Partita a Tema: Tiro in Porta e Massima Intensita’

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Partita a tema: Tiro in porta e massima intensità

Premessa

L’esercizio è un “classico”. Quello che però fa la differenza sono i particolari e la gestione dell’esercitazione.

Svolgimento

Si prepara un campo come da figura, 20×30, con l’area di rigore prolungata in profondità e ridotta in ampiezza; si posiziona poi una seconda porta frontale alla prima

Partita a tema Tiro in porta e massima aggressività

Si formano 3 squadre di 3-4-5 elementi, non di più.

Due squadre giocano all’interno per la durata di 2′ e la terza si dispone come sponde, pronte a rimettere in gioco se la palla finisce nei loro paraggi.

All’interno si ricerca la massima aggressività ed intensità; viste le ridotte dimensioni del campo sarà FONDAMENTALE portare sempre pressione sul portatore perchè questo non possa tirare.

Chi vince al termine dei 2′ resta in campo, chi perde esce e sostituisce le sponde che entrano. “Chi vince regna”.

Per aumentare la competizione, al termine del gioco, per ogni partita persa si eseguono 15 piegamenti sulle braccia e per ogni pareggio 10. In caso di pareggio esce dal campo la squadra che è entrata per ultima o quella che è dentro da più tempo, a discrezione dell’allenatore.

NOTA: i piegamenti sono pensati per prime squadre, juniores e allievi. Per squadre di categoria inferiore può essere opportuno un altro tipo di penalità o sicuramente ridurne la quantità

OSSERVAZIONI:

L’esercitazione è semplicissima e al tempo stesso efficacissima se si vuole allenare il tiro in porta con un’esercitazione più dinamica di molte esercitazioni un po’ statiche.

In secondo luogo si allena il pressing e la costante pressione sul portatore, le ridotte dimensioni del campo lo impongono.

Infine è utilissima per allenare la resistenza specifica, 2′ ad alta intensità, con la componente “punitiva” da pagare in caso di sconfitta, sono un ottimo mezzo di allenamento.

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

1 commento

  1. Si una esercitazione molto interessante , io la utilizzo per la prima squadra , ha degli ottimi risultati , sopratutto per la competizione, oltre agli aspetti tattico -tecnici !

Leave A Reply