Lavoro Organico con la Palla: Possesso e Small Sided Games

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Es. Atletcia col pallone: Possesso e Small Sided Games

Campo necessario: tutto campo
Giocatori coinvolti: tutti inclusi
Palloni: in gran numero
Allenatori/Assistenti: almeno 2, meglio 3

Formiamo 2 squadre e dividiamole in 2 sottogruppi.
L’esercitazione comincia con un possesso palla tra 2 squadre contrapposte nella metà campo di destra. Quì l’obiettivo sarà quello di contendersi il possesso per guadagnare 1 punto con 8 passaggi consecutivi. Possiamo anche pensare di schierare le 2 squadre, trasformandolo in un gioco di posizione, dando più ordine alla proposta. In senso verticale ho schierato le 2 squadre col 4-2-3-1

Es. Atletica col pallone Possesso - Partita - Possesso

Il numero di tocchi nel possesso palla può essere vincolato o meno.
Al fischio del mister, ogni 2’30”-3′, le due squadre dovranno allungare fino a toccare il paletto posto al centro del campo (così tutti percorrono la stessa distanza) per poi, sempre in allungo, portarsi nei 2 campi di sinistra

Come detto in precedenza, le 2 squadre sono a loro volta divise in 2 sottogruppi, quindi avremo 4 gruppi. Anticipatamente viene scelto il gruppo num.1 e il num.2.
Al fischio del mister le 2 squadre abbandonano il proprio campo per portarsi in allungo nei 2 campi di sinistra. I due gruppi numeri 1 si sfideranno nel campo in alto, mentre i gruppi num.2 in quello in basso

I 2 gruppi num.1 saranno impegnati in un possesso palla a tocchi vincolati (2) per guadagnare 1 punto ogni volta che riusciranno a colpire uno dei 5 birilli disseminati per il campo. NOTA: i birilli vengono inseriti dentro un paletto, in modo tale che quando questi vengono colpiti non cadono e si può continuare a giocare senza soste. Non si possono ottenere 2 punti consecutivi nello stesso birillo

I 2 gruppi numeri 2 saranno invece impegnati in una mini-partita con porte e portieri. Possiamo limitare i tocchi anche in questo campo ma li lascerei liberi visto che lo facciamo già nell’altro campo
NOTA: i portieri restano sempre nello stesso campo di gioco e quando le 2 squadre saranno interamente impegnate nel possesso, potranno magari svolgere dei rinvii con le mani o coi piedi, per rimanere attivi

Al successivo fischio del mister, 2’30”-3′, i gruppi numeri 1 e 2 si invertono il campo di gioco e quindi l’obiettivo. Al successivo fischio le 2 squadre dovranno abbandonare in allungo il proprio campo terminando l’esercitazione andando a toccare il paletto posto nella metà campo di destra.

NOTE E VARIANTI

-Possiamo scegliere alcuni Jolly. Questi per esempio possono svolgere dei ruoli chiave se impostiamo il possesso palla in gioco di posizione nella metà campo di destra. Poi al fischio cambiano campo anche i Jolly, quindi il successivo possesso e la successiva partita si giocheranno in inferiorità ed inferiorità numerica

-Le dimensioni dei campi di gioco dipendono dal numero di giocatori che abbiamo a disposizione. Con 16 giocatori ne uscirà un 8v8 nella metà campo di destra e un doppio 4v4 nell’altra metà campo. Con 20 giocatori un 10v10 e 5v5. Con 18 giocatori possiamo invece svolgere un 9v9 e successivamente un gruppo lavora 5v5 e l’altro 4v4

-I tempi di lavoro e di recupero che ho dato sono solo indicativi. E’ chiaro che squadre impegnate in campionato nazionali avranno tempi di lavoro differenti da quelle che svolgono i campionati provinciali. Si può anche pensare di continuare nel possesso palla una volta rientrati nella metà campo di destra

-Avere almeno 2 assistenti ci permette di controllare i 2 campi di gioco. Ogni volta che la palla esce e si allontana particolarmente, il mister ne introduce immediatamente un’altra

-Possiamo dare ulteriori obiettivi nel possesso palla, come ad es. la ricerca dell’1-2

Puoi rimanere ogni giorno aggiornato sui nuovi contributi di Ideacalcio seguendomi alla pagina Facebook Ideacalcio

Credit Immagine: http://azzeccalapuntata.net/wp-content/uploads/2013/09/Calcio-Juve-che-fatica-con-lHellas.jpeg

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

4 commenti

  1. Avatar

    Questo è davvero un grandissimo esercizio, non che gli altri non lo siano, i ragazzi svolgono allunghi e lavoro atletico sempre con meno entusiasmo rispetto ad esercizi in cui si utilizza i pallone, in questa esercitazione si combinano le 2 cose, davvero complimenti e grazie di darci sempre nuovi spunti per poterci divertire e far divertire i nostri ragazzi

      • Avatar

        Io sono d’accordo e anche io utilizzo la palla nei lavori aerobici ma sono convinto del fatto che in preparazione precampionato la preparazione a secco oltre a preparare meglio i ragazzi li fortifichi tantissimo caratterialmente

        • Avatar

          nella mia metodologia di lavoro, i lavori a secco hanno finalità puramente psicologiche.
          Mi
          spiego meglio. Io lavoro esclusivamente con palla e sempre ad alta
          intensità. Ottengo dei risultati davvero straordinari. Ho però capito
          l’importanza di inserire dei piccoli lavori a secco (ccvv, 4’….) una
          volta ogni 3 settimane. I 4′ non hanno nessun effetto dal punto di vista
          organico, ma psicologico sì. Infatti quando li propongo, i ragazzi li
          subiscono parecchio. Sono abituati a viaggiare a mille con la palla ma
          nella loro carriera troveranno diversi allenatori che li faranno
          lavorare anche a secco. sta a me quindi fargli capire cosa li aspetterà
          un giorno

Leave A Reply