Browsing: Situazioni di 1 contro 1 Contestualizzate a Zone di Campo

Articoli Premium
By 0

1 contro 1 Contestualizzato a Zone di Campo – Proposta Sei

Nell’articolo di oggi vediamo il sesto appuntamento per la rubrica “1 contro 1 contestualizzato a zone di campo”. La proposta è stata sviluppata sul campo con un gruppo di Pulcini (primo anno) ed è a mio avviso inoltre rivolta alle categorie Primi Calci ed Esordienti; non escluderei comunque un suo utilizzo neppure con la categoria Giovanissimi.

Il tutto nasce da una riflessione tremendamente semplice: anche al bar del paese ormai si parla che in Italia non nascono più giocatori che saltino l’uomo. Che sia vera o no tale affermazione, se fate un giro nelle nostre varie scuole calcio noterete però “vagonate” di 1 contro 1, esercitazioni su esercitazione di duelli 1 contro 1. Perché ormai il concetto l’abbiamo capito: nella scuola calcio bisogna insegnare l’uno contro uno. Ok. Ma com’è allora che si continua a dire che non formiamo giocatori che saltino l’uomo? Se tutti lavorano sull’uno contro uno non dovrebbe essere vera l’affermazione iniziale!

Tra le riflessioni e considerazioni a cui sono giunto, c’è che probabilmente stiamo sbagliando qualcosa anche nello scegliere e ideare le proposte, spesso, seppur situazionali, lontane dal contesto tattico della partita. Si badi bene che queste osservazioni sono valide anche per le categorie dell’attività di base, perché un uno contro uno decontestualizzato, seppur utile, fornirà spunti limitanti rispetto a ciò che il nostro giocatore ritroverà in partita.

L’obiettivo di questa rubrica vuole essere quello di ideare diverse proposte con un comune denominatore: sviluppare delle situazioni di 1 contro 1 – alcune saranno davvero degli uno contro uno? – in cui il giocatore sarà calato in precise porzioni di campo, sviluppando smarcamenti e comportamenti che in partita gli serviranno per davvero.

Articoli Premium
By 0

1 contro 1 Contestualizzato a Zone di Campo – Proposta Cinque

Nell’articolo di oggi vediamo il quinto appuntamento per la rubrica “1 contro 1 contestualizzato a zone di campo”. La proposta è stata sviluppata sul campo con un gruppo di Pulcini (primo anno) ed è a mio avviso inoltre rivolta alle categorie Primi Calci ed Esordienti; non escluderei comunque un suo utilizzo neppure con la categoria Giovanissimi.

Il tutto nasce da una riflessione tremendamente semplice: anche al bar del paese ormai si parla che in Italia non nascono più giocatori che saltino l’uomo. Che sia vera o no tale affermazione, se fate un giro nelle nostre varie scuole calcio noterete però “vagonate” di 1 contro 1, esercitazioni su esercitazione di duelli 1 contro 1. Perché ormai il concetto l’abbiamo capito: nella scuola calcio bisogna insegnare l’uno contro uno. Ok. Ma com’è allora che si continua a dire che non formiamo giocatori che saltino l’uomo? Se tutti lavorano sull’uno contro uno non dovrebbe essere vera l’affermazione iniziale!

Tra le riflessioni e considerazioni a cui sono giunto, c’è che probabilmente stiamo sbagliando qualcosa anche nello scegliere e ideare le proposte, spesso, seppur situazionali, lontane dal contesto tattico della partita. Si badi bene che queste osservazioni sono valide anche per le categorie dell’attività di base, perché un uno contro uno decontestualizzato, seppur utile, fornirà spunti limitanti rispetto a ciò che il nostro giocatore ritroverà in partita.

L’obiettivo di questa rubrica vuole essere quello di ideare diverse proposte con un comune denominatore: sviluppare delle situazioni di 1 contro 1 – alcune saranno davvero degli uno contro uno? – in cui il giocatore sarà calato in precise porzioni di campo, sviluppando smarcamenti e comportamenti che in partita gli serviranno per davvero.