Allenare i Principi di Gioco con gli SSG nella Messa in Azione Nell’articolo di oggi presento quella che è stata la fase di attivazione con… Continua »

Allenare i Principi di Gioco con gli SSG nella Messa in Azione

Nell’articolo di oggi presento quella che è stata la fase di attivazione con la mia squadra di Allievi ma che può essere rivolta a tutto il settore giovanile e alle prime squadre (magari dopo qualche minuto di mobilità articolare per quest’ultime).
L’intento è quello di allenare alcuni Principi di Gioco già nella messa in azione per poi ritrovarli nel corso delle proposte successive.
Inoltre, il mezzo delle mini-partite, è un buon strumento per uscire dalla “monotonia” delle classiche esercitazioni tecniche sulle figure geometriche.

Un appunto va fatto sulla necessità di avere almeno un collaboratore sul campo per gestire entrambi i campi di gioco.
Certo, si potrebbe lasciare autonomia ai ragazzi e creare un contesto dove la scoperta guidata e la libera esplorazione la facciano da padrone, ma ritengo che coi più grandi siano necessari alcuni feedback dell’allenatore per mantenere alta l’attenzione e la ricerca degli obiettivi.

Formiamo dunque due campi di gioco di dimensioni variabili, a seconda della qualità dei ragazzi a disposizione.
Ricordiamoci che, in questo caso, siamo nella fase di attivazione e quindi risulterebbe “rischioso” richiedere ai giocatori di compiere grandi distanze.

Io sapevo di avere a disposizione 14-15 giocatori e ho quindi ideato la proposta in questo modo:

SSG PdG

Campo di Destra (3c3+J):

Due squadre da tre giocatori più un Jolly. Si gioca coi piedi con l’obiettivo di segnare nella porticina avversaria in due modi:
1) calciando dall’esterno dell’area delimitata (1pt) o
2) servendo un compagno che si inserisce in area e conclude (2pt)
La squadra avversaria non può entrare a contrastare in area (viene delimitata una mezzaluna davanti alla porticina).

Regola della metà campo sia per chi attacca che per chi difende. Ovvero, il gol vale solo se tutta la squadra si trova nella metà campo offensiva e il gol vale doppio se chi lo subisce non è ripiegato interamente nella metà campo difensiva.

In caso di punto il gioco riprende da una pallina. Gioco con le mani con l’obiettivo di andare al gol da fuori area o servendo un compagno che s’inerisce e conclude (come per il gioco coi piedi). Si contrasta con il placcando-strattonando l’avversario con la pallina.
Quando la pallina esce dal campo, il gioco riprende dal gioco coi piedi (pallone).

Principi di Gioco

* Concetto di squadra corta sia in fase di possesso che di non possesso (ripiegamento difensivo)
* Inserimento alle spalle della squadra avversaria
* Allenare le transizioni (il passaggio del gioco col pallone a pallina)

Campo di Sinistra (3c3+P+J eventuale):

Compiti differenti per le due squadre. Due squadre da tre giocatori più un eventuale Jolly più un portiere a difesa di due porte di 4 metri. I neri devono segnare in una delle due porte difese dal portiere, giocando con un massimo di 3 tocchi.

I bianchi devono portare palla a meta in conduzione.
Il (J) gioca sempre con chi la palla e non può ottenere punti.
Regola della metà campo (come per il gioco precedente).

Principi di Gioco

* Concetto di squadra corta sia in fase di possesso che di non possesso
* Conquistare spazio in conduzione se ho campo davanti a me
* Attaccare la porta libera (ricerca della porzione di campo sguarnita)

Credit Immagine: http://nervioneo.com/wp-content/gallery/entrenamiento-22072015/22072015-IMGP2294.jpg