Esercitazione Difensiva: Allenare una Coppia di Difensori

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Esercitazione Difensiva: Allenare una Coppia di Difensori

Nell’articolo di oggi ripropongo, aggiornata, una proposta utile a mio avviso a partire dalla categoria Esordienti e per tutto il settore giovanile; da inserire ad inizio stagione per valutare le conoscenze dei giocatori, coi più grandi, o durante la stagione per allenare alcuni Principi di Tattica Collettiva in Fase di Non Possesso.

Esercitazione utile da inserire all’interno di una progressione situazionali che, a seconda della categoria, parte da proposte anche con una minor complessità.

Non possiamo infatti pensare di poter difendere in collaborazione col compagno se prima non sappiamo difendere BENE individualmente.

I nostri difensori (Gialli) si dispongono come da figura, con due di questi in campo e i restanti in attesa a lato della porta. Gli attaccanti si collocano su due file numerate ed entrambe in possesso dei palloni.

Es. Difensiva 2v1 con Transizione

Il portiere (o il mister) comanda l’esercizio, indicando la fila numero (1) o la fila numero (2).
Il giocatore della fila corrispondente parte in guida della palla per andare al gol, mentre i due difensori collaborano uscendo in pressione sul portatore e garantendo copertura sul compagno (situazione di 1 contro 2).

Se i difensori recuperano palla avranno 5 secondi per segnare in una delle due porticine laterali.
Non appena l’azione termina, gol o palla che esce, il portiere (o il mister) chiama subito l’attaccante successivo che entra palla al piede per un nuovo 2 contro 1. Il portiere potrà chiamare anche la stessa fila.

I due difensori, oltre a dover curare gli aspetti comunicativi, dovranno lavorare sulla transizione positiva (nel momento del recupero del pallone) e su quella negativa (reagendo prontamente al secondo attacco che, ricordiamo, non sapranno precisamente da quale fila proverrà.

Cambiamo la coppia di difensori dopo un numero prestabilito di attacchi, 5-6. Attenzione ai tempi di lavoro e di recupero, perché può diventare un importante lavoro condizionale, legato in particolare alla forza.

Punti Chiave

  • accorciare velocemente sul portatore
  • curare la distanza di frenata e la corretta postura nella fase di uscita in pressione sul portatore
  • difesa della porta mentre affronto l’attaccante
  • il difensore in pressione dove indirizza l’attaccante? Verso l’esterno o verso il compagno in copertura? E’ una scelta indicata dall’allenatore, soprattutto coi più grandi.
  • Il compagno in copertura dovrà essere alla giusta distanza, pronto ad intervenire qualora il compagno venga saltato

VARIANTI

  • Il secondo attaccante che entra si unisce al primo. Situazione di 2 contro 2.
  • Il terzo attaccante che entra si unisce ai precedenti. Situazioni di 3 contro 2.
  • Disposizione iniziale delle fila di attaccanti su due lati differenti.
  • Dalla terza situazione l’azione inizia con un passaggio e non più entrando in conduzione.

Credit Immagine: http://www.ilritaglio.it/

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply