Esercizio per sperimentare l'1v1 a raffica in un quadrato.. Finte-Dribbling e Cambi di direzione sono alla base dell'esito positivo

Apprendimento Tecnico-Tattico: 1v1 a Raffica nel Quadrato – Dribbling e Cambi di Direzione

Premessa

L’esercizio base che vedremo prende spunto da una proposta del settore giovanile del Chelsea. Io ho poi aggiunto 2-3 varianti per renderla a mio avviso più completa e per poterla inserire all’interno di una progressione didattica. Io l’ho provata coi Giovanissimi Sperimentali (2000) ed è venuta benissimo. Grande intensità, ritmo e qualità nelle giocate. Utilissima poi per allenare soprattutto la transizione negativa

Svolgimento

Predisponiamo un quadrato di dimensioni variabili. Si può lavorare a partire da un 10×10 fino ad arrivare ad un 20×20. Io ho lavorato su un 15×15 circa. Su 2 dei 4 lati (su 2 lati adiacenti) posizioniamo una porticina (1,5m -2m) e sugli altri 2 lati disponiamo le 2 squadre con un pallone ciascuno. Un giocatore inizia il gioco all’interno del quadrato

Situaz. 1v1 a raffica nel quadrato

Il giocatore blu, scelto ad iniziare il gioco all’interno, sarà quindi il primo difensore e verrà attaccato dal primo attaccante giallo. L’attaccante che entra dovrà segnare in una delle 2 porticine (1punto) eludendo, attraverso finte e cambi di direzione, l’intervento del difensore.

Se il difensore recupera palla dovrà trasmettere palla al primo giocatore della propria squadra in attesa sull’esterno.
Non appena l’azione termina, gol, palla che esce o difensore che riesce a servire il proprio compagno, partirà un nuovo attacco. Chi ha attaccato ora difende. Giallo diventa quindi difensore e dovrà difendersi dall’entrata di un nuovo componente della squadra blu (il precedente difensore blu esce dal campo)

NOTE:

-Se il difensore riesce a servire il proprio compagno in attesa, quest’ultimo entra col primo controllo, giocando quindi col pallone passatogli dal compagno

-Ad eccezione della prima azione, in cui troviamo il difensore già pronto al centro del quadrato, le successive azioni punteranno a migliorare la transizione negativa e sarà magari facile osservare diversi giocatori che dopo il gol si dimenticano di difendere

La prima variante che ho inserito è la seguente:

Aumentiamo le dimensioni del quadrato fino ad arrivare ad un 20×20 e collochiamo 2 porte difese dai portieri al posto delle 2 porticine. L’attaccante dovrà quindi segnare in una delle 2 porte mentre il difensore se recupera palla dovrà servire il proprio compagno in attesa. Sulla respinta dei portieri si continua a giocare finchè la palla resta in campo. Sulla parata dei portieri questi dovranno servire l’attaccante in attesa sull’esterno

Situaz. 1v1 a raffica nel quadrato(2)

Punti Chiave:

-Oltre agli aspetti che abbiamo visto in precedenza (1v1, dribbling e cambi di direzione, transizione positiva e negativa, dinamicità, ecc…), questa variante ci darà modo di allenare la conclusione a rete attraverso un’esercitazione dinamica e che mira alla ricerca di un elevato numero di tiri in porta

La seconda variante

-Anzichè lavorare sull’1v1, inseriremo i concetti di superiorità ed inferiorità numerica (2v1). Partiranno quindi 2 attaccanti anzichè 1, con lo scopo di segnare nelle porte difese dai portieri (o nelle porticine). Chi conclude o chi perde palla (l’ultimo attaccante a toccare quindi la sfera) sarà chiamato a difendere nell’azione successiva. Abbandoneranno quindi il campo l’ex difensore e l’attaccante che non ha toccato per ultimo la palla. In questo modo lavoreremo ancora una volta sulla transizione negativa. Questa variante la consiglio solo con un elevato numero di giocatori (almeno 20)

Situaz. 1v1 a raffica nel quadrato(3)

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi contenuti di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook Ideacalcio che trovi a questo link

photo credit: Paul-W via photopin cc