“Apprendere dal Gioco”: – Ripiegamento Difensivo, di Emanuele Tedoldi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“Apprendere dal Gioco”: – Ripiegamento Difensivo

Durante il processo di formazione, un giocatore deve prendere coscienza che il proprio lavoro in fase difensiva non termina nel momento in cui si viene superati dalla palla, ma che è necessario riposizionarsi velocemente sotto la linea della palla per poter essere di nuovo utili alla propria squadra.

Il giocatore deve rientrare in copertura al compagno uscito in pressione sul nuovo portatore di palla e non andare a pressare l’avversario in possesso da dietro: la pressione deve essere sempre esercitata in avanti, perché non solo si aumentano le possibilità di riconquista, ma, frapponendosi tra porta e palla, si chiudono spazi di progressione agli avversari. Riassumendo, prima si ripiega sotto la linea della palla, poi eventualmente si esce in pressione.

Il ripiegamento difensivo risulta ancor di più vitale importanza se il proprio avversario diretto esegue un inserimento in avanti: non ripiegare significherebbe infatti lasciare potenzialmente un proprio compagno in una situazione di inferiorità numerica.

Nel video notiamo come Hateboer, dopo essere stato scavalcato dalla palla, ripieghi velocemente sotto di essa per annullare la sovrapposizione interna del suo avversario diretto.

Proposta di Esercitazione

Il possessore di palla esegue un tocco in avanti per dare il via all’azione e gioca al compagno, eliminando il primo difensore (passivo). Si va quindi a sviluppare un 2 contro 2 nel secondo quadrato, con il secondo difensore che esce in pressione sul possessore e il primo che ripiega per contrastare l’inserimento del suo diretto avversario.

Obiettivo degli attaccanti è segnare nella porticina, mentre se i difensori riconquistano palla devono guidarla oltre la linea di metà campo.

Il secondo difensore esce in pressione al momento del primo passaggio.

Credit Immagine:  https://www.ecodibergamo.it/stories/Sport/atalanta-a-udine-con-lapollon-nel-mirinocornelius-ko-papu-e-hateboer-in-forse_1259443_11/

Share.

About Author

Emanuele Tedoldi

Emanuele Tedoldi, nato a Lecco nel 1995. Ha allenato le categorie Esordienti, Giovanissimi Regionali e Allievi Regionali in vari settori giovanili lombardi, quali SS Luciano Manara, US Folgore Caratese, USD Casateserogoredo. Attualmente è l’allenatore dell’Under 16 Regionali della Pro Sesto di Sesto San Giovanni (MI).

Leave A Reply