Situazioni di 2c1 – Quattro azioni in rapida successione - Nell’articolo di oggi presento un’esercitazione che ho portato sul campo con la mia squadra di… Continua »

Situazioni di 2c1 – Quattro azioni in rapida successione -

Nell’articolo di oggi presento un’esercitazione che ho portato sul campo con la mia squadra di Allievi ma che dagli Esordienti, fino alla prima squadra, si rivela un mezzo d’allenamento molto utile per osservare come gli attaccanti gestiscano la situazione di superiorità numerica.
Se coi più piccoli (Esordienti-Giovanissimi) può essere vista come un’esercitazione per far vedere loro alcuni sviluppi di gioco, coi più grandi l’esercitazione è a mio avviso una cartina torna sole per osservare alcuni limiti.

Certo, le condizioni del terreno di gioco su cui noi abbiamo provato la proposta non erano sicuramente delle migliori (per usare un eufemismo), ma sono emersi diverse carenze tecnico-tattiche.
In alcuni casi è venuta meno la comunicazione, in altri la capacità di sapersi muoversi in base al movimento del compagno, e in altri l’incapacità di concludere in porta con precisione e freddezza.

Propria quest’ultima, la finalizzazione, era in realtà la mia “preoccupazione” più grande e il vero obiettivo dell’esercizio.

2c1 su 4 azioni

I difensori, col pallone, a lato della porta mentre gli attaccanti sono posizionati poco fuori dall’area di rigore. Tre assistenti degli attaccanti sono in possesso della sfera e disposti come da figura.

I due attaccanti giocano 4 azioni in rapida successione, con l’obiettivo di segnare almeno 3 gol su 4 (penitenza in caso di insuccesso). La porta viene sezionata per incentivare una maggior precisione nella conclusione.

Fase 1: i due attaccanti ricevono palla dal difensore (tra le possibili varianti c’è quella di cambiare la posizione iniziale del difensore) che corre poi a contrastarli. Situazione di 2c1 con l’obbligo di interscambiarsi almeno una volta la posizione (i due attaccanti dovranno invertirsi almeno una volta la posizione, chi è inizialmente a destra dovrà trovarsi almeno una volta a sinistra e viceversa) prima di poter segnare sotto il nastro (posizionato a circa 40-50 cm da terra).

Fase 2: uno dei due attaccanti si fa incontro all’assistente (1) per un gioco a muro, mentre il compagno offre un movimento contrario. Nuovo passaggio ad uno dei 2 attaccanti e gol sotto il nastro.

Fase 3: uno dei due attaccanti  riceve palla dall’assistente (2) e gol sotto il nastro. Anche in questo caso i 2 attaccanti dovranno eseguire movimenti contrari, uno sul corto e l’altro sul lungo.

Fase 4: l’assistente (3) guida la palla in slalom tra 2-3 paletti prima di crossare per i due attaccanti che attaccano la porta su cross dal fondo. Attaccare zone differenti dell’area di rigore

FOCUS:
* ricerca finalizzazione
* movimenti contrari
* collaborazione (verbale e non verbale)

Credit Immagine: https://cdn3.jesuitnola.org/site/wp-content/gallery/soccer-2016-17-jhs-2-vs-rummel-1-non-district-match-on-the-raiders-field-saturday-november-19/Soccer-2016-17_JHS2-v-Rummel1_11192016_02.JPG