Partite a Tema: Costruzione e Uscita per Vie Centrali (due Proposte)

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Partite a Tema: Costruzione, Uscita per Vie Centrali

Nell’articolo di oggi presento due esercitazioni che ho utilizzato con un gruppo di Giovanissimi e che sono rivolte alle categorie dell’attività agonistica, prime squadre comprese.

Si tratta di due Partite a Tema che hanno l’obiettivo principale di allenare e stimolare il Principio della Costruzione, stimolando l’uscita dalla prima zona di costruzione per vie centrali. Perché?

Si potrebbe obiettare che la zona centrale è spesso intasata dalla densità difensiva avversaria (vero) ma è altrettanto vero che rappresenta la via più diretta verso la porta avversaria. Tuttavia il motivo principale è un altro. Tenendo palla al centro riesco a controllare il gioco e a collegarmi con le altre zone del campo. Situazione questa che non mi sarebbe possibile muovendo palla per vie esterne.

Ho quindi pensato a due Partite che, per la struttura del campo e per le regole al suo interno, stimolassero questo Principio.

Proposta Numero Uno

Giocatori coinvolti: 21 (adattabile alle proprie esigenze). Due Portieri, un Jolly e due squadre da 9 giocatori.

Lo spazio di gioco viene diviso come da figura con i 4 angoli del campo interdetti al gioco (non fanno parte del campo).  La struttura del campo di gioco vuole forzare le combinazioni e l’uscita per vie centrali.

Tutti i giocatori si possono muovere liberamente, con l’unica eccezione che i centrocampisti della stessa squadra (3c3+J) non potranno mai stare tutti nello stesso settore. Questa regola ci permette di allenare e far comprendere lo scaglionamento offensivo.

Uscire dalla prima zona di costruzione trovando un passaggio nella zona centrale del campo per poi poter muovere palla in attacco.

In attacco ricerca dell’azione individuale o del “dai e vai” con un compagno.

Varianti

  1. Un solo tocco al centro, 2 in difesa, liberi in attacco.
  2. variare ulteriormente il numero di tocchi in ogni zona.
  3. i centrocampisti della squadra avversaria non possono alzarsi a contrastare nella prima zona di costruzione avversaria

Proposta Numero Due

Giocatori coinvolti: 20 (adattabile alle proprie esigenze)

Anche in questo caso il campo viene delimitato come da figura, con i 4 angoli in cui non si può giocare. Come si può notare comparando le due immagini, nella prima il campo si allarga avvicinandosi verso il centrocampo, mentre nella seconda si stringe avvicinandosi al centro. Se dovessi darvi un consiglio, vi consiglierei di provarle entrambe e poi trarre le vostre conclusioni. Personalmente ho trovato più utile, al mio obiettivo, questa seconda variante.

Giocatori inizialmente zonati, collocando un 3c3 nella prima zona di costruzione. La zona centrale del campo, a differenza dell’esercitazione precedente, viene divisa in una zona centrale e due corridoi laterali.

Nella prima zona di Costruzione: situazione di Portiere+3 difensori+ 2 centrocampisti che possono scendere, contro 3 attaccanti e 1 centrocampista avversario che si può alzare. La possibilità per i centrocampisti di poter scendere a “turno”, dando a tutti questa soluzione e garantendo allo stesso tempo un riferimento nella zona centrale del campo, è a mio avviso la soluzione migliore per allenare l’uscita dalla prima zona di costruzione e lo scaglionamento offensivo.

Gestione del Possesso: garantire ampiezza su entrambi i corridoi laterali (anche in fase di costruzione). Muovere palla su tutte e 3 le zone centrali prima di poter portare un attacco alla porta avversaria.

Principi nella Zona Centrale del Campo:

  1. Formare un Rombo con palla laterale.
  2. Assicurare ampiezza in fase di possesso, portando un solo giocatore per corridoio.
  3. Calma e pazienza.

Fase preparatoria all’affondo: creare le condizioni per poter verticalizzare. Attaccare la zona difensiva avversaria inserendosi con almeno 2-3 giocatori. In attacco si gioca a 1 tocco. La difesa avversaria può ripiegare a difesa della porta solo dopo la verticalizzazione.

Principi in zona offensiva:

  1. riconoscere la palla aperta
  2. attaccare la zona cieca avversaria con tagli, triangolazioni e dopo giocate di scarico
  3. inserirsi con più di un giocatore
  4. combinare in zona di finalizzazione

Credit Immagine: http://sevilla.abc.es/deportes/alfinaldelapalmera/wp-content/uploads/2017/07/1203118962.jpg

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply