“Ampiezza Relativa”: Il Regolatore e il Cacciatore di Spazi, di Alessandro Vittorio Formisano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“Ampiezza Relativa”: Il Regolatore e il Cacciatore di Spazi

La gestione della Transizione Offensiva Bassa passa attraverso la lettura del centrocampista del City Ilkay Gundogan, che legge nella circostanza la possibilità e la necessità di consolidare il possesso, rallentare il ritmo e non forzare la giocata interna.

Il City deve fare in modo che il Crystal Palace si abbassi sotto linea palla con una sistemazione ordinata e compatta, in modo tale da guadagnare il campo necessario e, di conseguenza, iniziare un giro palla ragionato che tenga conto del rallentamento temporale e che inneschi lo scivolamento e l’uscita di almeno un componente delle due linee di non-pressione avversarie.

Si perché nella gestione di questa transizione , ammesso che esista, il tempo sembra rallentare.

Al di là della riuscita dello sviluppo offensivo, in questi pochi secondi abbiamo la chiara dimostrazione che tutto è regolato dal più grande attrattore sul rettangolo verde, la palla.

Gli spazi ed il tempo si trasformano e le scelte in funzione della circostanza non possono non tenere conto della sua gestione. Gundogan, che in questo sviluppo non è semplicemente un play, ha la Funzione di Attrattore e Regolatore.

Risveglia con un gesto ed una parola la coscienza collettiva, mettendo in pratica uno dei principi più importanti di questa magnifica squadra: il consolidamento in Transizione Offensiva Bassa che permette la riorganizzazione in funzione di una nuova costruzione.

Passatela in Half Space, in corsia, sulla trequarti, dove vi pare.

In questo secondo video vediamo Zinchenko, che ci ricorda che il gioco è circostanziale.

 

 

https://www.skysports.com/

 

Share.

About Author

Alessandro Vittorio Formisano

Alessandro Vittorio Formisano. 28 anni e sentirli. Allenatore UEFA B - Under 16 Benevento Calcio. Da sempre alla ricerca del senso nascosto di ogni cosa. La cura del dettaglio e la curiosità mi hanno spinto a mettermi in gioco al servizio dei giovani. Odio i compromessi e gli obblighi. Sono convinto che il gioco sia libero per natura.

Leave A Reply