Il lavoro specifico dell’attaccante: controllo orientato e tiro in porta

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Il lavoro specifico dell’attaccante: controllo orientato e tiro in porta

Nell’articolo di oggi rivediamo aggiornata una proposta pubblicata originariamente su Ideacalcio nel settembre 2013 e rivolta in particolare per l’attività agonistica; tuttavia, un suo utilizzo può essere valido/utile anche con le categorie più piccole.

Si tratta di un esercizio piuttosto specifico che era stato ideato per allenare gli attaccanti al tiro in porta dopo un controllo orientato; resta comunque il fatto che, a seconda della categoria, potrà essere rivolta anche all’intera rosa.

Oltre al tiro in porta ci si concentrerà sull’importanza del primo controllo di palla che sarà effettuato con diverse richieste.

All’interno della mezzaluna fuori dall’area di rigore, vengono posizionati tre coni per simulare un ipotetico avversario; in alternativa possibilità di collocare una vera e propria sagoma.
Il primo giocatore che conclude in porta si posiziona a circa 2 metri dai coni e fronte alla porta. I restanti giocatori si posizionano in diagonale a circa 6-8 metri.

Tecnica Applicata Il lavoro della punta Controllo Orientato e tiroo

Chi ha la palla la trasmette al compagno posto davanti ai coni, il quale esegue il controllo richiesto e va al tiro. Chi tira recupera il pallone e si porta in fila, mentre chi ha passato palla prende il posto del compagno al limite dell’area.

I vari controlli

  • Passaggio sul dx, apertura di interno dx e tiro di dx
  • Passaggio sul sx, chiusura di esterno dx e tiro di dx
  • Passaggio sul sx, chiusura di interno sx e tiro di dx
  • Passaggio sul sx, controllo di sx dietro la gamba d’appoggio e tiro di dx
  • Passaggio sul dx, controllo con la suola, vado via con l’interno sx verso dx e tiro di dx
  • Passaggio sul dx, tocco sotto di prima intenzione a scavalcare l’ostacolo (i coni) e tiro in porta di dx
  • Passaggio sul dx, controllo d’interno in avanti, palla da una parte e attaccante dall’altra, tiro di dx

L’esercizio potrà essere eseguito anche con partenza sul lato opposto, andando a calciare col sinistro.

Osservazioni

La richiesta di dover trasmettere la palla sul destro o sul sinistro del compagno, a seconda del controllo richiesto, richiede una maggior attenzione selettiva da parte di chi trasmette la palla.

Andrà inoltre osservata la rapidità d’esecuzione del tiro in porta, riducendo al minimo il tempo che intercorre tra controllo e tiro in porta. Una volta vidi un giocatore con trascorsi in serie D venire ad allenare nella nostra piccola realtà di quartiere. La cosa che più mi colpì fu proprio la rapidità del gesto nel calciare in porta. Una differenza tra lui e gli altri giocatori che sembrava davvero stratosferica, nonostante si trattassero di frazioni di secondo.

Un’idea può anche essere quella di zonare la porta, richiedendo in questo modo una maggior attenzione selettiva anche nel momento della conclusione. Potranno essere assegnati punti differenti, a seconda della zona in cui si conclude, oppure il gol verrà convalidato solamente in zone specifiche della porta.

 

Foto: https://www.thenationalnews.com

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este

Leave A Reply