Una Seduta Completa col Campo Impraticabile – Ingegnarsi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Una Seduta col Campo Impraticabile – Ingegnarsi

Nell’articolo di oggi ripropongo aggiornato un mio vecchio articolo, pubblicato sei anni fa, e a cui tra l’altro sono molto affezionato per i ricordi che mi riporta alla mente.  Nel corso di quella stagione le condizioni meteo hanno obbligato numerosi allenatori a stravolgere o modificare le loro sedute d’allenamento.

Purtroppo non tutti hanno la fortuna di potersi allenare su superfici sintetiche, fango e pozzanghere la fanno ancora da padrone in numerosi campi.
Conscio del fatto che il campo era impraticabile per le motivazioni appena descritte, mi sono ritrovato nelle condizioni di dover pensare ad una seduta che non prevedesse la palla a terra ed ecco cosa ne è saltato fuori. Un’ultima premessa: qualcuno potrebbe obiettare: “beh ma in queste condizioni meglio rimandare l’allenamento“. Certo, è una soluzione. Dal canto mio, vista la disponibilità dei ragazzi, ho preferito mettermi a disposizione e trovare un modo per cui la seduta risultasse ugualmente utile.

Categoria Interessata: Juniores

La messa in azione è stata svolta con un’attivazione dinamico-ritmata che potete trovare a fondo articolo. Dopo una prima fase di 3-4 minuti di corsa blanda siamo passati agli esercizi di mobilità che trovate nel video. La durata totale, viste anche le condizioni climatiche, è stata di circa 12 minuti.

La messa in azione è poi continuata con delle situazioni destrutturate ma, visto che la palla non rotolava nemmeno, ho pensato di lavorarci esclusivamente con le mani. Sì, con le mani!!
Ho ridotto le distanze tra i vari giocatori e le ho svolte con le mani, continuando ad insistere sui tempi di gioco e sollecitando i ragazzi a passaggi tesi.
Di seguito le 3 combinazioni che ho svolto:

Questa fase è durata circa 20 minuti, dedicandone circa 7 ad ogni sequenza.

A questo punto sono riuscito a ricavare una striscia di campo di 5 metri dietro la porta; l’unica porzione di campo praticabile.

A seconda del giorno della settimana in cui ci ritroviamo possiamo eseguire due lavori differenti:

Se lontani dalla partita possiamo lavorare sulla resistenza alla velocità, con una proposta di lavoro tipo la seguente:

  • 6×10 metri, recupero tra le ripetizioni 1:5, recupero 2’30”
  • 4×20 metri, recupero tra le ripetizioni 1:5, recupero 4′
  • 2×30 metri, recupero tra le ripetizioni 1:5

Oppure tre stazioni per allenare la rapidità:

Allenamento Campo Impraticabile(3)

  • Prima Stazione: tre cerchi. 1 appoggio sul primo e sul secondo, 2 appoggi sul terzo, sprint 5 metri, entro ed esco dalla porticina, sprint 5 metri. Variante: attacco di dx sul primo, attacco di sx sul primo, 2 appoggi sul primo con attacco di dx, 2 appoggi sul primo con attacco di sx. Totale 4 ripetizioni;

 

  • Seconda Stazione: varie forme di skip tra i due over, sprint 5 metri, piegamento sulle braccia all’interno del cerchio, sprint 5 metri, varie forme di skip sui due over e sprint 5 metri. Con le varie tipologie di skip possiamo sbizzarrirci. Totale 4 ripetizioni;

 

  • Terza Stazione: varie forme di appoggi sulla “speed ladder” e sprint 10 metri. Totale 4 ripetizioni

 

A questo punto sono passato a delle esercitazioni per il tiro in porta anche se sconsiglio di lavorarci se decidete di proporre un lavoro sulla resistenza alla velocità. Potrebbe risultare molto sgradevole incorrere in spiacevoli infortuni.

Avendo un portiere ho pensato di coinvolgerlo con dei tiri in porta ma visto che la palla non rotolava ho pensato di eseguirli al volo.

Ho preparato tre postazioni, formate ciascuna da tre birilli, distanti 2 metri l’uno dall’altro. Formiamo 2-3 squadre, a seconda del numero di giocatori a disposizione.

L’esercizio prevede una partenza in palleggio con successivo slalom, sempre in palleggio, per poi concludere al volo all’uscita dall’ultimo cono.

Allenamento Campo Impraticabile

Si assegna 1 punto per ogni gol. Se la palla cade durante il palleggio si torna in fila.

Ogni 5 minuti si ruota di una postazione. Su quella di sinistra si calcia solo col sinistro, su quella di destra col destro e su quella centrale a piacere. La squadra che perde esegue una penitenza (raccolta del materiale, piegamenti braccia, ecc…). L’esercitazione è durata 15 minuti, con 5 minuti per ogni postazione.

L’ultima esercitazione è piaciuta tantissimo ai ragazzi, difatti è durata ben 10 minuti in più del previsto. Sempre sotto forma di competizione a squadre. Le due squadre si dividono in due sottogruppi; uno col la palla in mano, a lato della porta, e uno senza palla fuori dall’area.

Si alterna un tiro della squadra gialla ad uno della squadra bianca. Il giocatore a lato della porta, con palla in mani, la calcia con parabola aerea per la conclusione del primo compagno posto fuori area.

Si assegna 1 punto per ogni gol. Si può anche permettere di effettuare uno o più controlli, calciando però sempre al volo. Chi passa la palla e chi calcia in porta si cambiano di posizione dopo ogni tiro. Anche in questo caso la squadra che perde esegue una penitenza.

Allenamento Campo Impraticabile(2)

Quest’ultima esercitazione non è per nulla semplice, sia per la coordinazione che necessità un tiro al volo sia perché il compagno non sempre riesce a trasmettere la palla estremamente precisa; per questo motivo chi calcia potrà trovarsi spesso in condizioni difficili, con scarsa coordinazione o con traiettorie difficili da controllare.

In quest ultimo esercizio si sono visti gol che potrebbero essere inseriti nell’almanacco della storia del calcio e tiri di cui si sta ancora cercando il pallone…

 

 

Credit Immagine: https://www.bergamoesport.it/

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

2 commenti

  1. Avatar
    lorenzo traini on

    lavori ben definiti e tanta tanta tecnica calcistica nelle esercitazioni proposte! anche io sono convinto che la tecnica non va mai allenata poco ma tanto! e ci sono tantissime esercitazioni che se fatte bene ad alta intensita’ ci si allena anche sotto l’aspetto fisico! complimenti x i lavori proposti. alleno anch’io nella cat juniores con il morro d’oro calcio. societa’ abruzzese.

Leave A Reply