Scuola Calcio: sfida a squadre per il tiro in porta

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Scuola Calcio: sfida a squadre per il tiro in porta

Nell’articolo di oggi rivediamo aggiornata una proposta pubblicata per la prima volta su Ideacalcio nel Luglio 2013. L’esercizio rientra in qualche modo nei “classici”, ossia in quelle proposte che almeno una volta ci sarà già capitato di vedere o proporre. Le categorie di riferimento sono quelle della Scuola Calcio e soprattutto quelle Primi Calci e Pulcini. L’obiettivo è allenare il tiro in porta mediante una sfida a squadre e più precisamente con una “sfida a orologio”: mentre una squadra svolge un compito, l’altra ne svolte un altro, svolgendo il ruolo di orologio/tempo per gli avversari; più veloci saranno a portare a termine il loro obiettivo, minor tempo avrà a disposizione la squadra avversaria.

Oltre al tiro in porta, gli obiettivi tecnici che troviamo in questo esercizio sono il tiro in porta, la guida della palla e la trasmissione. Tra quelli condizionali la velocità.

Variando le distanze e apportando qualche accorgimento (obiettivi e sotto-obiettivi) questo genere di esercizi possono essere utilizzati anche nell’attività agonistica.

Competizione a squadre Gioco Orologio Tiro in porta

L’obiettivo della squadra rossa è quello di realizzare il maggior numero di reti dopo aver guidato la palla verso una sagoma, eseguito una finta su di essa per poi calciare immediatamente in porta. Quest’ultima viene divisa in settori: possono essere collocati dei cerchi in prossimità dell’incrocio dei pali, possono essere posizionati dei paletti ad una distanza di 1m dal palo o può essere divisa la porta orizzontalmente legando un filo ai pali. L’allenatore indica, prima dell’inizio del gioco, i vari punteggi in caso di gol in ogni settore

Il secondo giocatore rosso parte non appena il compagno precedente calcia in porta. Dopo il tiro si recupera il pallone e si torna in fila.

Nel frattempo la squadra gialla si divide alle due estremità del suo percorso, distanti circa 25m.
Il primo giocatore giallo parte in guida della palla per affrontare in slalom quattro coni (distanza 1m circa l’uno dall’altro). Uscito dall’ultimo cono esegue un passaggio per il compagno che sta di fronte e in sprint si cambia fila. Chi riceve il passaggio parte a sua volta in guida della palla. Ogni trasmissione dei gialli dovrà essere contata ad alta voce in quanto, arrivati a 15-20 trasmissioni, i gialli completeranno il loro obiettivo e i rossi non potranno più calciare in porta.

Si contano quanti gol (o punti se la porta è zonata) han fatto i rossi e si invertono i compiti delle squadre. Vince la squadra che, nel tempo necessario alla squadra avversaria per eseguire 15 trasmissioni, segna più gol (fa più punti).

Si possono eseguire diverse “manche” apportando magari delle varianti:

  • passaggio a parabola
  • si può calciare solo col piede debole
  • finta a richiesta sulla sagoma
  • dopo la trasmissione a parabola si esegue un percorso motorio posizionato a lato del percorso

 

Foto di andres_barajasg da Pixabay

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este

Leave A Reply