine: http://www.varesenews.it/photogallery_new/images/2015/06/portiere-bambino-457710.610×431.jpg