Small Sided Games: Sponde in Ampiezza Premessa L’esercitazione è un “classico”. In questi anni l’ho sempre proposta e molte volte l’ho vista proposta da altri… Continua »

Small Sided Games: Sponde in Ampiezza

Premessa

L’esercitazione è un “classico”. In questi anni l’ho sempre proposta e molte volte l’ho vista proposta da altri mister o su qualche rivista. Quindi niente di nuovo. E’ comunque un ottimo mezzo di allenamento per sviluppare delle combinazioni in spazio ridotto, per cercare una circolazione veloce della palla, per allenare il tiro in porta nel caso la svolgessimo coi portiere ed infine per l’aspetto organico

Svolgimento

Small Sided Games Sponde in Ampiezza

Formiamo 3 squadre in modo omogeneo per ruoli. Cerchiamo quindi di farle equilibrate nei ruoli (non tutti i difensori in una squadra).
Fatte le 3 squadre da 4, 5 o 6 elementi, disponiamone 2 nel mezzo e la terza all’esterno come sponde in ampiezza

In figura ho predisposto 3 squadre da 4 giocatori. 2 squadre all’interno per il 4v4 e l’altra all’esterno con 2 sponde per parte.
Nel caso avessimo squadre da 5 giocatori, posizioneremo 4 sponde all’esterno e una all’interno. Nel caso di 6 giocatori invece posizioneremo 3 sponde per lato

Diamo poi una disposizione alle squadre, non posizionati sul campo in modo casuale.
Se giochiamo 4v4 ci posizioneremo magari a rombo, se giochiamo a 5 col 1-3-1, se giochiamo a 6 col 2-3-1 (sono degli esempi; diamo comunque una disposizione alle squadre).

Io l’esercitazione l’ho proposta senza i portieri ma può essere fatta anche con essi e a mio avviso diventa ancor più intensa visto che le ridotte dimensioni del campo porteranno a molte possibili conclusioni a rete e di conseguenza dovrà esserci sempre pressione sul portatore.

Dentro quindi disputiamo una partita a 2 squadre, con le sponde che giocano sempre con la squadra in possesso e obbligatoriamente a 1 tocco. Le sponde non possono segnare.
Per le rotazioni possiamo avere diverse varianti:

-ogni 2’30” cambio squadra sponda e andiamo sempre a rotazione. Prima stan fuori i blu, poi i gialli e poi i rossi
-ogni 2′ cambiamo la squadra sponda e chi vince resta in campo. In caso di parità resta in campo la squadra che è dentro da più tempo. Utilizzo questo accorgimento pensando al fatto che la squadra che è appena entrata è più fresca e quindi dovrebbe dare “qualcosa in più”

-ogni 2′ cambio squadra sponda ma col golden gol. In pratica se al termine dei 2′ siamo ancora 0-0 resta in campo la squadra che è dentro da più tempo, in caso di gol invece esce immediatamente la squadra che l’ha subito. Chiaramente questa variante, se eseguita coi portieri, comporta grande attenzione e un’altissima intensità. Questa variante è pure stimolante per gli aspetti psicologici –> prendo gol – esco dal campo

NOTE:

Il passaggio da sponda a sponda opposte può essere o meno consentito. Da escludere invece il passaggio tra sponde dello stesso lato
Tenere numerosi palloni sulle 2 linee di fondo campo. Quando i palloni cominciano a scarseggiare mandare una sponda a recuperarli e si gioca momentaneamente con una sponda in meno

Nel caso si svolga l’esercitazione coi portieri, sollecitare questi affinchè rimettano velocemente in gioco palla quando questa esce sul fondo o in caso di gol
Volendo possiamo assegnare anche 1punto per ogni 1-2 che viene eseguito con un compagno o con una sponda. Nel caso utilizzassimo la variante del golden gol e si finisca in pareggio, rimane in campo la squadra che ha eseguito più 1-2

-Per rimanere ogni giorno aggiornati sui nuovi contributi di Ideacalcio seguimi alla pagina Facebook Ideacalcio

Credit Immagine: http://www.forza-roma.com/wp-content/uploads/2012/07/astori-500×350.jpg