SSG: “Scaglionamento Offensivo, Gioca e Sostieni”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

SSG: “Scaglionamento Offensivo, Gioca e Sostieni”

Nell’articolo di oggi vediamo uno Small Sided Games che ho utilizzato nella seduta di Venerdì 29 Settembre col mio gruppo di Giovanissimi Professionisti e che può essere rivolto a tutte le categorie dell’attività agonistica.

Si tratta appunto di uno Small Sided Games che voleva allenare e osservare eventuali miglioramenti su un Principio di Tattica Collettiva che stavamo cercando di implementare nel corso delle ultime sedute, lo Scaglionamento Offensivo. Questo è inteso come la disposizione sul terreno di gioco secondo diverse profondità e ampiezze, con lo scopo di creare triangoli e rombi, utili ad aumentare le soluzioni di gioco per il possessore.

Attraverso le regole di questa esercitazione e con l’ausilio di altre proposte, siamo via via riusciti a far assimilare tale Principio.

Il secondo obiettivo è invece quello di “giocare e sostenere l’azione del compagno“. Troppo spesso infatti, capita di osservare giocatori che in seguito al loro passaggio rimangono fermi sul posto, come se il loro compito si fosse già concluso. Soprattutto quando si gioca in avanti e a maggior ragione quando lo si fa in favore di un compagno spalle alla porta, risulta importantissimo offrirsi a sostegno per dar continuità al gioco.

Svolgimento

Il campo di gioco viene diviso orizzontalmente in 4 zone, delimitando una rispettiva zona di difesa, 3/4 difensiva, 3/4 offensiva, attacco. Indicativamente, potremmo lavorare sui 15m di profondità per le due zone esterne e 10m per le due zone centrali.

Formiamo due squadre da 4 giocatori e scegliamo un Jolly (9 giocatori per campo). Noi abbiamo lavorato con questi numeri dividendoci su due campi ma è possibile lavorare con numeri maggiori.

Ogni squadra attacca e difende due porticine.

Viene posizionata una sponda del proprio colore sul lato corto a sostegno e una dell’altra squadra in profondità (a sostegno per la squadra avversaria). Le sponde tuttavia giocano sempre con la squadra in possesso (si può quindi giocare con la sponda del colore opposto).

Interscambio con la sponda del proprio colore ogni qualvolta gli si passa palla. No interscambio quando si serve quella del colore opposto. Quando si passa alla propria sponda a sostegno, questa entra in conduzione alla massima velocità, puntando un giocatore avversario e liberando un proprio compagno dalla marcatura (Principio di “condurre per provocare“).

Per poter segnare bisognerà:

  1. trovare un passaggio su ognuna delle due zone centrali (scaglionamento nel mezzo)
  2. trovare un passaggio sulla sponda in profondità (questa gioca rigorosamente a 1 tocco)

I giocatori giocano a 2 tocchi con obbligo di chiamata solo-uomo nelle due zone centrali. “Se sono solo oriento e gioco in verticale, se sono marcato gioco di prima a chi vedo“.

Soprattutto quando si gioca per un compagno posizionato nelle due zone centrali, ma anche quando gioco in profondità sulla sponda, sostenere l’azione del compagno (“correre in avanti o portarsi a sostegno del compagno“).

Credit Immagine: http://d3ustg7s7bf7i9.cloudfront.net/mmediafiles/pl/8b/8bf18311-4257-4349-85c9-fa1379d91017_749_499.jpg

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

2 commenti

Leave A Reply