Partita di Progressione: Esercitare la Fase di Non Possesso

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Nell'articolo di oggi presento un'esercitazione, e due sue varianti, rivolta a tutte le categorie dell'attività agonistica, dai Giovanissimi agli Adulti.

Si tratta di una Partita di Progressione ideata per osservare e far emergere principalmente dei Principi, sotto-Principi e sotto-sotto-principi in fase di difesa organizzata.

Solitamente, nell'ideare Possessi e Partite di Progressione, mi concentro sulla fase di possesso, lasciando che i principi in fase di non possesso e nelle transizioni vengano trasferiti dai giocatori da altre esercitazioni, come ad esempio dai lavori a pressione (indicativamente, inserisco un'esercitazione alla settimana).

Nelle settimane in cui ho introdotto queste esercitazioni ho sostituito uno dei tanti possessi a pressione con queste proposte, innalzando inevitabilmente il carico cognitivo.

"Non si tratta più di uscire in pressione solamente sull'uomo, ma di indirizzare la giocata, scivolare in zona palla e marcare in anticipo".

Personalmente, mi piace una fase di non possesso orientata prevalentemente sull'uomo, in cui tutti abbiano un riferimento e votata ad una riconquista aggressiva della palla. Il tergiversare, il lavorare sulla chiusura delle linee di passaggio, attendendo l'errore dell'avversario, non mi piace. Ma come ho detto, è un gusto personale. Preferisco che la mia squadra sia pro-attiva anche quando la sfera è in possesso dell'avversario, provando a determinare il contesto tattico in cui si giocherà la gara.

FOCUS TATTICO

movimenti in sinergia (scalate) per pareggiare l'iniziale inferiorità numerica sull'esterno
con palla sull'esterno invitare a giocare in verticale ("la linea laterale è nemica del portatore"). Lo stile di corsa per l'uscita in pressione diventa fondamentale;
con palla fuori, marcare in anticipo dentro. Non dar la possibilità agli interni avversari di ricevere e ribaltare il gioco;
in difesa, l'obiettivo deve essere quello di giocare sull'anticipo. Se gioco sempre a 5 metri dall'avversario difficilmente riuscirò a farlo. Valutare la possibilità di lavorare al fianco dell'attaccante;

Questo articolo è disponibile solo agli Abbonati Premium:

  • Se sei già abbonato Accedi per visualizzare l'articolo.
  • Altrimenti visita questa pagina e scopri le funzioni dell'Abbonamento Premium!

 

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.