Browsing: Area Match Analysis

Articoli Full Pack
By 0

“Dalla Match Analysis al Campo”: le Transizioni difensive, di Federico Montagnolo

Quando oggi parliamo di una squadra organizzata non possiamo scindere la fase di possesso da quella di non possesso. Nel calcio moderno, in cui aggressività e intensità sono sempre maggiori, spesso ciò che fa la differenza in una partita sono le transizioni: offensive e difensive.

Se fino a qualche anno fa si dava importanza solamente al “contropiede” e alla conquista della “seconda palla”, oggi la maggior parte degli addetti ai lavori parla continuamente di transizione o di reazione. Si ha sempre più nitida l’impressione che nel calcio moderno le squadre più efficaci siano quelle che reagiscono meglio all’immediata perdita o riconquista del possesso della palla.

Nello scorso articolo abbiamo analizzato le transizioni offensive mentre oggi ci concentreremo su quelle difensive.  

Quando una squadra perde il possesso deve decidere se riaggredire subito in avanti oppure scappare a difesa della propria porta e quindi della profondità. Sono queste le due macro-suddivisioni che tratteremo nel corso di articolo.
[..]
Aldilà delle scelte tattiche dei vari allenatori, in base alla partita e all’avversario, è importante ricordare che per essere organizzati in fase di transizione difensiva si debba partire dalle *marcature e dalle coperture preventive.

*I giocatori più arretrati e più lontani dalla palla (spesso quindi i difensori) devono essere attenti e vicini al diretto avversario per impedire facili giocate in seguito ad un’eventuale perdita del possesso e, allo stesso tempo, devono coprire lo spazio alle proprie spalle per impedire un facile contropiede con una semplice palla lunga.

Articoli Full Pack
By 0

“Build Up”: La Costruzione della Juventus di Andrea Pirlo, di Samuele Arzenton

Per la stagione 2020/21 la Juventus ha deciso di affidare la conduzione tecnica della prima squadra ad Andrea Pirlo. Tutti noi ben ricordiamo il passato calcistico del “maestro” ma, in veste di allenatore, Pirlo si trova ufficialmente alla sua prima esperienza in panchina. Nonostante sia solo all’inizio di un lungo e ambizioso progetto, il neo allenatore bianco-nero sta cercando fin da subito di “dare un volto più moderno” ad una squadra che, se è vero che in Italia vince incontrastata da ormai nove anni consecutivi, è stata spesso additata dagli addetti ai lavori di non giocare bene.  L’inizio di stagione non è stato però spumeggiante come ci si poteva aspettare e in campo non si sono ancora viste tutte le potenzialità di cui i campioni d’Italia certamente dispongono. In queste prime giornate stiamo dunque vedendo una Juventus che, con le giuste tempistiche e con dedizione al lavoro, potrà concretizzarsi in un modello di squadra che riesca ad esaltare pienamente tutto il potenziale di una rosa ricca di talento.

Entrando più nello specifico nella nostra rubrica, il modello di gioco della Juventus prevede una manovra dal basso ben studiata e mai banale: un’idea di calcio posizionale ben organizzata, all’interno della quale possiamo riconoscere rotazioni e cambi di posizione per disorganizzare l’avversario e per non concedere punti di riferimenti (soprattutto tra i reparti di difesa e centrocampo sono di quotidiano interesse e sviluppo).

Partiamo ora dall’analisi della costruzione a palla libera e il rispettivo posizionamento dei giocatori nelle varie soluzioni adottate dalla Juventus a seconda del pressing avversario.

Articoli Full Pack
By 0

“Dalla Match Analysis al Campo”: le Transizioni offensive, di Federico Montagnolo

Cosa sono le transizioni offensive?

La transizione offensiva è quel momento in cui una squadra, che era impegnata in fase di difesa organizzata o di transizione difensiva, conquista palla dovendo rapidamente decidere quali comportamenti adottare: se ripartire immediatamente in contropiede giocando in avanti, oppure consolidare il possesso utilizzando per lo più passaggi semplici (anche indietro).

Perché sono importanti le transizioni?

Per essere davvero organizzata una squadra deve reagire immediatamente ai cambi di possesso. Ovvero, deve prepararsi a difendere mentre attacca e ad attaccare mentre difende.

Articoli Full Pack
By 0

“Build Up”: La Costruzione del Milan di Stefano Pioli, di Samuele Arzenton

Come ci suggerisce il titolo della rubrica – “Build Up” – andremo ad analizzare nel dettaglio la prima costruzione delle squadre più interessanti del panorama europeo. Attraverso la Match Analysis osserveremo il relativo posizionamento dei giocatori e i possibili sviluppi adottati a seconda dell’altezza del pressing avversario.
Come secondo obiettivo daremo spazio anche ad alcuni comportamenti e principi di gioco riconosciuti con maggior frequenza nella squadra in esame.

Questo Milan post lockdown ha stupito e continua a stupire un po’ tutti. Sulla cresta di un’onda positiva che lo vede protagonista da 7 mesi di imbattibilità, frutto di 24 risultati utili consecutivi, collezionati tra Serie A e Europa League, gli sono valsi il primato momentaneo in entrambe le competizioni. Il lavoro del tecnico Stefano Pioli, inizialmente messo in discussione (nella prima parte della sua esperienza) salvo poi essere riconfermato per la stagione in essere (2020/2021), ha portato il Milan, dopo anni di molte ombre, a lottare per i primi posti della classifica.

Un fattore di un’importanza rilevante, che ha fornito un grande aiuto alla crescita della squadra, è senz’altro l’arrivo di un campionissimo come Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese, non solo ha assicurato maggiori soluzioni offensive, ma ha garantito una crescita mentale ai tanti giovani della rosa, offrendosi come punto di riferimento per i compagni e portando all’interno del gruppo maggior autostima; in altre parole, una mentalità vincente.

Articoli Full Pack
By 0

“Build Up”: La Costruzione del Sassuolo di Roberto De Zerbi, di Samuele Arzenton

“Giocare nella zona in cui l’avversario indirizza il suo pressing significa fare il loro gioco, giocare nella zona in cui ha inizio il pressing avversario significa comandare il gioco.”

R. De Zerbi

Un principio di gioco su cui lavora per uscire dalla zona di costruzione, in particolare quando l’avversario attua un pressing ultra-offensivo, è proprio quello appena citato.

Articoli Full Pack
By 0

“Dalla Match Analysis al Campo”: Doppia ampiezza, di Federico Montagnolo

Occupare l’ampiezza del campo ha un duplice obiettivo: allargare le squadre avversarie “fissando” i terzini/quinti per giocare dentro il campo, oppure, contro le squadre che rimangono strette permette di ricevere liberi in ampiezza e puntare il diretto avversario.

In questo articolo analizzeremo quelle situazioni in cui le squadre concedono il gioco in ampiezza e quindi fanno densità centrale.

Build Up
By 0

“Build Up”: La Costruzione del Bayern Monaco di Hans-Dieter Flick, di Samuele Arzenton

Come ci suggerisce il titolo della rubrica – “Build Up” – andremo ad analizzare nel dettaglio la prima costruzione delle squadre più interessanti del panorama europeo. Attraverso la Match Analysis osserveremo il relativo posizionamento dei giocatori e i possibili sviluppi adottati a seconda dell’altezza del pressing avversario.

Come secondo obiettivo daremo spazio anche ad alcuni comportamenti e principi di gioco riconosciuti con maggior frequenza nella squadra in esame.