“Ampiezza Relativa”: L’Attrattore Disorienta, di Alessandro Vittorio Formisano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“Ampiezza Relativa”: L’Attrattore Disorienta

Per molto tempo abbiamo immaginato un futuro in cui ogni minima concezione sarebbe stata stravolta in funzione del dominio dello spazio-tempo e di conseguenza del gioco.

In questo nostro futuro, fatto di idee e sviluppi in relazione alla circostanza, sembra che il controllo disorientato non sia più un’esclusiva dei soli portieri.

In fase di costruzione nel mondo parallelo chiamato Manchester City, i giocatori in funzione di Attrattore scelgono volutamente di disorientare il controllo e di conseguenza il pressing avversario. Congelando il tempo e non definendo gli spazi in cui poter essere indirizzati, con un gesto controcorrente, controcultura, contro la logica delle milioni di esercitazioni analitiche sul controllo orientato; impongono il loro dominio.

È tutta una questione di tecnica e controllo. Tecnica (saper fare) che non deve essere confusa con le coreografie tra infiniti delimitatori e noia, ma questa è un’altra storia…

Laporte, Kompany, Walker, sono gli attrattori che innescano lo United in un vortice di incertezza, uscite abbozzate e scivolamenti fuori tempo. Disorientare per attirare nel vuoto, dominare per controllare il gioco.

Ah scusate quasi dimenticavo, ma Zinchenko dove va?

 

Credit Immagine: https://besthqwallpapers.com/

Share.

About Author

Alessandro Vittorio Formisano

Alessandro Vittorio Formisano. 28 anni e sentirli. Allenatore UEFA B - Under 16 Benevento Calcio. Da sempre alla ricerca del senso nascosto di ogni cosa. La cura del dettaglio e la curiosità mi hanno spinto a mettermi in gioco al servizio dei giovani. Odio i compromessi e gli obblighi. Sono convinto che il gioco sia libero per natura. https://www.potentialfit.it/sport/

Leave A Reply