“Ampiezza Relativa”: Positional Way, di Alessandro Vittorio Formisano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“Ampiezza Relativa”: Positional Way

Per chi ama le sovrapposizioni esterne, per chi dice che se non sai crossare non puoi fare il “laterale”, per chi ama il giro palla della linea a quattro. Chi ha già letto qualcosa in questo strano posto, sa già dove andremo a finire. Per gli altri: tenetevi forti, potreste vacillare.

Guardiola fa giocare i “terzini” dentro al campo. E’ una frase che negli ultimi tempi viene ripetuta in loop , un monito per chi dal momento in cui l’ha sentita si è divertito con l’interscambio geniale “mezzala fuori, terzino dentro “, come in una coreografia di danza, tristemente vuota.

Puntiamo i riflettori su qualcosa di diverso: se analizziamo le funzioni di palleggio in fase di costruzione bassa, anche in relazione ad una posizione di difesa preventiva in caso di transizione difensiva, allora iniziamo a scorgere qualcosa di più vero, di più profondo.

Possiamo chiaramente definire la scelta mirata ad evitare contrattacchi in zona centrale. Oltre al fatto che la loro presenza interna garantisce nella maggior parte dei casi un 1 contro 1 in corsia che se affrontato con i calciatori giusti garantisce una superiorità qualitativa fondamentale tanto quanto quella numerica o posizionale. Ultimo ma non trascurabile aspetto è lo smarcamento in Half Space, calamita per le linee di pressione avversarie, territorio che una volta conquistato ti regala il centro, il cuore da attaccare.

Senza voler entrare nel dettaglio capite bene che dietro una singola mossa si nasconde un sottobosco di principi e sviluppi tutti da scoprire. Si sale e si scende , si volteggia e ci si tiene forte per non cadere, perché certe realtà mettono a dura prova le fondamenta sulle quali abbiamo purtroppo costruito molte delle nostre certezze.

Abbiamo imparato ad emulare, scimmiottare, danneggiare tutto ciò che non siamo stati capaci di scoprire e capire. Non abbiamo ancora imparato a scavare, restiamo in superficie, ricoperti di polvere. Restiamo fuori su quella corsia mentre tutto il mondo si diverte a giocare dentro.

Su quella corsia restiamo ai margini della verità ed ecco che un “terzino” dentro ci suona come un bug nel sistema.

Guardiamo oltre. Attacco per difendere. Difendo per attaccare.

 

Credit Immagine: https://www.ultimouomo.com/

Share.

About Author

Alessandro Vittorio Formisano

Alessandro Vittorio Formisano. 28 anni e sentirli. Allenatore UEFA B - Under 16 Benevento Calcio. Da sempre alla ricerca del senso nascosto di ogni cosa. La cura del dettaglio e la curiosità mi hanno spinto a mettermi in gioco al servizio dei giovani. Odio i compromessi e gli obblighi. Sono convinto che il gioco sia libero per natura.

Leave A Reply