Partita a Tema su “Campo Tubolare”: Velocità Decisionale e Distanze di Relazione

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Partita a Tema su “Campo Tubolare”: Velocità Decisionale e Distanze di Relazione

Nell’articolo di oggi presento un’esercitazione che ho utilizzato con un gruppo di Giovanissimi Professionisti e che può essere rivolta a tutte le categorie dell’attività agonistica. Va detto fin da subito che l’esercizio è la fusione di due Partita a Tema che avevo pubblicato poco tempo fa.

Si tratta di una Partita a Tema che prende spunto da diverse regole di altre partite a tema che avevo già utilizzato, nonché da un’idea di Thomas Tuchel durante la sua esperienza al Borussia Dortmund.

Proprio da quest’ultimo ho preso spunto per la struttura del campo. L’idea è quella di predisporre un terreno di gioco di forma “tubolare“, molto stretto e molto lungo. L’indicazione, per la larghezza del campo, è quella di non spingersi oltre i 20 metri. Per la lunghezza dipende dal numero di giocatori coinvolti ma io ho lavorato sui 60metri, dividendo orizzontalmente il campo in quattro zone.

Le quattro zone rappresentano le rispettive zone di difesa, attacco e le due 3/4 campo, difensiva e offensiva. Come si vede dalla figura, ho collocato tre linee di sagome (se non disponete delle sagome bastano due paletti posizionati a X).

Giocatori necessari: minimo 16, massimo 22.

Formiamo due squadre, per un 6c6 o 7c7 e posizioniamo due porte difese dai portieri. Prima di tutto però, scegliamo 4 Jolly. In caso di disparità, meglio posizionarne 5 piuttosto che 3.

I Jolly avranno un ruolo chiave nella proposta.

Tutti i giocatori si possono muovere liberamente. Tocchi liberi per tutti.

I giocatori della stessa squadra non possono passarsi la palla tra loro (sì al portiere). Saranno quindi fondamentali i Jolly per progredire sul terreno di gioco. Se non ho un Jolly a disposizione, mi resta comunque l’1c1. I Jolly dovranno quindi muoversi sul terreno di gioco valutando non solo la posizione della palla e dei restanti Jolly, ma valutando “dove potrebbe muoversi la palla”. Il rischio è infatti quello di muovere palla in zone scollegate dai Jolly e di isolare quindi il futuro ricevente.

La superiorità numerica della squadra in possesso (coadiuvata dai Jolly) obbligherà gli attaccanti avversari a ripiegare in aiuto dei compagni

La forma del campo di gioco e le numerose sagome che ostruiranno diverse linee di passaggio, ridurranno drasticamente il tempo di giocata, così come la regola che prevede che non si possa passare palla ai compagni dello stesso colore. La partita a tema vuole quindi stimolare la velocità decisionale dei giocatori, obbligandoli a pensare ancor prima di ricevere palla.

Come ho già detto, i Jolly avranno un ruolo chiave nella proposta. L’obiettivo è di stimolarli a “prevedere l’evoluzione del gioco e a comprenderlo“.

Credit Immagine: http://s.weltsport.net/picmon/47/2945_90Y14_l.jpg

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply