Partita ad alta intensità: pressing e riconoscimento degli spazi per dentro o per fuori

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Si tratta di una Partita ridotta che, con gli opportuni accorgimenti relativi alle dimensioni dello spazio di gioco, i tempi di lavoro, di recupero e il numero di ripetizioni, può essere una validissima alternativa a tanti lavori a secco. Oltre che sotto l'aspetto condizionale - osservabili maggiormente dal preparatore atletico - la proposta fa emergere diversi principi di gioco, come ad esempio:

in fase di non possesso, pressing ultra-offensivo
in fase di possesso, riconoscimento della condizione numerica e della densità difensiva avversaria 
come sotto-sotto-principi, la percezione dell'intorno (velocità decisionale)

Questo articolo è disponibile solo per gli Abbonati:

  • Se sei già abbonato Accedi per visualizzare l'articolo.
  • Altrimenti visita questa pagina e scopri i nostri Abbonamenti!

 

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este