“Ampiezza Relativa”: Mismatch Elettivo, di Alessandro Vittorio Formisano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“Ampiezza Relativa”: Mismatch Elettivo

Mismatch è un termine tecnico del basket che indica il momento in cui un attaccante in situazione di 1 contro 1 si trova fronteggiato da un avversario in condizioni di inferiorità fisica o atletica (aggiungerei tecnica-sapere fare, tattica- saper decidere).

Questi mismatch durante una gara possono crearsi spontaneamente o possono nascere da errori difensivi, ma più spesso vengono ricercati dalla squadra che attacca, dato che possono portare a canestri facili.

Nel calcio possiamo definire un mismatch come una Superiorità Qualitativa, spesso ricercata in fase di possesso attraverso la gestione del palleggio e dei tempi, fondamentale per rompere l’ordine apparente creato dalla fase di non possesso avversaria e superare linee di pressione, utile a guadagnare campo.

Juanma Lillo dice: «esiste solo una cosa che ordina e disordina una squadra e questa è la palla», è con essa che creiamo ogni cosa.

All’interno di un sistema troviamo sempre almeno un calciatore capace di creare questa superiorità, una volta ricevuta palla in uno spazio libero, in luce e con la possibilità di puntare dritto verso altri spazi. Bisogna fare in modo che possa trovarsi nel posto giusto al momento giusto e contro gli avversari giusti.

Non è d’obbligo la situazione di 1 contro 1 perché si generi una superiorità qualitativa, può infatti manifestarsi anche in inferiorità numerica; tutto dipenderà dallo spazio occupato e dai gesti tecnici in velocità da eseguire.

È chiaro che il protagonista del nostro mismatch dovrà godere di una buona libertà di scelta e di interpretazione notevole; in quanto soltanto la libertà può portarti ad esplorare spazi nuovi di continuo.

La rigidità di alcuni sistemi tende ad annullare la possibilità di una superiorità che forse è addirittura più importante di quelle numerica e posizionale. Quante volte ci troviamo a commentare una giocata decisiva che ha determinato l’esito di una partita? Bene quella giocata spesso nasce durante un mismatch.

Provare e creare per credere!!

Share.

About Author

Alessandro Vittorio Formisano

Alessandro Vittorio Formisano. 28 anni e sentirli. Allenatore UEFA B - Under 16 Benevento Calcio. Da sempre alla ricerca del senso nascosto di ogni cosa. La cura del dettaglio e la curiosità mi hanno spinto a mettermi in gioco al servizio dei giovani. Odio i compromessi e gli obblighi. Sono convinto che il gioco sia libero per natura.

Leave A Reply