“Coaching Mentale ed Emotivo”: Differenza tra Gruppo e Squadra, di Giampaolo Runello

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“Coaching Mentale ed Emotivo”: Differenza tra Gruppo e Squadra

Buongiorno a tutti! In questo nuovo articolo vediamo insieme la differenza tra gruppo e squadra.

Il gruppo è definito come un insieme di persone, individui, che interagiscono tra loro, con funzioni anche analoghe e che condividono lo stesso ambiente o spazio di azione. Il gruppo è dotato di norme di comportamento, che possono essere stabilite sia esternamente che internamente.

Basti pensare, per esempio, al caso di alcuni ambienti di lavoro, nei quali le norme che il gruppo di lavoratori deve rispettare sono stabilite gerarchicamente dal datore di lavoro. Quindi un soggetto esterno al gruppo, identifica e stabilisce le regole di convivenza che i membri del gruppo devono rispettare all’interno dello stesso.

La squadra, o team, invece, è un insieme di persone, individui, che interagiscono tra loro, con funzioni analoghe, complementari o anche opposte, per raggiungere insieme un determinato obiettivo o risultato stabilito a priori e modificabile, in relazione alla situazione.

Anche la vita di una squadra, è sottoposta a norme o regole di comportamento. Queste, possono essere date dall’esterno o dall’interno, ma sono più frequenti casi nei quali le norme vengono stabilite internamente al team.

È il caso specifico nel quale è il Leader della squadra a indicare le regole che gli altri componenti devono rispettare e far rispettare a loro volta da tutti. Quindi un soggetto interno al team, legittimato al ruolo di Leader dagli altri componenti, identifica e stabilisce le norme che lui e la squadra sono tenuti a seguire.

Qui, notiamo due differenze sostanziali tra gruppo e squadra:

  • la squadra agisce in modo coeso per il raggiungimento di un obiettivo o più obiettivi;
  • la squadra ha al suo interno una figura di riferimento, il Leader, che assume il ruolo di punto di riferimento, di guida per tutti gli altri componenti (Followers).

Una squadra si definisce tale quando, ciascun membro, conosce esattamente quale è il proprio ruolo in relazione all’obiettivo da raggiungere.

E soprattutto, in una vera squadra nessuno si sognerebbe mai di prevaricare o denigrare gli altri. A tal proposito diventa fondamentale che il team sia dotato di una visione comune.

Una visione comune, o vision, permette a tutti i membri di stabilire e condividere insieme i valori fondamentali alla base del funzionamento e della vita della squadra stessa. Inoltre la vision permette di non perdere mai di vista l’obiettivo o gli obiettivi stabiliti, in un’ottica di lavoro di lungo periodo. Spetta al Leader, definire la visione comune della squadra.

La situazione ideale, a tal proposito, si verifica quando il Leader definisce la visione comune della squadra in relazione alle caratteristiche e valori individuali dei suoi Followers, cioè di coloro che completano il team. Compito del Leader è fa sentire tutti i componenti importanti e valorizzati. Comprende quali sono le giuste leve che muovono il team. Stimola tutti in egual misura a contribuire secondo le proprie potenzialità all’espressione della visione comune.

Troppe volte si assiste a situazioni nelle quali i componenti di una squadra non vengono davvero messi in condizione di potersi esprimere al meglio. Situazioni nelle quali il Leader, o presunto tale, si sente in diritto di favorire alcuni a discapito di altri.

In una squadra, il valore di ciascuno non viene mai messo in discussione. Si considerano tutti i componenti come fondamentali ed essenziali al raggiungimento dell’obiettivo comune. Nessuno viene lasciato indietro o messo da parte.

Potremmo sintetizzare che una squadra vince insieme e perde insieme. Costruire una grande squadra è qualcosa che richiede tempo. Non accade dall’oggi al domani.

Richiede forza, dedizione, passione.

Richiede la pazienza e la determinazione necessaria per non farsi abbattere dalla mancanza del risultato immediato e dirigere la propria attenzione a qualcosa che ancora non è visibile in superficie; ma che è nascosto nell’animo di ciascun componente.

 

 

Credit Immagine: https://www.gazzetta.it/

 

 

Share.

About Author

Giampaolo Runello

Giampaolo Runello, nato il 6 luglio 1982 a Genova. Coach Umanista diplomato presso la Scuola di Coaching Umanistico diretta dal Dott. Luca Stanchieri. Appassionato di calcio, allenamento del talento e Fondatore di Potential Fit, un Team di Coach operante in ambito sport e business. https://www.potentialfit.it/sport/

Leave A Reply